La biblioteca pubblica di New York ha messo 300 mila libri in un’app

La mecca dei libri statunitense ha lanciato un’app in cui si possono leggere in digitale circa 300 mila titoli, gratuitamente e con tutti i dispositivi

La New York Public Library è molto più di una biblioteca. Per i cittadini della grande mela è un’icona, e chiunque sia stato a New York sarà passato davanti alla sua scalinata magari ripensando alle scene di qualche film famoso dove la biblioteca fa da sfondo a fantasmi (“Ghostbuster”), glaciazioni (“The day after tomorrow”), matrimoni glamour (“Sex and the City”). Ma è soprattutto il suo catalogo sterminato – circa 53 milioni di risorse – che ne fa un punto di riferimento per ricercatori e affamati di lettura, che ora potranno avere l’offerta della NYPL direttamente sul proprio smatphone o tablet. La biblioteca ha infatti lanciato SimplyE, l’app per rendere semplice e immediato l’accesso e la prenotazione di testi ed e-book.

nypl1

L’app è disponibile per iOS e Android. Si accede ad un catalogo di circa 300 mila titoli digitali fornendo semplicemente il numero della propria tessera NYPL. Si può navigare tra generi e categorie, finché non si trova l’e-book desiderato. La lettura è facilitata dalla possibilità di cambiare il font, la grandezza e il contrasto del carattere.

Se al posto delle strade newyorkesi frequentate le biblioteche di Roma potete scaricare l’app BiblioSmart che permette di gestire prenotazioni per i libri da prendere in prestito, o accedere direttamente alla lettura di alcuni e-book. Per le biblioteche Nord Est Milano c’è l’app BiblioClick con cui si può consultare il catalogo per cercare libri e verificarne la disponibilità nelle varie strutture, ma non è disponibile l’accesso diretto alla lettura. Lo stesso si può fare con l’app dell’Opac, che consente l’accesso ai titoli del Sistema Bibliotecario Nazionale e con le varie app che le biblioteche delle varie città hanno svilupato (come [email protected] del Comune di Palermo).

@carlottabalena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito