Tyche, l’intelligenza artificiale che tiene compagnia ai bambini (e li fa ragionare)

Per realizzare Tyche, AIBrain&Bonavision ha aperto una campagna di crowdfunding su Kickstarter: è stata un successo

Tyche è un robot per bambini realizzato dall’AIBrain&Bonavision, società americana fondata nel 2012 da Richard Shinn e che opera nel settore dell’Intelligenza Artificiale, realizzando app per smartphone. Il nome del robot viene dall’antica Grecia: Tyche, infatti, era la dea della fortuna, colei che garantiva floridezza alle città elleniche. Una ulteriore conferma, la creazione di Tyche, del grande fermento che anima il settore dell’Intelligenza Artificiale.

tyche

Come funziona

Con Tyche si punta a promuovere l’apprendimento, la socializzazione e, attraverso il gioco, a migliorare la fantasia e la creatività delle giovani menti. Il robot Tyche ascolta, parla, pensa e ragiona nell’ottica di pianificare le attività del bambino e risolvere i problemi che incontra. Ci sono cinque applicazioni di Tyche, tutte scaricabili da Google Play, ed può essere personalizzato in base al bambino che lo usa: ognuno potrà renderlo quanto più possibile vicino alle proprie esigenze.

Tyche riconosce il bambino attraverso il riconoscimento facciale, degli occhi e delle orecchie: in questo modo è anche più facile tenerlo sotto controllo

Inoltre risponde ai comandi. Semplicemente toccandolo, è possibile che il robot emetta suoni, parole, musica e faccia anche movimenti. Il robot Tyche è stato progettato per essere un compagno di conversazione e interazione sociale per i bambini. In una conversazione con Tyche, il bambino avrà bisogno di pensare prima di rispondere al suo interlocutore robot. È in questo modo che i più piccoli imparano a sviluppare le loro capacità cognitive e sociali: uno sviluppo che va di pari passo con l’architettura cognitiva di Tyche che, come detto, interagisce grazie al tocco. Chiaramente lo sforzo di attenzione e di ragionamento che fa il bambino è maggiore rispetto alle conversazioni con altri bambini. In un post pubblicato dopo il Consumer Electronics Show di gennaio 2014 a Las Vegas, il quotidiano inglese “The Guardian” ha definito Tyche come «il più intelligente smartphone robot al mondo capace di riconoscere umani, ascoltare e rispondere, imparare e risolvere i problemi autonomamente».

La campagna di crowdfunding

Il 3 ottobre scorso la società che ha ideato Tyche, la AIBrain&Bonavision di Palo Alto, ha lanciato una campagna di crowdfunding su Kickstarter, una delle più importanti piattaforme per le “collette dal basso”, per raccogliere dei fondi e sviluppare il robot. A un donatore ogni cento che aderirà al crowdfunding verrà anche regalato una limited edition di Tyche. L’obiettivo è quello di raggiungere i 50mila dollari, obiettivo già raggiunto e superato. È curioso notare che la maggior parte di persone ha donato, per la nascita di Tyche, 539 (o più) dollari. Cifre che dimostrano come l’Intelligenza Artificiale piaccia, anche per i più piccoli.

W020150104392725442806

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

“Aspetta, non scriverlo!”. Ecco Rethink, l’app contro il cyberbullismo

Trisha Prabhu ha 15 anni ed ha inventato Rethink, un software che riduce il cyberbullismo invitando gli adolescenti a “ripensare” i messaggi offensivi prima di schiacciare invio. E funziona.

“Aiutateci a portare i libri aumentati alle finali della First LEGO League negli USA”

I ragazzi del team “2IB-OMBI” dell’Istituto “Fedi-Fermi” di Pistoia sono arrivati primi alle selezioni italiane di FIRST LEGO League. Ora hanno la possibilità di andare alle finali mondiali negli Usa: per sostenere i costi del viaggio hanno aperto una raccolta fondi online

A 9 anni un braccio meccanico, a 16 l’app antiviolenza. «Da bimbo ero un maker e non lo sapevo»

Leonardo Falanga ha costruito un braccio meccanico quando era solo un bambino: da allora si è appassionato alla robotica e non si è più fermato. E’ arrivato in finale alla scorsa edizione di Innovation Game con un’app che previene la violenza sulle donne. E’ uno degli speaker della Maker Faire Rome 2015 e in questo post spiega cosa significa per lui la filosofia maker

Pochi secondi per lavare i denti grazie allo spazzolino record su Kickstarter

Amabrush combatte la noia di dover spazzolare per due minuti la dentatura, è molto più preciso nella pulizia e si collega tramite bluetooth a un’app. Ha raccolto quasi due milioni di euro in pochi giorni con il crowdfunding