W2S, l’app di due giovani che rivoluziona la tastiera (e contrasta il cyberbullismo)

Filippo e Sonia hanno creato un’app che permette di creare memes, gifs e doodles da condividere sui social. Specialmente quelle contro i bulli

La comunicazione oggi, specie per i più giovani, è fatta essenzialmente di immagini. Faccine, vignette per raccontare episodi divertenti agli amici, ma anche episodi spiacevoli, che possono sfociare nel cyberbullismo. Secondo l’ultimo rapporto Istat, il 5,9% (il 7% delle ragazze) ha denunciato di avere subìto ripetutamente azioni vessatorie tramite sms, e-mail, chat o tramite social network. Filippo Giove, ingegnere informatico di 27 anni di Seveso, e Sonia Pivetto, avvocato di 26 anni di Desio, si sono chiesti come affrontare  proprio questo problema fra i giovanissimi utilizzando le loro stesse armi: le app. È così che è nata l’idea di  What 2 Share, un’app che trasforma la tastiera del nostro smartphone in una tavolozza da cui possiamo attingere per creare emoticon, immagini, gif e suoni personalizzati per comunicare meglio i nostri stati d’animo su facebook, whatsapp, twitter o instagram.

W2S_1

Si possono creare faccine, memes, gifs, fumetti, doodles, ma anche editare foto e aggiungere suoni. Fra queste, i due giovani hanno inserito proprio gif e immagini specificamente pensate per la sensibilizzazione sul problema del cyberbullismo, e lo hanno fatto coinvolgendo oltre 400 studenti delle superiori della Brianza. “Abbiamo chiesto loro di creare altri contenuti sul tema, che installeremo nella app, in modo che siano i giovani stessi a inondare il web di messaggi positivi” raccontano i ragazzi. “Tra l’altro – precisa Filippo – non solo ci sono gli emoticon preinstallati, ma se ne possono creare di propri, dando sfogo alla fantasia e alla creatività, per colpire ed emozionare i propri compagni.”

Dal 1 febbraio il progetto è presente su Kickstarter per tentare la strada del crowdfunding, con l’obiettivo di raccogliere 20mila euro, necessari per realizzare la versione per Android, visto che al momento l’applicazione è scaricabile solo per iOS. Al momento l’app è già stata scaricata da 18 mila persone in tutto il mondo.

@CristinaDaRold

W2S_2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

“Aspetta, non scriverlo!”. Ecco Rethink, l’app contro il cyberbullismo

Trisha Prabhu ha 15 anni ed ha inventato Rethink, un software che riduce il cyberbullismo invitando gli adolescenti a “ripensare” i messaggi offensivi prima di schiacciare invio. E funziona.

Dal sexting ai vampiri della rete: tutti i “super errori” che gli adolescenti fanno online

In occasione del Safer Internet Day il Miur ha lanciato la campagna dei “Super Errori” e Skuola.net ha diffuso i dati sul comportamento degli adolescenti in rete: il 13% fa sexting, mentre il 6% resta sveglio anche la notte per chattare

Il caso di Pordenone insegna che di bullismo non si parla abbastanza (a pensarlo sono 2 ragazzi su 3)

Chiara, la 12enne di Pordenone che ha tentato il suicidio, è solo l’ultimo dei casi di adolescenti afflitti da bullismo e cyberbullismo. 2 ragazzi su 3 ammettono che del tema si dovrebbe parlare di più

Perché (e quanto) le banche hanno bisogno del fintech, secondo Borsadelcredito.it

La disintermediazione sta costringendo le banche a reinventare i loro servizi, andare incontro alle aspettative del consumatore e avvicinarsi, in qualche modo, al fintech. Le ragioni e i passi da compiere nel commento di Antonio Lafiosca, Coo di Borsadelcredito.it

Ricatti, usb infette e password banali: il pericolo cresce in azienda

Il 60 per cento di tutti gli attacchi informatici è perpetrato dal personale e 1 su 4 di questi attacchi è accidentale. I dipendenti cliccano per un allarmante 23 per cento del tempo su email di phishing