LinkedIn Students è la nuova app che aiuta i neolaureati a trovare lavoro

Il social network dei professionisti si apre a chi ancora non ha finito gli studi. L’obiettivo è raggiungere anche i più giovani e creare una rete di studenti in cerca di opportunità

Da curriculum online a vera bacheca di offerte di lavoro per chi ancora non è un professionista. LinkedIn, il social network da 414 milioni di iscritti che ti aiuta a trovare un’occupazione, si rinnova e lancia un’app pensata per gli studenti che frequentano ancora l’università. Si chiama LinkedIn Students e, per ora, è arrivata solo sugli smartphone degli Stati Uniti. Con questa applicazione disponibile su iOS e Android il social network “professionale” vuole aprirsi a una fetta di pubblico più giovane che fino ad ora non aveva ancora una piattaforma a cui rivolgersi.

Leggi anche: Impara uno di questi linguaggi di programmazione e avrai il lavoro assicurato

linkedinforcollegegrads

L’orientamento al lavoro in una app

La forza di LinkedIn è quella di mettere in vetrina le informazioni sulla formazione e le esperienze lavorative degli iscritti così da rispondere alle esigenze di chi nelle aziende cerca quelle competenze. Per chi ha ancora un curriculum breve, però, questo può non essere molto utile. Gli studenti vicini alla laurea potranno quindi dare un’occhiata a LinkedIn Students per rendersi conto di quali opportunità sono più in linea con la loro formazione. E magari considerare delle prospettive lavorative che non aveva associato a quel percorso universitario al momento dell’iscrizione.

La rete dei laureati

L’applicazione dà anche la possibilità di entrare in contatto con chi ha affrontato da poco il dilemma post universitario del “Che faccio ora?”. Gli studenti appena laureati che si stanno affacciando al mondo del lavoro potranno dare consigli su come comportarsi e magari portare la propria esperienza come esempio di inserimento lavorativo.

Le funzioni della app

Una volta iscritti alla piattaforma, l’app fornirà agli utenti delle informazioni in schede tra le quali è possibile navigare. Nella prima vengono elencati i ruoli che potrebbero risultare interessanti. Per ogni opportunità lavorativa lo studente può farsi un’idea delle mansioni, dello stipendio medio, della possibilità di crescita, delle posizioni aperte. E se vuole, in un’altra scheda, può entrare in contatto con gli studenti universitari che hanno appena intrapreso quella strada. LinkedIn Students propone anche degli articoli per approfondire determinate tematiche, anche in base al punto a cui è arrivato nel percorso universitario. A regolare tutto un algoritmo e un controllo da parte dei curatori della app. L’utente ha la possibilità di consultare ogni informazione anche sul desktop di un computer. In più, può segnalarla come preferita e salvarla per una lettura successiva. In questo modo l’algoritmo dell’app potrà anche individuare gli interessi di ognuno e proporre dei contenuti adeguati.

LinkedIn-Students

Extra credit

Ada Yu, manager di LinkedIn, ha sottolineato il valore di questa app per gli universitari che vogliono crearsi una rete: «Questa app è un’introduzione graduale per gli studenti che non hanno ancora compreso il valore di fare parte di un network». Yu ha anche parlato di una sezione aggiuntiva dell’app in cui gli studenti possono arricchire il loro profilo e le università possono comunicare date di eventi e appuntamenti per iniziative di recruiting day.

Ti potrebbe interessare anche

Come trasformare un sito da 35 dollari in un e-learning miliardario. La storia di Lynda

Lynda Weinman ha fondato il sito lynda.com nel 1995 per parlare con i suoi studenti e lettori: non immaginava che sarebbe diventato un e-learning da 4 milioni di utenti

Linkedin compra Lynda per 1,5 miliardi, l’e-learning fa il boom

L’acquisizione miliardaria è stata annunciata dal Ceo di Linkedin Jeff Weiner ed ha segnato il successo dell’imprenditrice sessantenne Lynda Weinman

Tutored superstar tra le startup EduTech e 3 investimenti boom nei primi 6 mesi del 2015

Nei primi sei mesi di quest’anno ci sono 2 acquisizioni da ricordare, 3 investimenti importanti e altre 2 novità da monitorare nel mondo delle startup sulla scuola

Al via a Milano la Fashion Week. Cinque startup che vogliono innovare nella moda

Dal 20 al 25 settembre nel capoluogo lombardo eventi e passerelle per mettere in mostra le ultime tendenze in fatto di abiti, scarpe e accessori. Ma non bisogna perdere di vista chi cerca di modernizzare il settore con la tecnologia. Qui qualche esempio

A ottobre debutta Aml bitcoin, la criptovaluta che contrasta i crimini finanziari

Marcus Andrade ha proposto di introdurre questa modalità di pagamento nel porto di San Francisco. La trasparenza e la sicurezza garantite dal sistema hanno attirato l’attenzione delle istituzioni negli Stati Uniti che potrebbero portare alla sua legittimazione

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

Food delivery, cosa ordinano gli studenti | La ricerca

Al vertice delle preferenze svettano i piatti americani seguiti dalla cucina asiatica e da quella italiana. In Italia trionfano pizza, burger e sushi. E il 75% spende oltre 20 euro per un ordine

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo