PickMyBook, un’app per la compravendita di libri usati

PickMyBook, la prima piattaforma web pensata per comprare e vendere libri usati ora è anche un’app mobile. Ecco come funziona

La ricerca e la vendita di libri usati è ancora più semplice. PickMyBook, la prima piattaforma web pensata per comprare e vendere libri usati, è infatti sbarcata anche su smartphone e tablet: sono state infatti rilasciate le app di PickMyBook sia per Android che per iOS.

PickMyBook

PickMyBook funziona in modo semplice. Il sistema permette di mettere in vendita i libri, senza limiti su anno di pubblicazione, numero di volumi e genere (narrativa, scolastici, etc). La ricerca avviene in base a distanza, prezzo, feedback del venditore. A quest’ultimo viene richiesto di scattare una foto a tre pagine scelte in modo casuale: in questo modo il potenziale acquirente può valutare già on line lo stato del libro (sottolineato, piegato, bagnato).

Il sistema non prevede spedizioni (e conseguenti ritardi o problemi nella consegna). Lo scambioavviene infatti a mano. Chi acquista contatta direttamente tramite chat chi vende per mettersi d’accordo sulla data e sul luogo per ricevere e pagare il libro.

A distanza di poche settimane dal suo esordio, PickMyBook sta registrando una rapida diffusione tra gli utenti della rete. Il servizio ha infatti superato abbondantemente i 2200 iscritti e sulla piattaforma sono presenti quasi 6400 libri pronti per essere scambiati. Con l’applicazione, PickMyBook punta ad aumentare il numero di libri e iscritti indirizzandosi ad una particolare fascia di utenti: gli studenti.

«La creazione dell’app era una tappa obbligata per l’ulteriore diffusione del servizio» sottolinea Arianna Cortese, studentessa 18enne, mente del progetto PickMyBook. «In un’epoca in cui i giovani accedono ad internet tramite smartphone, crediamo che l’app sia lo strumento giusto per arrivare agli studenti: un pubblico potenzialmente molto interessato a questo tipo di servizio, vista la loro esigenza di cercare libri scolastici e testi universitari usati».

PickMyBook2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup