Negli Usa mancano sviluppatori: Facebook e Google aprono una scuola di coding in Africa

Un corso di programmazione della durata di 4 anni, che permette ai ragazzi che la frequentano di trovare lavoro senza dover lasciare il loro paese (e di percepire un salario durante il corso)

Creare una nuova classe di programmatori, tutti africani. È questo l’obiettivo  di Andela, una scuola di coding che ha sede in Kenia e Nigeria e che promette ai suoi studenti di trovar loro un lavoro nelle grandi company digitali: Microsoft, Google e Ibm. E c’è da fidarsi, visto che i ragazzi vengono pagati già durante il corso e che tra i finanziatori del progetto ci sono queste stesse società, compresa Facebook che con la sua Chan Zuckerberg Initiative ci ha messo 24 milioni di dollari, soldi che serviranno probabilmente ad aprire una terza sede della scuola entro l’anno (per ora la scuola è aperta a Nairobi e Lagos).

coding

Alla ricerca di sviluppatori

Il concetto da cui parte Andela è piuttosto semplice. Come ha spiegato il Ceo della società, Jeremy Johnson, negli Stati Uniti mancano gli sviluppatori e questo ha portato al fiorire di diversi “bootcamp” che per pochi mesi di lezione chiedono migliaia di euro agli aspiranti programmatori. La domanda di coder è aumentata a dismisura e se ne cercano sempre di più anche in Asia ed Europa. Dall’altra parte, in Africa, ci sono tantissimi ragazzi che non hanno un lavoro e nemmeno alcuna possibilità di diventare programmatori. Proprio su questo, entra in gioco Andela, la società non profit ha infatti creato un programma formativo di 4 anni che ha l’obiettivo di costruire una classe di sviluppatori africani.

Chi studia, viene retribuito

Durante i primi sei mesi,  gli studenti seguono un corso accelerato sulle competenze di programmazione, mentre nei restanti tre anni e mezzo sono impegnati in un tirocinio a distanza e a tempo pieno con le aziende tecnologiche americane. Si tratta delle stesse società che finanziano Andela, che a sua volta paga i suoi studenti con un vero e proprio salario, superiore alla media locale (per uno sviluppatore) per tutta la durata del programma.

Il contatto con i team americani

Un altro effetto positivo dell’iniziativa è quello di permettere a questi ragazzi di trovare un lavoro senza doversi spostare dal loro paese (non è una novità che gli sviluppatori lavorino da casa, il 41% di quelli americani lo fa già tranquillamente). Anche se fra le prime difficoltà c’è proprio quella di entrare in comunicazione con i team americani che sono negli States, gli studenti hanno ammesso che basta entrare nel flusso e  il problema dopo poco è risolto. Grazie a questo sistema , “le aziende hanno la possibilità di entrare in contatto con ottimi sviluppatori, mentre ai ragazzi africani viene offerta l’opportunità di utilizzare le proprie competenze e sostenere le loro comunità”, ha detto Zuckerberg in una nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore