Negli Usa mancano sviluppatori: Facebook e Google aprono una scuola di coding in Africa

Un corso di programmazione della durata di 4 anni, che permette ai ragazzi che la frequentano di trovare lavoro senza dover lasciare il loro paese (e di percepire un salario durante il corso)

Creare una nuova classe di programmatori, tutti africani. È questo l’obiettivo  di Andela, una scuola di coding che ha sede in Kenia e Nigeria e che promette ai suoi studenti di trovar loro un lavoro nelle grandi company digitali: Microsoft, Google e Ibm. E c’è da fidarsi, visto che i ragazzi vengono pagati già durante il corso e che tra i finanziatori del progetto ci sono queste stesse società, compresa Facebook che con la sua Chan Zuckerberg Initiative ci ha messo 24 milioni di dollari, soldi che serviranno probabilmente ad aprire una terza sede della scuola entro l’anno (per ora la scuola è aperta a Nairobi e Lagos).

coding

Alla ricerca di sviluppatori

Il concetto da cui parte Andela è piuttosto semplice. Come ha spiegato il Ceo della società, Jeremy Johnson, negli Stati Uniti mancano gli sviluppatori e questo ha portato al fiorire di diversi “bootcamp” che per pochi mesi di lezione chiedono migliaia di euro agli aspiranti programmatori. La domanda di coder è aumentata a dismisura e se ne cercano sempre di più anche in Asia ed Europa. Dall’altra parte, in Africa, ci sono tantissimi ragazzi che non hanno un lavoro e nemmeno alcuna possibilità di diventare programmatori. Proprio su questo, entra in gioco Andela, la società non profit ha infatti creato un programma formativo di 4 anni che ha l’obiettivo di costruire una classe di sviluppatori africani.

Chi studia, viene retribuito

Durante i primi sei mesi,  gli studenti seguono un corso accelerato sulle competenze di programmazione, mentre nei restanti tre anni e mezzo sono impegnati in un tirocinio a distanza e a tempo pieno con le aziende tecnologiche americane. Si tratta delle stesse società che finanziano Andela, che a sua volta paga i suoi studenti con un vero e proprio salario, superiore alla media locale (per uno sviluppatore) per tutta la durata del programma.

Il contatto con i team americani

Un altro effetto positivo dell’iniziativa è quello di permettere a questi ragazzi di trovare un lavoro senza doversi spostare dal loro paese (non è una novità che gli sviluppatori lavorino da casa, il 41% di quelli americani lo fa già tranquillamente). Anche se fra le prime difficoltà c’è proprio quella di entrare in comunicazione con i team americani che sono negli States, gli studenti hanno ammesso che basta entrare nel flusso e  il problema dopo poco è risolto. Grazie a questo sistema , “le aziende hanno la possibilità di entrare in contatto con ottimi sviluppatori, mentre ai ragazzi africani viene offerta l’opportunità di utilizzare le proprie competenze e sostenere le loro comunità”, ha detto Zuckerberg in una nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sognatori, imprenditori, innovatori. A Nana Bianca una pizza con StartupItalia! per costruire #SIOS17

Lo startup studio di Firenze ha ospitato l’incontro pizza e birra tra startupper in vista del prossimo Open Summit. Idee, progetti e storie di nuove imprese, tutte insieme allo stesso tavolo

Aumenta la RAM e aumenta pure il prezzo. Ecco il nuovo One Plus 5

È il più costoso smartphone mai venduto dall’azienda cinese che lo equipaggia di tutto punto per cercare di fare il grande salto. Le caratteristiche sono da primo della classe e le differenze con i competitor si riducono

Se la scelta di mangiare verdure dipende da come è scritto il menu

Meglio «bocconcini di zucchine caramellate» o «zucchine verdi nutrienti»? Uno studio pubblicato sulla rivista Jama Internal Medicine ha dimostrato che mettere in risalto le qualità benefiche di alcuni vegetali non sempre invoglia i clienti dei ristoranti a sceglierli

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito