L’isola dei cubi, la nuova app che insegna il coding ai piccoli

Si chiama Box island, ed è un’app islandese che con quiz e giochi accompagna i bambini alla scoperta di un’isola meravigliosa: per andare avanti nei livelli, i piccoli dovranno applicare alcuni principi base del coding

Una nuova app insegna il coding ai bambini tra i 9 e gli 11 anni, divertendoli. Si chiama Box Island ed è l’idea di una startup islandese, Radiant Games, guidata da Vignir Gudmundsson: «Se non si divertono subito, impareranno poco e male» spiega a TechCrunch.

Leggi anche: Cubetto, il gioco che insegna il coding in stile Montessori, è un successo su Kickstarter

GameUnlockInstructions

Il protagonista: un cubo pieno di carisma

Box Island segue le avventure di un cubetto che si chiama Hiro. Il protagonista guida i bambini in un percorso fatto di indovinelli e quiz, all’interno di un ambiente tridimensionale. Per risolverli e andare avanti nei circa 100 livelli (di cui i primi 12 sono gratis, 8 dollari per sbloccarli tutti) gli utenti dovranno applicare alcuni algoritmi di base, riconoscimento di pattern, sequenze, cicli e costrutti condizionali: «Box Island prova a far scattare l’interesse nei bambini e speriamo che i futuri geni del coding considerino l’app come i loro punto di riferimento» spiega Gudmundsson.

Un’app per bambini e bambine

L’app è già disponibile in 20 lingue ed è stata progettata per essere “gender neutral”, adatta cioè sia a un pubblico maschile che femminile. D’altronde una delle missioni della startup è proprio ridurre il gap nell’educazione tra uomini e donne, un problema molto sentito specie nell’ambito informatico: «I personaggi sono amichevoli e si muovono in ambienti colorati e tridimensionali. Tutto è pensato per rendere l’esperienza piacevole sia per i bambini che per le bambine. Prima di lanciarla, abbiamo testato si centinaia di bambini in diversi Paesi e possiamo dire con certezza che piace a entrambi i sessi» spiega il Ceo.

box

Due grossi competitor

Box Island dovrà vedersela con due competitor di successo nell’ambito dell’insegnamento del coding. Sullo store di Apple impazzano infatti, Switf Playgrounds e Hopscotch, ma Gudmundsson, che per realizzare il business ha investito fondi personali e non ha venture alle spalle, non vede la competizione come un problema: «La mia opinione assomiglia a quella di Elon Musk sul fronte delle macchine elettriche che non competono le une con le altre, ma insieme contro l’industria delle auto a benzina. Allo stesso modo, la competizione funziona nel nostro ambito, più app come le nostre possono vincere unite contro i big del settore».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup