YILF 2016 seleziona giovani con buone idee sulle Smart Cities da portare in Sud Corea

Se avete meno di 35 anni e un buon progetto sulle smart cities, fino al 16 agosto potete candidarvi per partecipare allo Young ICT Leaders’ Forum 2016 (che vi pagherà viaggio e alloggio)

Dal 7 al 9 settembre 2016 si terrà lo “Young ICT Leaders’ Forum 2016 (YILF-2016)” a Pusan, in Sud Corea: un evento dedicato a giovani da tutto il mondo fino a 35 anni d’età dedicato all’innovazione e alle sfide del futuro. Il Forum è organizzato dall’ITU, International Telecommunication Union, in collaborazione con il Busan Metropolitan City and the National Information Society Agency (NIA). Il focus della conferenza è sulle smart cities, a cui saranno dedicate la maggior parte delle conferenze previste nei primi due giorni ma soprattutto sul quale verte la competizione Busan Global Smart Cities Challenge: per gli i candidati è prevista la copertura peri hotel e biglietti aerei, ma le domande di partecipazione dovranno pervenire all’ITU entro il 16 agosto. 

sss

La partecipazione allo Young ICT Leaders’ Forum 2016 è gratuita. L’evento è organizzato in questo modo: il 7 e l’8 settembre sono i giorni dedicati alle conferenze e alla “Busan Global Smart Cities Challenge”, oltre che a momenti di networking. La giornata del 9 settembre, invece, sarà dedicata alla visita della città di Pusan. 

La Global Smart Cities Challenge è una competizione durante la quale i giovani innovatori possono presentare le loro idee per rendere una città più intelligente, più sicura e più attenta all’ambiente e alla qualità della vita dei cittadini. L’intero Forum sarà in inglese e a tutti coloro che intendono partecipare è richiesta la compilazione di un modulo online. I candidati con le migliori idee verranno selezionati e sovvenzionati per l’intero viaggio e permanenza in hotel. Qui potete trovare tutte le altre informazioni.

busan

 

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia