Google Edu migliora le sue app per il #backtoschool

Tra poco riapriranno le scuole, e il motore di ricerca ha aggiornato le sue app: più funzionalità e un occhio di riguardo alla grafica

“Prendili già da giovani” sembra pensare Google, la grande G, che dopo aver fatto il restyling del suo logo, sta aggiornando anche il suo programma Education. Più sono giovani gli utenti, infatti, maggiore sarà il coinvolgimento con l’azienda. Secondo i numeri di Google, la piattaforma con le “Education app” raccoglie 40 milioni di utenti tra insegnanti e studenti. Il programma riservato all’istruzione di Google è stato lanciato nel 2007, ed ora, in vista del “back to school”, del ritorno a scuola, è stato migliorato. Gli aggiornamenti alle app saranno inseriti in tutte le versioni dei prodotti. Ecco cosa è cambiato.

google_apps_banner

1. Bottone di ricerca per Android

Lo strumento di ricerca per le app, è arrivato anche in Android. In questo modo, mentre si lavora su un documento, si possono aggiungere link e immagini senza dover andare su un browser, cercare l’immagine e fare copia e incolla.

2. “Parla al doc”

La voce che Google utilizza per le ricerche su Google Now, ora è disponibile anche sull’app Docs. Si possono dettare le note sui documenti e sui compiti su si sta lavorando, e il programma scrive per voi. E’ una grande innovazione che sicuramente farà leva sui ragazzi, di solito appassionati a qualsiasi cosa abbia a che fare con il controllo vocale.

3. Storico delle modifiche

Sapere con precisione chi ha modificato cosa in un doc è sempre molto utile, soprattutto quando si lavora in gruppo. Conoscere immediatamente le modifiche apportate da qualcun altro in un report  a cui si sta lavorando migliora e velocizza il risultato.

4. Trovare trend nei fogli di calcolo

La nuova modalità “Esplora nei fogli di calcolo” serve per semplificare report con tanti dati numerici. Appena si aprono i fogli di calcolo, la possibilità “Esplora” appare. Evidenziando gruppi d’informazioni, le tabelle cambieranno immediatamente per trovare dei trend nei dati che avrete davanti. Questo vi aiuterà nell’analisi.

5. Google Form è più bello

L’app che serve per creare moduli da riempire è stata rimodernata: è uno strumento utile, e ora i moduli che potete creare non saranno solo dei testi con degli spazi vuoti, ma si possono usare, ad esempio, anche come inviti per una festa.

6. Templates

Ci sono più templates per lavorare, studiare, scrivere lettere o curriculum vitae. Molto più user-friendly di prima.

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia