La rivista Mate diventa un’app interattiva (sviluppata dalla startup Applix)

Sviluppata da Applix arriva la digital edition di Mate, il mensile che permette di scoprire che dietro ogni cosa che facciamo nella nostra vita quotidiana c’è sempre la matematica

mate-rivista

Così Mate diventa digitale

Centauria ha scelto di pubblicare Mate anche in versione digitale «perché – dice la casa editrice – il pubblico dei lettori della testata ha grande consuetudine con tablet e smartphone, per la comodità dell’abbonamento che l’app consente e per la varietà di contenuti multimediali che possono arricchire, e arricchiranno, la digital edition di Mate». Grazie a Viewerplus, la soluzione di digital publishing di Applix, è possibile fruire in modo unico della rivista interagendo con i contenuti che ogni mese offrono al lettore interessanti spunti e curiosità sul mondo della matematica.

L’app di Mate comprende una newsstand del mensile che permette l’acquisto dei numeri singolarmente o tramite abbonamento e ogni mese si arricchisce di una nuova uscita con contenuti speciali che trasformano la rivista in un’esperienza di lettura interattiva grazie a video, immagini e contenuti web. L’app è disponibile per smatphone e tablet sugli store iOS e Android, per poter leggere in mobilità, ovunque ci si trovi.

«La determinazione della direzione marketing di Centauria e la straordinaria flessibilità della piattaforma Viewerplus hanno consentito la realizzazione della digital edition della rivista Mate in pochissimi giorni», dichiara Jean-Claude Dubuis, Business Developer di Applix.

Da Fabbri Editori a Centauria

Centauria è “l’erede” della storia imprenditoriale iniziata nel 1947 dalla Fratelli Fabbri Editori. Offre una vasta gamma di opere collezionabili che spaziano tra formazione, cultura, hobby e intrattenimento. Forte di un ricco catalogo e di anni di esperienza professionale, oltre a Mate pubblica i periodici Peppa Pig, Paw Patrol, Ben & Holly, tutti magazine con straordinari risultati nel target bambini, e Detto Fatto, legata alla trasmissione televisiva Rai condotta da Caterina Balivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup