W2S, l’app di due giovani che rivoluziona la tastiera (e contrasta il cyberbullismo)

Filippo e Sonia hanno creato un’app che permette di creare memes, gifs e doodles da condividere sui social. Specialmente quelle contro i bulli

La comunicazione oggi, specie per i più giovani, è fatta essenzialmente di immagini. Faccine, vignette per raccontare episodi divertenti agli amici, ma anche episodi spiacevoli, che possono sfociare nel cyberbullismo. Secondo l’ultimo rapporto Istat, il 5,9% (il 7% delle ragazze) ha denunciato di avere subìto ripetutamente azioni vessatorie tramite sms, e-mail, chat o tramite social network. Filippo Giove, ingegnere informatico di 27 anni di Seveso, e Sonia Pivetto, avvocato di 26 anni di Desio, si sono chiesti come affrontare  proprio questo problema fra i giovanissimi utilizzando le loro stesse armi: le app. È così che è nata l’idea di  What 2 Share, un’app che trasforma la tastiera del nostro smartphone in una tavolozza da cui possiamo attingere per creare emoticon, immagini, gif e suoni personalizzati per comunicare meglio i nostri stati d’animo su facebook, whatsapp, twitter o instagram.

W2S_1

Si possono creare faccine, memes, gifs, fumetti, doodles, ma anche editare foto e aggiungere suoni. Fra queste, i due giovani hanno inserito proprio gif e immagini specificamente pensate per la sensibilizzazione sul problema del cyberbullismo, e lo hanno fatto coinvolgendo oltre 400 studenti delle superiori della Brianza. “Abbiamo chiesto loro di creare altri contenuti sul tema, che installeremo nella app, in modo che siano i giovani stessi a inondare il web di messaggi positivi” raccontano i ragazzi. “Tra l’altro – precisa Filippo – non solo ci sono gli emoticon preinstallati, ma se ne possono creare di propri, dando sfogo alla fantasia e alla creatività, per colpire ed emozionare i propri compagni.”

Dal 1 febbraio il progetto è presente su Kickstarter per tentare la strada del crowdfunding, con l’obiettivo di raccogliere 20mila euro, necessari per realizzare la versione per Android, visto che al momento l’applicazione è scaricabile solo per iOS. Al momento l’app è già stata scaricata da 18 mila persone in tutto il mondo.

@CristinaDaRold

W2S_2

Ti potrebbe interessare anche

“Aspetta, non scriverlo!”. Ecco Rethink, l’app contro il cyberbullismo

Trisha Prabhu ha 15 anni ed ha inventato Rethink, un software che riduce il cyberbullismo invitando gli adolescenti a “ripensare” i messaggi offensivi prima di schiacciare invio. E funziona.

Dal sexting ai vampiri della rete: tutti i “super errori” che gli adolescenti fanno online

In occasione del Safer Internet Day il Miur ha lanciato la campagna dei “Super Errori” e Skuola.net ha diffuso i dati sul comportamento degli adolescenti in rete: il 13% fa sexting, mentre il 6% resta sveglio anche la notte per chattare

Il caso di Pordenone insegna che di bullismo non si parla abbastanza (a pensarlo sono 2 ragazzi su 3)

Chiara, la 12enne di Pordenone che ha tentato il suicidio, è solo l’ultimo dei casi di adolescenti afflitti da bullismo e cyberbullismo. 2 ragazzi su 3 ammettono che del tema si dovrebbe parlare di più

Fare business vero con i rifugiati: perché Soros investirà 500 milioni nelle loro startup

L’imprenditore di origine ungherese, fondatore delle Open Society Foundation, ha deciso di promuovere le idee di business di chi scappa da guerra e povertà. E stimola il settore privato a impegnarsi per dare loro accesso a tutti servizi e favorirne così l’autonomia nelle comunità che li ospitano

Il senso del round di MoneyFarm con Allianz, secondo Paolo Galvani

A quasi un anno dal primo grande round da 16 milioni e all’indomani dell’annuncio di un altro round con il gruppo Allianz, abbiamo intervistato il presidente di MoneyFarm Paolo Galvani. Consigli alle startup fintech? «sfatiamo il mito delle banche che cercano startup, bisogna puntare tutto sul team per impressionare gli investitori».

Questa batteria si autodistruggerà in 30 minuti. Transient Technologies

I ricercatori della Iowa State University hanno realizzato una batteria da 2,5 Volt a base di alcool polivinilico che si dissolve in acqua in 30 minuti. In futuro potrà essere utilizzata per dispositivi medici da impiantare nel corpo umano, per sensori ambientali temporanei e per dispositivi militari che non devono cadere nelle mani del nemico.