Le app Android si fanno in classe: ritorna App4Kids

Al via la seconda edizione di “App4Kids” l’iniziativa di Samsung per corsi di formazione nelle scuole medie: i ragazzi impareranno a sviluppare app

A lezione di App. Per una volta i libri di italiano, storia e geografia saranno messi sotto il banco. Nessuna lezione di informatica nei laboratori, ma un corso per sviluppare competenze sullo sviluppo di App per smartphone e tablet su piattaforma Android. Per il secondo anno si svolge “App4Kids”, il progetto di formazione rivolto alle scuole secondarie di primo grado promosso da Samsung Electronis Italia.

samsung

Da Venezia a Lecce

Il tutto è nato in collaborazione con il Politecnico di Milano ed è stato avviato lo scorso anno in fase sperimentale in due scuole, a Milano e Cremona. Quest’anno sono coinvolte quattro nuove città, Bologna, Roma, Lecce e Venezia, per un totale di sei scuole e oltre 150 studenti che prenderanno parte a questa singolare iniziativa che vuole promuovere i ragazzi a sviluppare interesse e curiosità per un mondo che già ora è in grado di dare lavoro a migliaia di giovani che escono dai corsi di studio.

Sviluppare nuove competenze

Grazie a questo progetto i ragazzi potranno capire l’importanza della tecnologia e soprattutto rendersi conto di quanto sia significativo imparare a programmare. Lo scorso anno, attraverso l’utilizzo dei programmi come Scratch e App Inventor, gli studenti avevano creato basi musicali e un gioco del ping pong. Per una volta più docenti, di materie diverse hanno unito l’impegno per un progetto sperimentale che ha portato a dei risultati significativi. Il corso avrà durata di 36 ore che saranno svolte in sessioni fuori dell’orario ordinario entro la fine dell’anno scolastico. Lezioni considerate utili dai ragazzi e dai loro genitori: oggi le App fanno parte della vita quotidiana di tutti noi e anche dei nostri ragazzi. Samsumg si è impegnata nelle scuole ad accrescere la consapevolezza dei benefici digitali e a stimolare l’interesse di chi domani potrà entrare in un settore in forte crescita anche nel nostro Paese.

Esperti tra i banchi

Siamo di fronte ad un nuovo modo di fare informatica ed educazione tecnologia: con questo progetto il bambino impara ad essere un protagonista, un attore del processo di informatizzazione; diventa veramente un cittadino digitale sviluppando competenze che spesso gli insegnanti non sanno usare. E’ davvero difficile, infatti, immaginare un docente della scuola primaria o secondaria di primo grado insegnare a sviluppare una App. Con “App4Kids” cambia il modo di fare lezione, la scuola apre le porte a chi veramente conosce il mondo digitale. Oggi tra i banchi ci sono generazioni di insegnanti autodidatti digitali o persino docenti che vivono questo mondo con un certo scettiscismo. La sfida della scuola è quella di dare ai ragazzi tutti gli strumenti per essere all’altezza di ciò che dovranno affrontare nei prossimi anni, soprattutto nel mercato del lavoro. In futuro il progetto “App4Kids” potrebbe assumere un carattere nazionale o forse dovremmo iniziare a pensare che tocca agli insegnanti essere promotori di questa sensibilizzazione necessaria a formare i cittadini digitali del futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Al via “Samsung App Academy”, 30 giovani a lezione di app

Politecnico e Samsung danno la possibilità agli studenti di diventare sviluppatori: il lavoro del futuro

Miur e Samsung portano Lim e tablet in 54 scuole

Boom di domande per il primo bando su “Protocolli in rete” del Ministero dell’Istruzione: 933 scuole partecipanti, assegnate le forniture a 54 istituti

Scuola digitale e atenei tech: così l’Estonia sta crescendo la sua e-generation. Già dalla culla

E-school, università gratuita, incubatori per le startup negli atenei. Siamo andati a Tallinn per vedere come si studia nel Paese più digitale del mondo

Arriva dal vino la pelle naturale che non sfrutta gli animali

WineLeather è vegetale al cento per cento ed è ricavata dalla vinaccia. L’idea sviluppata da Gianpiero Tessitore e Francesco Merlino rappresenta un’occasione di rilancio per il settore conciario italiano all’insegna della sostenibilità e del cruelty-free

Più bike sharing, meno stazioni di parcheggio. Shike, il progetto di MugStudio (SocialFare)

Andrea Tommei e Andrea Cantore hanno sviluppato un progetto di bike sharing innovativo, che permette ai cittadini di non servirsi delle classiche stazioni. Shike è tra le 5 aziende selezionate per Foundamenta#3, il programma di accelerazione per startup a impatto sociale