Al via “Samsung App Academy”, 30 giovani a lezione di app

Politecnico e Samsung danno la possibilità agli studenti di diventare sviluppatori: il lavoro del futuro

Creare app per qualcuno è solo una passione ma il Politecnico di Milano e Samsung hanno capito che sarà il lavoro di domani. Ecco perché hanno lanciato per il secondo anno, un corso (unico in assoluto in Italia) per fornire competenze avanzate nello sviluppo di app android. Il progetto di formazione professionale si chiama “Samsung app academy” ed è rivolto a trenta studenti che siano laureti, diplomati e professionisti attualmente senza occupazione ma con la passione per le app.

SAMSUNG-APP-ACADEMY-1

Credits by advertiser.it

L’anno scorso era stato un successo: nato per offrire conoscenze e strumenti allineati alle tendenze dell’economia digitale, su cui fare leva per una maggiore valorizzazione e competitività dei talenti italiani, aveva riscontrato un notevolissimo interesse ricevendo 200 iscrizioni in 10 giorni e superando le aspettative di tutti.

Un buon risultato che ha avuto anche conseguenze positive per i partecipanti: molti studenti sono arrivati a realizzare delle APP creando modelli di business, e i migliori svolgono attualmente stage in Samsung e in società partner per continuare a perfezionare e applicare quanto appreso.

In partenza il 4 maggio, la nuova edizione di Samsung App Academy si articola su venti giornate distribuite su poco più di due mesi con un programma formativo di 160 ore che prevede tre macro-moduli: “Fondamentali per la creazione di servizi Mobile”, per l’apprendimento delle principali nozioni necessarie per iniziare a sviluppare servizi e applicazioni Mobile; “Sviluppo Android,” per acquisire le basi per lo sviluppo di App su piattaforma Android, e “Wearable e Internet of Things” durante il quale si approfondirà la realizzazione di app specifiche per questi mercati ad alto potenziale di sviluppo. Ogni studente, inoltre, avrà a disposizione all’interno dell’aula Samsung tablet, smartphone e PC Samsung, per poter testare in un contesto reale le differenti soluzioni proposte durante il corso.

“Alla luce del bilancio estremamente positivo della scorsa edizione, siamo particolarmente lieti – ha affermato Mario Levratto, Strategic Planning & External Relations Director Samsung Electronics Italia – di poter replicare anche quest’anno Samsung App Academy, progetto che aiuta in modo concreto i talenti italiani a sviluppare competenze allineate con i trend del mercato, che richiede professionalità sempre più specializzate, soprattutto in ambito digitale Valorizzare i talenti e offrire loro opportunità per un futuro migliore è da sempre una delle nostre priorità, che in Italia promuoviamo con progetti come questo, che rispondono alle esigenze locali. La tecnologia, il supporto e le risorse Samsung, integrate con il metodo didattico del MIP, aiuteranno questi ragazzi ad acquisire un vantaggio competitivo in Italia, ma anche all’estero”.

Dall’altro canto Samsung e il Politecnico guardano al futuro: secondo una ricerca Samsung, questo mercato genererà nel mondo opportunità di business per un valore pari a mille miliardi di dollari entro il 2020, con una crescita del 18% rispetto al 2014, e che guiderà l’espansione di diversi ambiti, tra cui l’elettronica di consumo, la sanità, l’automotive e il commercio. In parallelo, la tecnologia indossabile si diffonderà sempre di più, permettendo alle persone di rimanere “sempre connesse” anche attraverso oggetti che tutti portano ogni giorno – orologi, occhiali, capi di abbigliamento, braccialetti – ampliando enormemente la varietà di servizi che è possibile introdurre: dal monitoraggio del sonno e dell’attività sportiva per esempio oppure fare il check-in in hotel senza passare dalla reception. Tutto questo consentirà di comunicare in totale libertà, rimanendo costantemente in contatto con il proprio mondo.

Ti potrebbe interessare anche

Miur e Samsung portano Lim e tablet in 54 scuole

Boom di domande per il primo bando su “Protocolli in rete” del Ministero dell’Istruzione: 933 scuole partecipanti, assegnate le forniture a 54 istituti

Il sequestro dell’intero dominio .cat in Catalogna, Flora: «Gravissimo e pericoloso» | Video

Più di 100 mila domini sotto sequestro: è l’effetto dell’irruzione della Guardia Civil spagnola nella Fundació puntCat. Obiettivo: oscurare i siti che promuovono il referendum per l’autonomia della Catalogna

Una startup slovacca produce su ordinazione case trasportabili. Ecocapsule

Questi moduli abitativi producono energia pulita e filtrano l’acqua piovana. Possono essere posizionati dovunque e offrono una soluzione a chi non vuole rinunciare né alla comodità né all’avventura dell’esplorazione