Cubetto, il gioco che insegna il coding in stile Montessori, è un successo su Kickstarter

Cubetto è un robot di legno che insegna i principi del coding ai piccolissimi: ha aperto la raccolta fondi su Kickstarter due giorni fa ed ha già raggiunto l’obiettivo

L’8 marzo Cubetto ha aperto la campagna internazionale su Kickstarter e dopo due giorni ha centrato e superato l’obiettivo: il robot di Primo Toys pensato per insegnare ai bambini di età pre-scolare i principi del coding e della programmazione ha avuto moltissimi sostenitori. Cubetto è composto da un robot in legno, una consolle con un set di 16 blocchi colorati per programmare, una mappa e un libro delle attività per introdurre i bambini al gioco. Cubetto non ha schermi ed è adatto anche ai bambini ipo-vedenti o con altre disabilità, rafforzando la loro capacità di comunicare in modo logico. Il gioco è stato approvato anche da esperti del metodo Montessori. 

cubetto

Secondo i dati forniti da Primo Toys, una versione beta del prodotto, che ha raccolto più di 80 mila dollari su Kickstarter nel 2013, è oggi utilizzata da più di 300 scuole e 500 famiglie in oltre 40 paesi al mondo. La società ha goduto del sostegno di investitori come Randi Zuckerberg e il co-fondatore di Arduino, Massimo Banzi. I primi acquirenti su Kickstarter riceveranno il prodotto in tempo per l’anno scolastico 2016-17.

“Imparare a programmare da piccoli è fondamentale, ma dove essere divertente, giocoso e adatto all’età – ha detto Filippo Yacob, CEO di Primo Toys – la nostra missione è di aiutare i bambini a sviluppare e a realizzare il loro pieno potenziale creativo. Cubetto è un giocattolo aperto che insegna la programmazione informatica in maniera divertente e facile. Siamo orgogliosi di offrire ai bambini dai tre anni in su un set da gioco inclusivo, interattivo, che insegna loro i concetti base della programmazione prima che imparino a leggere e a scrivere”.

cubetto4

Randi Zuckerberg ha detto che ciò che ama di più di Cubetto è che “darà a bambine e bambini in tutto il mondo l’opportunità di imparare le strutture base della codificazione, senza essere incollati davanti allo schermo di un computer. Da mamma, è il mio sogno”. Melissa Stockdale è una esperta della pedagogia Montessori, ed anche lei ha un’opinione positiva del robot: “Sembra il giocattolo tecnologico ideale. Si integra alla perfezione nel metodo di apprendimento Montessori, e soprattutto incoraggia i bambini con un meccanismo godibile che sviluppa il loro pensiero logico preparandoli a diventare dei futuri programmatori competenti e di successo”.

La campagna Kickstarter e andrà avanti fino al 7 aprile 2016: i primi sostenitori godranno del prezzo early bird di 149 dollari. Il pacchetto base include il robot, la consolle, un set di 16 blocchi colorati per la codificazione, la mappa e il libro delle attività. Ulteriori sconti educational saranno disponibili per pacchetti scuola di 4, 8 e 16 set da gioco.  In Italia Cubetto sarà prenotabile a partire dall’8 aprile e in vendita a partire da giugno.

Ti potrebbe interessare anche

“Twitto la letteratura e assegno compiti di coding per Natale: la mia vita da animatrice digitale”

Intervista a Stefania Bassi, animatrice digitale e maestra elementare a Roma: la sua scuola è tra i vincitori del concorso del Miur per il Piano Nazionale Scuola Digitale

5 buoni motivi per insegnare il coding ai bambini

In questa infografica realizzata da Kodable sono riassunte alcune delle ragioni per cui l’insegnamento del coding a scuola è diventato una priorità

Con il progetto Miur-Cini si programma il futuro fra i banchi di scuola

Oltre 22.000 studenti hanno sperimentato il #coding in classe. Dall’8 al 14 dicembre alla “Computer Science Education Week” si programma il futuro a scuola

Se Trump è alla Casa Bianca non è merito delle bufale sul web, dice questo studio di Stanford

Secondo una ricerca condotta da due economisti della Stanford University e della New York University, le bufale condivise sui social nel periodo pre-elettorale non sono state decisive nell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca: le persone nemmeno le ricordavano

UberEats si espande su Milano, nuove zone servite da Città Studi a NoLo

A due mesi dal lancio il food delivery di Uber amplia l’area coperta e i confini della consegna a domicilio dei piatti dei migliori ristoranti e locali milanesi. Il servizio si lancia oltre l’area della Circolare esterna, arrivando così a includere quartieri come Città Studi, San Siro, Portello, NoLo e la Maggiolina

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli