Il Premio Donna e Lavoro offre 2 mila euro per progetti che sostengono le imprenditrici

Fino al 30 settembre, i team con progetti a sostegno dell’imprenditoria femminile possono partecipare al Premio Donna e Lavoro

Progetti innovativi, che possano ampliare l’offerta di lavoro per le donne. Questo il fulcro del Premio Nazionale Donna e Lavoro Startup, organizzato da Eurointerim Spa Agenzia per il Lavoro e giunto alla sua sesta edizione. Il premio sostiene e offre visibilità a Progetti di Impresa al femminile, che possano diventare un tassello dell’intero sistema produttivo italiano.

donna

Il Premio è stato creato per supportare soprattutto giovani imprenditrici e le loro idee di business innovative, accompagnando i team partecipanti verso l’autonomia. Il Premio è aperto, senza limiti d’età, a tutti coloro che intendano realizzare un progetto di impresa ed è aperto a ogni tipo di startup a tema Donna e Lavoro. Possono presentare un progetto sia soggetti privati intenzionati alla costituzione di un’impresa, sia imprese già costituite. La documentazione dovrà essere spedita esclusivamente in forma elettronica a [email protected] entro venerdì 30 settembre 2016.

La premiazione avrà luogo venerdì 16 dicembre 2016 e la location verrà resa pubblica mediante invito. L’idea vincente verrà premiata da Eurointerim Spa con euro 2.000. Il secondo e il terzo classificato verranno premiati rispettivamente con  euro 1.500 e 1.000.Eurointerim potrà sostenere direttamente l’idea imprenditoriale vincente e/o altre valutate positivamente, tramite accompagnamento all’avvio della Startup: finanziamenti diretti, facilitazioni nell’accesso al credito, consulenze specialistiche e una serie di servizi di accelerazione (come lo spazio di lavoro arredato gratuito).

 

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia