L’app di 4 studenti per imparare la matematica sullo smartphone. Nabla

Com’è nata e come funziona l’app realizzata allo Scientifico Vittorio Veneto di Milano, all’interno del progetto di alternanza scuola/lavoro fatto con l’azienda partner Edison

C’è chi a 15 anni pensa che la matematica sia noiosa, complicata, persino inutile. E poi c’è chi pensa di poterla imparare e insegnare anche attraverso un gioco e un telefonino. Daniel Auditore, Filippo Monaco, Eleonora Cipelli e Guido Levati, del liceo scientifico Vittorio Veneto di Milano hanno deciso di dare una mano a tutti i loro compagni che faticano con le equazioni e le espressioni attraverso Nabla, un’app che hanno realizzato all’interno del progetto di alternanza scuola/lavoro fatto con l’azienda partner Edison. I ragazzi hanno lanciato la loro iniziativa nella giornata finale di Deploy your Talents promossa da Fondazione Sodalitas per rilanciare gli studi scientifici e superare gli stereotipi di genere. Ecco qualche dettaglio in più.

Nabla

Far uscire la matematica dall’aula

Sono partiti dall’idea di raccontare le materie scientifiche attraverso la letteratura e la filosofia ma pian piano che meditavano sugli strumenti per divulgare il loro progetto hanno compreso che lo smartphone sarebbe stato il giusto mezzo per far uscire la matematica dall’aula. E ci sono riusciti: hanno creato un’app con dei quiz. Con delle curiosità sulla prima “donna matematica”; sono riusciti a portare tra i ragazzi Rita Levi Montalcini così come a far rivivere Margherita Hack.

La bussola per il talento

Non solo. Attraverso questa app i ragazzi possono persino trovare una bussola per il loro orientamento scolastico perché alla fine del gioco viene segnalata la o le materie dove si è più “forti”. Una risposta concreta ai pregiudizi sulla matematica che spesso portano a pensare che solo pochi possano essere interessati ad essa e che tra quei pochi ci siano soprattutto maschi.

La matematica in piazza

Daniel, Filippo, Guido ed Eleonora sono riusciti unendo l’innovazione all’intelligenza a presentare la matematica sotto nuove vesti rendendola più attraente e soprattutto facendo in modo di fare matematica in tram, sul bus, in una piazza o al bar perché in fondo grazie a Nabla si tratta di un gioco. Non sappiamo ancora se questi quattro giovani sceglieranno magari all’università proprio il corso di matematica ma sicuramente potranno essere degli ottimi imprenditori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Smart e integrata nell’ambiente urbano. L’estetica innovativa della torre Dicecell

L’azienda italiana Calzavara ha creato un’antenna per reti cellulari e sistemi IoT che si adatta allo stile cittadino. Può combinare illuminazione intelligente, una panchina riscaldata, interazione con strumenti digitali informativi e la possibilità di ricaricare smartphone e bici elettriche

Cibo e risorse naturali. Le 6 aree in cui la scienza può salvarci dalla catastrofe

L’Istituto per il cibo, la scienza e la tecnologia di Londra ha definito “chiara ed urgente” la necessità che scienza e tecnologia trovino delle soluzioni ai problemi di coltivazioni sicure e sostenibili