Coding e robotica per i piccoli: al via i corsi di Codemotion Kids

Sabato 24 settembre Codemotion Kids presenta alle famiglie i suoi corsi di coding per bambini

Il 24 settembre presso i locali di Luiss Enlabs a Termini (che ospitano la sede della Scuola di Tecnologia di Roma), ci sarà la presentazione dei corsi di Codemotion Kids per l’anno 2016/2017. Nell’incontro gratuito dedicato alle famiglie ci saranno demo dimostrative e desk interattivi, robot, circuiti, prototipi e mattonicini LEGO, con lo staff e i docenti della Scuola di Tecnologia Codemotion Kids.

kids

Codemotion Kids, attiva dal 2013 nella formazione tecnologica per bambini e ragazzi dagli 8 ai 18 anni, ha oggi 9 sedi distribuite in 8 città (Roma, Milano, Torino, Verona, Trento, Bologna, Genova, Modena). Nata dalla volontà di due donne, le founder della nota conferenza per sviluppatori software Codemotion, Chiara Russo e Mara Marzocchi, la scuola Kids si è sviluppata velocemente. Attualmente conta più di 1500 partecipanti ai corsi solo su Roma, e uno staff composto da 9 persone.

La scuola propone tre percorsi didattici di durata annuale e difficoltà crescente su coding, making e robotica. I piccoli innovatori di domani potranno acquisire competenze trasversali in ambito tecnologico grazie all’aiuto di coach esperti e di un metodo implementato negli anni tra le aule Codemotion Kids. Il metodo di insegnamento di Codemotion Kids è basato sul Creative Learning, quindi un metodo basato sul progetto e sul gioco. Chiara Russo, CEO di Codemotion Kids, aggiunge “Programmare vuol dire imparare a scomporre i problemi, lavorare per obiettivi e in gruppo. È una grande palestra di logica, perfettamente in linea con i tempi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Produrre grafene liquido a costi contenuti. La chiave del successo di Graphene-XT

La startup nata dall’idea di Simone Ligi produce un materiale ad alta conducibilità elettrica e termica dalle molteplici applicazioni. Dai laboratori dell’università di Bologna ha già lanciato dei brevetti esclusivi che hanno convinto molti investitori a partecipare al crowdfunding sulla piattaforma Mamacrowd