Allenarsi al mondo startup, con la Bocconi. Il programma (gratuito) The Startup Training

Al via la seconda edizione del programma realizzato dal centro di ricerca iCrios dell’Università Bocconi: 7 lezioni per capire se la vostra idea avrà successo

La prima edizione è stata un successo: un centinaio di aspiranti startupper hanno risposto alla chiamata del centro di ricerca dell’Università Bocconi di Milano iCrios, con una ventina di startup che sono cresciute e già si stanno facendo conoscere sul mercato. Ora riparte The Startup Training, il programma di ricerca che seleziona e “allena” futuri startupper, attraverso un percorso pratico e teorico dopo il quale l’idea imprenditoriale iniziale si affina e si migliora fino all’entrata sul mercato. Il programma è realizzato dal centro ICRIOS (Invernizzi Center for Research in Innovation, Organization and Strategy) dell’Università Bocconi insieme a Lean Startup Machine e The Doers. Quest’anno si cercano 200 aspiranti imprenditori, di tutte le età, sia che abbiano un team già formato, sia che siano alla ricerca di collaboratori. “Non abbiamo restrizioni di settore – ha detto Alessandro Cordova, ricercatore del centro iCrios che gestisce il programma – Alla prima edizione hanno partecipato startup di tutti i tipi: digitali ma anche più tradizionali come imprese nell’ambito del abbigliamento, food, arredamento, arte e cultura, immobiliare, sport. Questo perché condividono tutte lo stesso problema: creare qualcosa che le persone vogliono davvero”. Per la seconda edizione, il programma ha ricevuto il supporto dalla fondazione Nesta-Kauffman, che aiuta il progetto a condurre ricerche su quali pratiche di business hanno un maggior impatto sulla performance degli imprenditori.

Bocconi

L’allenamento per le startup

“Nella fase iniziale di una startup, quando tutto è ancora da costruire, avere qualcuno che faccia da guida, che dia dei consigli su come procedere, può essere decisivo per avere successo – continua Cordova –

Spesso c’è un’idea forte, ma non si sa da dove cominciare, in altri casi si corre troppo e si commettono errori.

Così il centro iCrios ha pensato di dar vita a un programma gratuito per consigliare e indirizzare i futuri imprenditori, proprio come farebbe un allenatore con un giocatore in erba. Dopo la prima edizione del programma, 20 startup sono già in attivo: un esempio è So Lunch, la piattaforma di home restaurant per la pausa pranzo che mette in contatto i lavoratori alla ricerca di un buon pranzo e persone amanti della cucina disposte a ospitarli a casa. Altre startup uscite dal programma sono Acustica Bonanomi, Ghilisho, Migreen Food, Mocavero Salumi, New Life Oelius, YesWeSail, Inkdome.

Il programma

Le candidature sono aperte fino al 15 giugno. Durante l’estate, fino al 12 settembre ci sarà la selezione dei candidati. Il percorso partirà dalla seconda metà di settembre 2017 e si articolerà in 7 incontri, di sabato, fino al primo gennaio 2018. Durante le lezioni, gli imprenditori potranno mettere meglio a fuoco il proprio modello di business, calibrandolo ai consigli che riceveranno e alle risposte del mercato, per creare un minimum viable product convincente. Gli incontri sono organizzati per piccoli gruppi, in modo da permettere agli startupper di avere un confronto diretto con i mentor  del programma (tra cui ci sono  Andrea Cocchi,  Eleonora RoccaGiacomo Carozza) e con i propri colleghi.  “Cerchiamo di preparare le startup al meglio, per farle proseguire in un percorso di crescita solido. Vediamo il nostro programma come una vera e propria startup school – sottolinea Cordova – un’occasione per apprendere quelle skills chiave che gli imprenditori di oggi devono avere: capacità di sperimentazione e di elaborazione di strategie innovative. Quest’anno ci sarà anche una parte del corso completamente dedicata allo sviluppo del team: vogliamo che le startup siano davvero coscienti delle proprie capacità e della loro unicità”.

Un anno di affiancamento

Dopo i 7 incontri di training, l’allenamento non finisce. I team consolidati continueranno ad essere affiancati dai loro mentor per circa un anno, attraverso call settimanali e incontri mensili soprattutto per aiutare le startup sotto i profili tecnici. Nel novembre 2018 le startup selezionate avranno l’opportunità di presentare il progetto all’interno delle iniziative Bocconi come Speed Mi Up e l’investor Day, la giornata dedicata al fundraising in cui si incontrano gli investitori.

@carlottabalena

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti