Così ci è cambiata la vita grazie alla Rete | Il progetto Digitalife

VareseWeb, con il Fondo ambientale italiano e altri partner, insieme per costruire un grande puzzle cinematografico: un film che si comporrà soprattutto dei filmati della gente

Un film collettivo per raccontare i cambiamenti avvenuti grazie alla Rete. E’ questo l’obiettivo di www.digitalife.org, il progetto lanciato da VareseWeb con il Fondo ambientale italiano, il Parco nazionale delle Cinque Terre, Terre des hommes, l’Associazione europea delle vie Francigene, l’Anso e l’Ordine dei Giornalisti della Toscana.

L’idea è quella di mettere insieme un grande puzzle cinematografico: il film si comporrà soprattutto dei filmati della gente

I video saranno raccolti per tutta l’estate e l’invio sarà stimolato tramite continue domande che saranno poste attraverso il sito del film e tramite diversi canali di comunicazione.

digitalife

 Riprendere il mondo con il proprio sguardo

Un invito rivolto a tutti, a chi sa prendere in mano una telecamera ma anche a chi non ha alcuna esperienza in questo campo. Non serve essere professionisti, videomaker o registi

serve solo avere un telefonino o una videocamera e riprendere il mondo con il proprio sguardo

Il regista di tutta l’operazione è Francesco Raganato scelto tra 230 registi e videomaker che hanno partecipato ad un bando.

Il bello di questa “grande impresa” è che chi invierà il proprio video potrà avere un riconoscimento: tutti i lavori saranno pubblicati in diversi spazi e ogni due settimane sarà scelto un filmato particolarmente rappresentativo dello spirito del film e all’autore verrà offerto un weekend per due persone in una località italiana. Tutti coloro che verranno scelti per far parte di Digitalife saranno inoltre inseriti nei titoli di coda del film e nei credits ufficiali dell’opera. Il progetto intanto è partito e in queste settimane sono già arrivati centinaia di video: letture diverse ed originali del rapporto della propria vita con il digitale.

Il Fondo ambientale italiano

Il Fai ha scelto di esserci perché Internet ha aiutato ed aiuta a diffondere la conoscenza del patrimonio artistico e culturale italiano ad un pubblico ampio e diversificato che può così entrare in contatto con il Fondo e conoscerne le sue iniziative. Il film sarà così un’occasione per guardare alla Rete con occhi diversi, per imparare ad usarla in maniera intelligente.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Grind2energy: dai diamanti non nasce niente, dalla spazzatura nasce energia

In Winsconsin gli scarti alimentari prodotti dai supermercati e dai ristoranti diventano fonte per la produzione di combustibile. Un sistema per abbattere i rifiuti solidi e produrre energia in modo sostenibile

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti