Gli studenti di Stanford hanno un’app per i beni “d’emergenza”: deodoranti e farmaci anti-hangover

La startup Jetpack rende i prodotti disponibili in pochi minuti all’interno del campus di Stanford: le consegne le fanno i cosiddetti “Jetpackers”

Il college è un mondo mutevole e imprevedibile. Dal cambiamento d’orario delle lezioni fino alla stanza del dormitorio, la vita dello studente porta spesso a trovarsi in situazioni in cui si ha bisogno di qualcosa, e subito. C’è chi ha preso questo concetto e lo ha trasformato in un business. Si chama Jetpack, ed è una nuova applicazione lanciata nel campus di Stanford che può portare agli studenti che in quel momento ne sono sprovvisti prodotti di prima necessità come farmaci, bevande energetiche, deodorante.

Le emergenze degli studenti

«Siamo un servizio di consegna peer-to-peer che rende i prodotti disponibili in pochi minuti» scrive Jetpack sul proprio sito web. L’azienda offre forniture “di emergenza” per gli studenti. Al momento del lancio, ha 15 elementi che si possono ordinare su richiesta, per essere poi consegnati da uno dei 100 studenti di Stanford che sono attrezzati con borse Jetpack, pieni di merci in miniatura. Il costo varia da 1 a 5 dollari. Questi ragazzi, affettuosamente soprannominati Jetpackers, hanno un salario settimanale e una percentuale sulla vendita dei prodotti. L’obiettivo è quello di ampliare Jetpack, per farlo passare dal campus alle città. Il costo oscillerà sempre comunque tra i 5 e i 10 dollari.

Le partnership con le aziende e i prossimi campus

«Spesso le persone, in questo caso gli studenti, avrebbero i prodotti che gli servono, ma sono in una situazione in cui ne sono sprovvisti e ne hanno bisogno» spiega la fondatrice e CEO di Jetpack, Fatima Dicko, una studentessa laureata alla Stanford University. «Abbiamo voluto prima capire quali prodotti sono sempre più richiesti e partire da quelli». Jetpack nasce da MyBestBox, la prima startup lanciata da Fatima. Attraverso quella società, la ragazza aveva formato partnership con aziende di beni di consumo confezionati. Conoscenze che sono tornate molto utili, quando ha convogliato venticinque vecchi partner nelle operazioni di Jetpack. Anche grazie a loro, Dicko ha ricevuto fondi per 130 mila dollari. La priorità di Jetpack nel prossimo anno è il lancio in altri campus come Cornell University e Harvard. Fatima Dicko ha dichiarato che il suo obiettivo è quello di «comprendere le interazioni tra le persone e capire come aiutare gli altri con quello di cui hanno bisogno» ha detto. «Non si tratta solo di un aiuto legato al prodotto che si vuole utilizzare, ma è un supporto anche psicologico».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore