Google lancia un corso gratuito per capire l’intelligenza artificiale

Il corso in “deep learning”, si rivolge a studenti di programmazione informatica che vogliono migliorare nel settore dell’apprendimento delle macchine. Tenuto dagli ingegneri Google, è gratuito e dura 3 mesi

Come fa l’app Photos di Google a riconoscere automaticamente a chi appartengono i volti nelle immagini? Per mostrare come funzionano molti dei suoi tool, il motore di ricerca più usato al mondo ha lanciato un corso online gratuito in inglese per studenti di informatica. Argomento: il deep learning, ovvero la tecnica di apprendimento delle macchine. Il corso è disponibile sulla piattaforma di education Udacity, dura 3 mesi per 6 ore a settimana. Obiettivo delle lezioni è introdurre gli studenti si vantaggi del deep learning e dell’intelligenza artificiale, e predisporli per costruire i proprio modelli di apprendimento. Inoltre, alla fine del corso, gli studenti sapranno anche usare TensorFlow, il software di deep learning open sources che Google usa in alcuni prodotti. Ai partecipanti è richiesta un’esperienza di un paio d’anni in programmazione (Python).

Larson-Google-Logo1-1200-630-03175114

Che cosa è il deep Learning

L’apprendimento delle macchine è uno dei settori che stanno crescendo più in fretta. Il corso cerca di far luce sulle varie applicazioni del deep learning, e di trasmettere delle competenze per sviluppare dei sistemi che apprendano da serie di dati. Obiettivo è far vedere agli studenti il funzionamento delle reti neurali e della memoria. Inoltre saranno introdotti a TensorFlow attraverso progetti e compiti.

Requisiti per partecipare

Il livello del corso è intermedio-avanzato: per questo gli studenti devono essere in possesso di alcune caratteristiche. Prima di tutto è richiesta un’esperienza di almeno due anni nella programmazione con Python, Git e GitHub, poi sono necessarie delle conoscenze di base nell’apprendimento delle macchie, in statistical, algebra e calcolo. Il corso si addice a chiunque svolga attività come analista dati, o studi materie inerenti all’intelligenza artificiale e al machine learning.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

10 tecniche per imparare meglio

Il New Scientist ha raccolto una serie di consigli per studiare in modo efficace e ricordare le cose più a lungo. Uno su tutti: allenare la forza di volontà ed evitare l’autocommiserazione

7 app indispensabili per gli studenti internazionali

Che siate in partenza per un corso di lingua estivo, o che stiate preparando un trasferimento più lungo, come l’Erasmus, queste app vi saranno di grande aiuto

Bemacs, la nuova laurea Bocconi che unisce l’analisi dati a digital economy e social media

L’Università Bocconi di Milano ha lanciato la Bachelor of Science in Economics, Management and Computer Science (Bemacs), corso di laurea in inglese per i manager del futuro

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito