Cercasi idee per nonni digitali: un bando per l’invecchiamento attivo

15 mila euro per le startup con soluzioni per nel campo digital health, e la possibilità, per studenti e aspiranti imprenditori, di collaborare con la cooperativa sociale Punto Service: è la call di InnovAgeing Solutions

C’è tempo fino al 4 maggio per partecipare alla competizione di InnovAgeing Solutions, la call per chi ha un’idea nel campo della tecnologia applicata alla salute degli anziani. Il concorso, promosso dalla cooperativa sociale Punto Service in collaborazione con la Fondazione Filerete, offre 15 mila euro per società già costituite come startup che intendano sviluppare tecnologie, prodotti e servizi innovativi negli ambiti: digital health, invecchiamento attivo, riabilitazione, servizi alla persona, ambient assisted living. Non è tutto: per gli studenti e aspiranti imprenditori che ancora non hanno fondato una startup, ma che comunque hanno nel cassetto un’idea da proporre, c’è un secondo bando riservato a loro, l’InnovAgeing Ideas.

anziani

Foto: Ansa

 

InnovAgeing Ideas

“Chi non si trova ancora in un team con un progetto strutturato può inviare la propria idea aderendo al bando InnovAgeing Ideas – spiega Marco Girotto della cooperativa Punto Service – i migliori 10 progetti avranno l’opportunità di seguire due giorni di mentoring e training intensivo, in cui i finalisti saranno istruiti a presentare al meglio il proprio progetto”. I servizi di mentoring saranno offerti dalla Fondazione Filerete, che li seguirà prima dell’evento finale in cui si sceglierà il vincitore. Secondo Giulia Arpinati, Head of business development della Cooperativa Punto Service,  “l’innovazione sta acquisendo sempre maggiore importanza, intesa come bundle di servizi e tecnologia sviluppati per fornire una risposta diffusa ed accessibile alle esigenze della popolazione anziana, partendo dai primi inizi di fragilità e da necessità di prevenzione”. L’assistenza, oltre a passare per i centri per gli anziani, si fa sempre di più a casa: grazie all’aiuto di tecnologie che permettono un invecchiamento “attivo”, con dispositivi di monitoraggio e software specifici per tenere allenata la mente e rallentare il decadimento cognitivo.

Oltre al premio in denaro per le startup già strutturate, la cooperativa è interessata a entrare in contatto con idee e progetti di studenti e ricercatori che propongano soluzioni in questo campo, spiega Marco Girotto:

“Punto Service è interessata a incontrare idee innovative nel campo del sociale, e da parte nostra c’è un grande impegno nel valutare con attenzione eventuali opportunità di collaborazione”.

Gli aspiranti startupper nel campo del digital health si ritengano pertanto avvertiti: i finalisti avranno l’opportunità di instaurare una partnership con la cooperativa. Per partecipare al bando è necessario compilare il form on-line e allegare una presentazione del progetto secondo le  linee guida.

L’agenda

Il termine per l’invio delle proposte è fissato al 4 maggio, mentre la proclamazione dei 10 finalisti avverrà il 15 maggio. I due giorni di formazione presso la Fondazione Filerete sono fissati per il 25 e il 26 maggio. L’evento finale con la nomina del vincitore si terrà, infine, il 9 giugno 2015 a Milano.

Ti potrebbe interessare anche

A scuola di Facebook a 90 anni

Ben 15.500 ragazzi coinvolti nel progetto “Nonni su internet” per insegnare a navigare in rete a 20mila anziani. Stop alla digital divide

Dalla laurea in antropologia a startupper. Così nasce ULife

Anna Riva, 32 anni e due figli, è la co-fondatrice di ULife la startup per trovare tutte le informazioni utili per pianificare al meglio il proprio viaggio

Internet davvero per tutti. Così ti connetto i nonni

Marco Diotallevi ha una missione: riavvicinare i nonni ai nipoti grazie alla tecnologia. Per farlo ha lanciato un progetto in rete

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia