Programma futuro, il coding fra i banchi di scuola

Mercoledì 3 dicembre lancio ufficiale del progetto ‘Programma il Futuro’ I primi dati della sperimentazione del #coding fra i banchi

Mercoledì 3 dicembre, alle ore 12.30, presso la sala della Comunicazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il Miur in collaborazione con il Cini (Consorzio Interuniversitario Nazionale per l’Informatica), presenterà l’iniziativa ‘Programma il Futuro’. Un progetto nato per introdurre il coding, la programmazione informatica, fra i banchi. Miur e Cini stanno mettendo a disposizione delle scuole una serie di strumenti semplici, divertenti e facilmente accessibili sulla piattaforma www.programmailfuturo.it, per formare gli studenti ai concetti del pensiero computazionale.

programmazione

Durante la conferenza saranno presentati i dati relativi alla prima fase di sperimentazione dell’iniziativa anche in vista della “Computer Science Education Week” dell’8-14 dicembre in cui si punta al coinvolgimento di un alto numero di classi e ragazzi nel progetto.

L’evento sarà condotto da Pierangelo Soldavini, vice caporedattore di Nòva – Il Sole 24 Ore. Presenteranno il progetto Enrico Nardelli e Giorgio Ventre, coordinatori del Cini. Interverrà Elio Catania, Presidente Confindustria Digitale. Concluderà il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.