Anche i ragazzi dell’Apple Academy dentro il dream team di Giffoni

Grazie a un’intesa siglata dall’università Federico II e il Giffoni Innovation Hub, gli allievi del polo di San Giovanni a Teduccio potranno integrarsi nel gruppo di innovazione che sviluppa idee imprenditoriali creative connesse al festival del cinema per ragazzi

I giovani dell’Apple Developer Academy di Napoli nel dream team del Giffoni Innovation Hub. Sarà questo l’effetto immediato della collaborazione firmata tra la creative agency e il polo innovativo dell’università Federico II di San Giovanni a Teduccio, nella periferia est del capoluogo campano. L’annuncio è arrivato durante la round table sulla Campania creativa all’interno della rassegna Next Generation in corso a Giffoni Valle Piana fino al 22 luglio, nei giorni del festival del cinema dedicato ai ragazzi.

Il ceo di Giffoni Innovation Hub Luca Tesauro con l’assessore regionale Valeria Fascione e il professore Giorgio Ventre

Il dream team

Il dream team del Giffoni Innovation Hub è la community di giovani universitari under 30 di diversi paesi del mondo che ogni anno lavora a dei progetti innovativi da trasformare in idee imprenditoriali. Grazie a questa iniziativa, il team si integrerà con alcuni degli allievi della Apple Academy di Napoli che saranno selezionati per arrivare a Giffoni: «Accanto agli altri talenti provenienti da tutto il mondo, lavoreranno alla realizzazione di progetti indirizzati al target del festival che diventeranno startup e prodotti pensati per i mercati che guardano alle nuove generazioni», ha spiegato Luca Tesauro, ceo di Giffoni Innovation Hub.

Alcuni ragazzi del dream team. Foto: Iole Capasso

L’industria creativa

Anche il professore Giorgio Ventre, direttore scientifico della iOS Developer Academy si è detto soddisfatto per la collaborazione appena iniziata: «L’idea che ci è venuta è quella di fare in modo che i ragazzi dell’Academy possano fare proprie le esperienze di Giffoni, capire il dettaglio di un’industria così fondamentale e poi crescere e sviluppare delle app, diventando loro stessi parte di questa iniziativa», ha detto. Ogni anno nel polo di San Giovanni a Teduccio vengono formati 400 ragazzi che nell’industria creativa, della multimedialità, del cinema e della televisione potranno trovare uno sbocco professionale importante.

Uno studente dell’Academy a Giffoni

Nel frattempo un neo diplomato dell’accademia è già parte integrante del team di Giffoni: «È il napoletano Sebastiano Santarpia. Come capita spessissimo, i fatti si confermano da soli. Dobbiamo soltanto prendere atto che siamo due player importanti di questo territorio. Abbiamo una visione assolutamente uguale delle necessità di sviluppo della Campania», ha precisato il professore Ventre.

La Giffoni Multimedia Valley

Presente alla tavola rotonda organizzata nell’Antica Ramiera di Giffoni Valle Piana anche Valeria Fascione, assessore alle startup, all’innovazione e all’internazionalizzazione della Regione Campania che ha parlato del progetto della Giffoni Multimedia Valley: «Non resterà solo un contenitore ma dovrà essere riempita di contenuti e imprese. Per far questo partiremo da una visione, esattamente come quella che ebbe Giffoni 50 anni fa. La manifestazione adesso dimostra di saper leggere i cambiamenti, scommettendo sull’innovazione», ha detto la rappresentante dell’amministrazione regionale.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti