Da AXA 2 milioni di euro per una cattedra in finanza e assicurazione

L’AXA Research Fund ha finanziato la cattedra permanente in Finanza e Assicurazione per le Famiglie, istituita dall’Einaudi Institute for Economics and Finance e tenuta dal Prof. Luigi Guiso (video-intervista)

Il finanziamento privato di una cattedra di ricerca, fenomeno relativamente ancora poco diffuso in Italia, è più frequente in alcuni Paesi europei e soprattutto negli Stati Uniti, dove consente di offrire condizioni di lavoro adeguate e concorrenziali ai ricercatori più promettenti e favorisce così la produzione di ricerca di base, fattore cruciale per lo sviluppo economico e sociale. L’AXA Research Fund, fondo internazionale per la ricerca scientifica promosso dell’omonimo gruppo assicurativo, ha annunciato il finanziamento della Cattedra permanente in Finanza e Assicurazione per le Famiglie presieduta dal Prof. Luigi Guiso presso l’Einaudi Institute for Economics and Finance (EIEF).  La cattedra, istituita nel 2012 ed inizialmente finanziata con un grant triennale, diviene ora permanente, con un finanziamento complessivo prossimo ai 2 milioni di euro.

Lo scopo del progetto finanziato da AXA, che si distingue per essere un fondo non solo generoso, ma anche meritocratico e attento alle performance dei ricercatori – ha sottolineato il Prof. Luigi Guiso è quello di studiare le scelte finanziarie delle famiglie e il modo in cui queste usano e si rapportano con i mercati finanziari utilizzando una prospettiva molto ampia. La finanza familiare oggi ha un ruolo centrale: basti pensare che dal punto di vista quantitativo, in termini di volumi e di prestiti, oggi le erogazioni di credito alle famiglie superano quelle delle aziende. Se si vuole comprendere dunque il funzionamento della nostra economia occorre dedicare attenzione al ruolo delle famiglie all’interno del sistema finanziario”.

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/xGScgIPtrS0″]

E’ con grande orgoglio  che annunciamo l’istituzione di una  Cattedra permanente in Finanza e Assicurazione per le Famiglie – ha dichiarato Frédéric de Courtois, Amministratore Delegato di AXA Italia. Il progetto di ricerca del Prof. Guiso contribuirà ad alimentare il dibattito pubblico su temi chiave relativi al ruolo dell’educazione finanziaria e della regolamentazione degli intermediari che offrono prodotti finanziari alle famiglie. Questa iniziativa per l’Italia testimonia l’attenzione verso un Paese che ha pochi fondi per la ricerca, ma è ricca di talenti la cui promozione è fondamentale per l’innovazione e lo sviluppo dell’Italia”.

Il programma di ricerca della cattedra riguarda le scelte finanziarie e assicurative delle famiglie e intende contribuire a una migliore comprensione della marcata eterogeneità che si osserva nei loro comportamenti in ambito finanziario e più in generale in situazioni di rischio e d’incertezza. Negli scorsi tre anni il programma si è focalizzato sulla misurazione e caratterizzazione delle preferenze soggettive, sul ruolo dell’asimmetria nelle valutazioni di perdite e guadagni e nella percezione dei rischi, e sull’analisi della rilevanza della fiducia e delle norme sociali nelle transazioni finanziarie.

Guardando in avanti, l’intenzione è sfruttare quella ricca mole di informazioni ricavabile dall’incrocio di svariati archivi amministrativi, per poter affrontare e rispondere a domande riguardanti le scelte finanziarie delle famiglie che non possono essere analizzate basandosi solo sui risultati di survey e/o di esperimenti di laboratorio. Il sostegno al progetto italiano rientra nel programma di finanziamento da parte dell’AXA Research Fund di 44 nuovi progetti di ricerca sui rischi in 19 Paesi, pari a 15 milioni di euro per il 2015. A oggi, il fondo ha investito 131 milioni di euro in 449 progetti di ricerca in 32 Paesi. L’Italia e i ricercatori italiani beneficiano attualmente di oltre 11 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup