Gli studenti di Stanford hanno un’app per i beni “d’emergenza”: deodoranti e farmaci anti-hangover

La startup Jetpack rende i prodotti disponibili in pochi minuti all’interno del campus di Stanford: le consegne le fanno i cosiddetti “Jetpackers”

Il college è un mondo mutevole e imprevedibile. Dal cambiamento d’orario delle lezioni fino alla stanza del dormitorio, la vita dello studente porta spesso a trovarsi in situazioni in cui si ha bisogno di qualcosa, e subito. C’è chi ha preso questo concetto e lo ha trasformato in un business. Si chama Jetpack, ed è una nuova applicazione lanciata nel campus di Stanford che può portare agli studenti che in quel momento ne sono sprovvisti prodotti di prima necessità come farmaci, bevande energetiche, deodorante.

Le emergenze degli studenti

«Siamo un servizio di consegna peer-to-peer che rende i prodotti disponibili in pochi minuti» scrive Jetpack sul proprio sito web. L’azienda offre forniture “di emergenza” per gli studenti. Al momento del lancio, ha 15 elementi che si possono ordinare su richiesta, per essere poi consegnati da uno dei 100 studenti di Stanford che sono attrezzati con borse Jetpack, pieni di merci in miniatura. Il costo varia da 1 a 5 dollari. Questi ragazzi, affettuosamente soprannominati Jetpackers, hanno un salario settimanale e una percentuale sulla vendita dei prodotti. L’obiettivo è quello di ampliare Jetpack, per farlo passare dal campus alle città. Il costo oscillerà sempre comunque tra i 5 e i 10 dollari.

Le partnership con le aziende e i prossimi campus

«Spesso le persone, in questo caso gli studenti, avrebbero i prodotti che gli servono, ma sono in una situazione in cui ne sono sprovvisti e ne hanno bisogno» spiega la fondatrice e CEO di Jetpack, Fatima Dicko, una studentessa laureata alla Stanford University. «Abbiamo voluto prima capire quali prodotti sono sempre più richiesti e partire da quelli». Jetpack nasce da MyBestBox, la prima startup lanciata da Fatima. Attraverso quella società, la ragazza aveva formato partnership con aziende di beni di consumo confezionati. Conoscenze che sono tornate molto utili, quando ha convogliato venticinque vecchi partner nelle operazioni di Jetpack. Anche grazie a loro, Dicko ha ricevuto fondi per 130 mila dollari. La priorità di Jetpack nel prossimo anno è il lancio in altri campus come Cornell University e Harvard. Fatima Dicko ha dichiarato che il suo obiettivo è quello di «comprendere le interazioni tra le persone e capire come aiutare gli altri con quello di cui hanno bisogno» ha detto. «Non si tratta solo di un aiuto legato al prodotto che si vuole utilizzare, ma è un supporto anche psicologico».

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti