La rivista Mate diventa un’app interattiva (sviluppata dalla startup Applix)

Sviluppata da Applix arriva la digital edition di Mate, il mensile che permette di scoprire che dietro ogni cosa che facciamo nella nostra vita quotidiana c’è sempre la matematica

mate-rivista

Così Mate diventa digitale

Centauria ha scelto di pubblicare Mate anche in versione digitale «perché – dice la casa editrice – il pubblico dei lettori della testata ha grande consuetudine con tablet e smartphone, per la comodità dell’abbonamento che l’app consente e per la varietà di contenuti multimediali che possono arricchire, e arricchiranno, la digital edition di Mate». Grazie a Viewerplus, la soluzione di digital publishing di Applix, è possibile fruire in modo unico della rivista interagendo con i contenuti che ogni mese offrono al lettore interessanti spunti e curiosità sul mondo della matematica.

L’app di Mate comprende una newsstand del mensile che permette l’acquisto dei numeri singolarmente o tramite abbonamento e ogni mese si arricchisce di una nuova uscita con contenuti speciali che trasformano la rivista in un’esperienza di lettura interattiva grazie a video, immagini e contenuti web. L’app è disponibile per smatphone e tablet sugli store iOS e Android, per poter leggere in mobilità, ovunque ci si trovi.

«La determinazione della direzione marketing di Centauria e la straordinaria flessibilità della piattaforma Viewerplus hanno consentito la realizzazione della digital edition della rivista Mate in pochissimi giorni», dichiara Jean-Claude Dubuis, Business Developer di Applix.

Da Fabbri Editori a Centauria

Centauria è “l’erede” della storia imprenditoriale iniziata nel 1947 dalla Fratelli Fabbri Editori. Offre una vasta gamma di opere collezionabili che spaziano tra formazione, cultura, hobby e intrattenimento. Forte di un ricco catalogo e di anni di esperienza professionale, oltre a Mate pubblica i periodici Peppa Pig, Paw Patrol, Ben & Holly, tutti magazine con straordinari risultati nel target bambini, e Detto Fatto, legata alla trasmissione televisiva Rai condotta da Caterina Balivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.