Al via le Olimpiadi di italiano 2017, qui il bando per partecipare

C’è tempo fino al 28 gennaio per iscriversi alle Olimpiadi di italiano organizzate dal Miur: qui il bando

I piccoli geni delle lettere e grammatica si preparino: il Miur ha dato il via alla settima edizione delle Olimpiadi di italiano, l’ormai tradizionale competizione in cui si sfidano i migliori studenti d’Italia. Le Olimpiadi sono state pensate per rafforzare nelle scuole lo studio della nostra lingua e sollecitare gli studenti a migliorarne la padronanza. Lo scorso anno gli studenti che hanno partecipato a tutte le selezioni sono stati quasi 44mila.

lettere

Le Olimpiadi sono gare individuali di lingua italiana, rivolte a tutti gli alunni degli istituti secondari di secondo grado (statali e paritari). Quattro le categorie previste: Junior, Senior, Junior-E (esteri) e Senior-E (esteri). Sono distinte in base al livello scolastico dei partecipanti e al contesto d’uso della lingua italiana. La finale nazionale si svolgerà a Torino, giovedì 6 aprile 2017, nell’ambito di una più ampia iniziativa culturale di valorizzazione della lingua e della letteratura italiana intitolata Giornate della lingua italiana in programma dal 5 al 7 aprile, organizzata dal Miur per celebrare gli anniversari della lingua e della letteratura italiana e per approfondire temi di particolare attualità. Potranno accedervi gli studenti che avranno superato tutte le varie fasi di selezione, da quella di istituto a quella provinciale, a quella regionale.

Per la prima volta, la RAI svolge il ruolo di Main Media Partner dell’iniziativa e la copertura mediatica verrà declinata come Media Partner da RADIO3, RAI Cultura e RAI Italia. Le iscrizioni dovranno essere effettuate entro il 28 gennaio 2017, a partire da lunedì 21 novembre 2016, nel sito delle Olimpiadi di Italiano, dove si possono trovare anche materiali e informazioni utili per la preparazione.

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia