A Torino arriva il PeerDojo, il CoderDojo fatto dai bambini per bambini

Il 29 maggio, a Torino, si terrà il Peerdojo, il coderdojo organizzato e tenuto direttamente da bambini dai 6 anni in su

Il Coderdojo è una giornata di apprendimento diverso: insegnanti che in modo assolutamente volontario offrono il proprio tempo e le proprie competenze per insegnare il pensiero computazionale ai bambini delle scuole elementari. Ma c’è un’esperienza educativa ancora più innovativa: il Peerdojo, dove ci sono bambini che insegnano il coding ad altri bambini. Questi club gratuiti di informatica creativa puntano a far giocare i bambini con la programmazione di videogiochi, app, storie animate, in base ai principi del Creative Learning e delle 4P: Project – imparare coinvolgendosi in un progetto; Peer – imparare con la condivisione ed il confronto; Play – imparare divertendosi, sperimentando, sbagliando, migliorando; Passion – la motivazione per imparare senza paura. Il Peerdojo si terrà domenica 29 maggio dalle ore 16.00 a Supernova, il festival tecnologico in piazza Carlo Alberto a Torino.

peerdojo

Il PeerDojo è un CoderDojo tra pari: un laboratorio di programmazione in cui bambini dai 6 in su organizzano e gestiscono l’intero evento, mostrando ad altri ragazzi come divertirsi creando storie animate e videogiochi. I mini-mentor aiuteranno i loro compagni a creare storie e personaggi con le nuove tecnologie, per una giornata all’insegna di

“I piccoli ninja-programmatori attraverso il computer potranno esprimere le loro idee con storie e giochi animati – scrivono i piccoli organizzatori del Peerdojo in una nota – Per far ciò useremo il programma scratch,  un ambiente di programmazione creato al Mit Media Lab disponibile gratuitamente online Su scratch si può fare tutto: registrare, disegnare, programmare… e tante altre cose”.

L’incontro si dividerà in 3 parti: nella prima verrà mostrato un progetto creato dai mentor con una breve descrizione; nella seconda parte ogni partecipante inizierà creare il suo progetto con l’aiuto dei mentor o degli altri ragazzi in caso di bisogno; infine, nella terza parte, ogni ragazzo esporrà agli altri ciò che ha fatto. Per partecipare ci si può iscrivere qui. Prima del 29 si consiglia di scaricare il programma Scratch2 sul pc, che bisognerà portare con sé con una piccola merenda.

 

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia