La scuola di H-Farm citata da Tim Cook nell’evento Apple sul futuro del coding

La H-International School di Roncade è tra le scuole che appaiono nella slide che Tim Cook ha lanciato all’evento annuale Apple per mostrare alla platea la diffusione del software Apple per l’insegnamento del coding Swift Playground

C’è anche un pezzettino di Italia nel discorso che Tim Cook ha tenuto lo scorso 7 settembre nell’evento annuale che Apple organizza per presentare i nuovi prodotti. E quel pezzettino è H-International School, la scuola di H-Farm, l’incubatore di startup di Roncade, in provincia di Treviso fondato da Riccardo Donadon. H-International School, infatti, è apparsa nella slide che Tim Cook ha presentato alla platea per mostrare tutte le scuole che hanno adottato il programma Swift Playground per diffondere il pensiero computazionale tra i bambini.

Leggi anche: 350 bambini a H-Farm hanno immaginato la scuola del futuro (e ce l’hanno mostrata)

tim

Apple e Swift per il coding

“Abbiamo sempre pensato che l’educazione è un equalizzatore, un forza potente di cambiamento per il meglio – ha detto Tim Cook  – E abbiamo sempre creduto che i nostri prodotti che hanno un impatto positivo su studenti e insegnanti. Abbiamo dato device a 4.500 insegnanti e iPad ad oltre 50 mila studenti. Crediamo che ogni studente debba avere l’opportunità di imparare la programmazione, e ogni insegnante deve poter insegnare il coding facilmente. Così abbiamo creato un programma che si chiama ‘Tutti possono programmare’ per insegnare il coding”. Per aiutare gli insegnanti a diffondere il coding e per stimolare i bambini verso il pensiero computazionale in maniera divertente e intuitiva, Apple ha rilasciato il software Swift Playground. “Da giugno oltre cento scuole hanno aderito al programma e cominceranno a usare il software dal prossimo autunno, questo è semplicemente fantastico per noi” ha sottolineato Cook lanciando la slide con la lista delle scuole che hanno aderito al progetto. All’inizio della terza riga partendo dal basso si legge H-International School, la scuola di Roncade.

schermata-2016-09-09-alle-16-15-34

H-International School

H-International School è una scuola bilingue, dedicata alla fascia d’età tra i 3 e i 18 anni che fa parte di H-Campus, il grande progetto che l’incubatore ha avviato nell’ultimo anno per ampliare la presenza nel settore education. La scuola ha un approccio didattico fortemente incentrato sull’uso delle tecnologie digitali e promuove percorsi d’apprendimento focalizzati sul fare, sull’esperienza e la progettualità. Nella scuola si attuano metodi innovativi come il design thinking e si insegna il coding già in età prescolare.

@carlottabalena

[youtube id=”jMn9z7krJM0″ parameters=”https://www.youtube.com/watch?v=jMn9z7krJM0&sns=em”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale