Ascoltate la prof: «Abbiamo 3 settimane e 45 milioni per portare laboratori di innovazione a scuola»

Paola Lisimberti, docente di lettere del Liceo Pepe di Ostuni, commenta così lo stanziamento di fondi da parte del Ministero, destinati a favorire l’incontro tra scuola e impresa. C’è tempo fino al 7 ottobre 2015 per partecipare al bando

Il 7 settembre 2015, il Miur ha annunciato lo stanziamento di un finanziamento complessivo di 45 milioni di euro per far sì che le istituzioni scolastiche, in rete con altri istituti ed enti, possano realizzare i laboratori territoriali per l’innovazione e l’occupabilità. Parliamo della creazione di un luogo fisico, dove macchine persone e idee circolano liberamente. In questo modo la scuola si estende su tutto il territorio, si connette con altre realtà, si confronta, sperimenta, fa innovazione, può diventare il volano della crescita e dello sviluppo della propria comunità.

45 milioni

Un laboratorio come volano di crescita e sviluppo

In un laboratorio, inteso come “luogo di incontro” e sperimentazione anche tra vecchie e nuove professioni, tutto può accadere.  Si tenderà a creare una struttura territoriale aperta e progettata per innalzare i livelli di competenza dei giovani, declinati in particolare sull’uso strategico delle tecnologie digitali, applicando le innovazioni didattiche e progettuali ad esse connesse. Tutto questo facilita tra gli utenti anche gli scambi orizzontali di sapere e saper fare. Una bella sfida con l’obiettivo di privilegiare la didattica laboratoriale quale strumento più adatto per stimolare la crescita professionale, le competenze e l’auto-imprenditorialità.

Le 3 “i” del 2016: innovazione, istruzione, inclusione

L’anno scolastico 2015/2016 inizia all’insegna delle tre “i”: innovazione, istruzione, inclusione.

  • Innovare, quindi progettare aperture sia in termini di organizzazione oraria sia in termini orientamento al lavoro, privilegiando la vocazione produttiva del territorio.
  • Istruire attraverso l’uso estensivo della tecnologia. Il progetto si realizza nell’ambito del PNSD, Piano Nazionale Scuola Digitale.
  • Includere, cioè consentire l’accesso non soltanto agli studenti inseriti nel sistema scolastico, ma aprire i laboratori ai cosiddetti NEET, giovani non impegnati né nello studio, né nel lavoro, né nella formazione.

Vincerà la rete

La vera chiave del successo dell’operazione è la capacità di riunire intorno ad un tavolo altre scuole secondarie del territorio (senza escludere la scuola del primo ciclo), enti locali, imprese, università e centri di ricerca, associazioni e fondazioni, progettando anche attività di co-finanziamento. Ogni laboratorio può attingere ad un finanziamento massimo di 750.000 euro, all’interno del quale si possono prevedere, oltre l’acquisto di beni e dotazioni, anche interventi edilizi. Compiliamo l’agenda, quindi: il 7 ottobre alle ore 23.59 scadono i termini per manifestare l’interesse a partecipare al bando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

33 competenze del buon insegnante 2.0

Cosa deve fare un docente per coinvolgere gli studenti e motivarli allo studio? La ricerca dell’Educational Technology and Mobile Learning, diffusa in un’infografica dal blog TuttoProf, definisce le caratteristiche chiave che deve possedere un professore 2.0

3milioni di euro alla Città della Scienza di Napoli per FabLab e musei 2.0

Il progetto “Città della Scienza 2.0: nuovi prodotti e servizi dell’economia della conoscenza” riceverà 3.116.000 euro dal MIUR per ridare vita all’anima innovativa della città partenopea

Aule dinamiche, connesse e polifunzionali: così sarà la scuola del 2030

Diversi progetti in varie città d’Italia stanno sperimentando nuove formule per lo spazio scolastico: per le aule si pensa ad un’architettura partecipata

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale