Sarà Federico Ruggieri il nuovo direttore del GARR

A partire dal 1 gennaio 2015, il fisico Federico Ruggieri sarà il nuovo direttore della rete nazionale dell’istruzione e della ricerca. Sostituisce Enzo Valente che lascia dopo 13 anni

federico-ruggieriIl CdA del Consortium GARR ha nominato all’unanimità Federico Ruggieri nuovo direttore dell’ente con decorrenza a partire dal 1 Gennaio 2015. Il passaggio di consegne con Enzo Valente, precedente direttore e “padre” fondatore del GARR, sarà graduale in modo da facilitare il passaggio a questa nuova fase.
“Da pochi megabit ai 100 giga, è così che in questi anni ho visto nascere e crescere la rete GARR” ha dichiarato Enzo Valente, che lascia dopo 13 anni la guida del Consortium GARR.

“Continuerò ad essere vicino al GARR perché sia servizio imprescindibile per la comunità accademica e della ricerca che voglio ringraziare per l’entusiasmo con cui ci ha supportato in tutti questi anni. Faccio i miei auguri a Federico Ruggieri, col quale già da anni collaboriamo, sicuro che la sua grande esperienza in campo nazionale e internazionale darà un contributo fondamentale per le sfide che GARR dovrà affrontare nei prossimi anni, che saranno molte e complesse”. 

Nel segno della continuità, le prime dichiarazioni del nuovo direttore Federico Ruggieri: “Sono contento e onorato di essere stato scelto per guidare una delle eccellenze italiane. Il mio massimo impegno sarà perché GARR con la sua rete e i suoi servizi avanzati possa continuare ad essere sempre in anticipo rispetto alle innovazioni tecnologiche sia nel panorama nazionale che internazionale. Le reti a banda ultralarga e le infrastrutture digitali hanno assunto negli anni un’importanza crescente in campo scientifico, culturale ed educativo e oggi avere strumenti ICT all’avanguardia, in linea con quello dei Paesi europei più avanzati, è una conditio sine qua non per garantire la competitività italiana a livello di ricerca e innovazione. Per questo GARR è chiamato a un compito delicatissimo e importante per il nostro Paese”.

Chi è GARR

GARR è la rete telematica italiana a banda ultra larga dedicata al mondo dell’Istruzione e della Ricerca e offre connettività ad altissime prestazioni e servizi avanzati rendendo possibile la cooperazione internazionale nel campo delle e-Infrastructure. La rete GARR-X e il progetto di potenziamento GARR-X Progress sono realizzati e gestiti dal Consortium GARR, un’associazione senza fini di lucro fondata con il patrocinio del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. I soci fondatori sono: CNR, ENEA, INFN e Fondazione CRUI, in rappresentanza delle università italiane. Maggiori informazioni:www.garr.it

Chi è Federico Ruggieri?

Dirigente di ricerca presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e coordinatore del Dipartimento di Calcolo e Storage Distribuito del GARR dal 2013, Federico Ruggieri è stato direttore del CNAF, uno dei maggiori centri di calcolo scientifico in Italia e presidente della Commissione Nazionale Calcolo e Reti dell’INFN. Docente di acquisizione dati alla laurea magistrale in Fisica presso l’Università di Roma Tre, ha al suo attivo più di 400 pubblicazioni scientifiche e tecnologiche. La sua collaborazione con GARR risale agli anni ’90, quando è stato tra l’altro membro del primo Organismo Tecnico Scientifico GARR.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup