PhotoMath risolve le equazioni semplicemente inquadrando il libro

L’applicazione lanciata da MicroBlink permette di inquadrare con la fotocamera dello smartphone un problema di matematica e di trovare la soluzione. Non solo: l’app mostra allo studente anche tutto il procedimento per arrivare al risultato

Inquadra il tuo libro come se fosse un Qr code, scatta una fotografia e risolvi un’equazione. Basta sbattere la testa sui numeri e trascorrere le ore cercando di venire a capo di un problema che proprio non si riesce a risolvere. C’è un’app pensata apposta per la matematica. Si chiama PhotoMath e sembra essere un sogno per chi a scuola collezionava solo insufficienze in matematica. E per chi, oltre al risultato finale, volesse vedere tutto il procedimento, l’applicazione permette anche di imparare le varie fasi per arrivare alla soluzione del problema. 

Leggi anche: OpenProf, lo Spotify della matematica che vi aiuta con gli esami

matematica

Equazioni e logaritmi sullo smartphone

L’applicazione è stata lanciata dalla startup MicroBlink nel 2014 e oggi è una delle app più popolari nella categoria istruzione di iTunes in più di 100 Paesi. È disponibile anche per Android e dà una mano agli studenti che hanno bisogno di supporto per l’aritmetica, le frazioni, i decimali, i sistemi di equazioni (anche di secondo grado) e i logaritmi. Il tutto è possibile tramite la calcolatrice-fotocamera e a un’efficiente tastiera con tutti i simboli matematici necessari.

Solo numeri

In un’intervista a TechCrunch, il Ceo di PhotoMath Damir Sabol aveva detto: «Non siamo una società che si occupa di educazione. Stiamo promuovendo la nostra tecnologia machine vision con PhotoMath». Lo scopo principale non è quindi quello di aumentare le conoscenze degli studenti, ma valorizzare le app di riconoscimento del testo sul quale MicroBlink ha da sempre molto puntato. Una funzione che manca a PhotoMath è la lettura di problemi descritti a parole, senza numeri. Sul sito di PhotoMath, però, la speranza che viene presentata è quella dell’intelligenza artificiale e dei progressi che porterà presto alla tecnologia. Stesso ragionamento vale per il testo scritto a mano. I questi anni la società ha lavorato molto per perfezionare il sistema di scansione e di immediato feedback sui contenuti.

photomath-2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

OpenProf, lo Spotify della matematica che vi aiuta con gli esami

La piattaforma raccoglie Playlist di esercizi di matematica svolti e spiegati da una community di docenti, per aiutare gli studenti a studiare la materia più ostica di tutte

10 scuole per la vita che stanno cambiando il modo in cui pensiamo l’istruzione

Ben Keene ha raccolto le 10 scuole che nel mondo stanno cercando un modello di istruzione diverso dai canoni tradizionali. E che sia per la vita

7 app per prepararsi all’esame di maturità

Ecco una raccolta di applicazioni per il ripasso delle materie d’esame. Strumenti utili per la preparazione delle prove scritte ed orali della maturità

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale