A New York c’è un asilo pubblico più selettivo di Harvard

Vengono ammessi solo 50 bambini dalle grandi capacità intellettive, che poi possono proseguire gli studi nell’Hunter College School fino al liceo. Il tasso di selezione dell’Hunter è del 2%: quello di Harvard, nel 2015, è stato 6.2%

Selezioni dure, status esclusivo, una lista di ex alunni dove figurano premi Nobel. No, non siamo ad Harvard. E no, non siamo in una costosissimo istituto per figli di principi. Siamo all’Hunter College Elementary School, una scuola pubblica di New York dove vengono accettati solo bambini “gifted”, cioè particolarmente dotati di creatività e intelletto. Insomma, una scuola per piccoli genii. Secondo questo articolo su Business Insider, le selezioni per entrare all’Hunter sarebbero oggettivamente più difficili di quelle per accedere ad dirittura ad Harvard, la più prestigiosa università americana.

005-1024x768

L’Hunter College Elementary School, è una scuola per tutti i gradi d’istruzione, dalla scuola materna alla scuola superiore. La definizione di “College” nel nome dell’Hunter non deve trarre in inganno: qui non si selezionano universitari, bensì pargoli di 4 anni. L’unico modo per accedervi, infatti, è l’asilo: se non vieni selezionato la prima volta, non puoi richiedere di entrare alla scuola elementare l’anno successivo. Già da questo si nota una prima differenza con Harvard, dove c’è la possibilità di riprovare.

Ogni anno l’Hunter sceglie 25 bambine e 25 bambini di New York. Questi 50 piccoli vengono selezionati, secondo il sito “Inside Schools”, da una folla di circa 2.500 aspiranti alunni: che significa un tasso di selezione del 2%. Ebbene, quello di Harvard, per l’anno 2015, è stato 6.2%. Gi aspiranti alunni dell’Hunter, per essere accettati, devono effettuare il test Stanford–Binet per il quoziente intellettivo. La scuola avverte i genitori di non preparare in alcun modo i bimbi in previsione del test: se dai test dovessero risultare degli indizi che i bambini sono stati preparati, saranno immediatamente esclusi dalle selezioni.

In seguito al test IQ, vengono selezionati i 250 bambini con il punteggio più alto. A questo punto è prevista un’osservazione individuale: ogni bambino viene esaminato mentre interagisce con i suoi simili e con delle conversazioni faccia a faccia con gli insegnanti. I 50 bambini che frequenteranno la Hunter vengono scelti senza che la commissione sappia i loro nomi o altri elementi che possano portare alla loro identificazione. L’incredibile difficoltà di entrare alla Hunter è dovuta a una ragione precisa: si dice che fornisca un’esperienza di apprendimento unica. In più, è gratuita, dal momento che la scuola è pubblica.hunter

Ti potrebbe interessare anche

10 tecniche per imparare meglio

Il New Scientist ha raccolto una serie di consigli per studiare in modo efficace e ricordare le cose più a lungo. Uno su tutti: allenare la forza di volontà ed evitare l’autocommiserazione

16 competenze da sviluppare a scuola (secondo il World Economic Forum)

Nel report “New Vision for Education” vengono elencate le skill da avere per trovare lavoro più facilmente in un’economia dell’innovazione. Partendo dal fatto che più di un terzo delle aziende globali non riesce a trovare personale con le capacità richieste

Scuola digitale e atenei tech: così l’Estonia sta crescendo la sua e-generation. Già dalla culla

E-school, università gratuita, incubatori per le startup negli atenei. Siamo andati a Tallinn per vedere come si studia nel Paese più digitale del mondo

Il sequestro dell’intero dominio .cat in Catalogna, Flora: «Gravissimo e pericoloso» | Video

Più di 100 mila domini sotto sequestro: è l’effetto dell’irruzione della Guardia Civil spagnola nella Fundació puntCat. Obiettivo: oscurare i siti che promuovono il referendum per l’autonomia della Catalogna

Una startup slovacca produce su ordinazione case trasportabili. Ecocapsule

Questi moduli abitativi producono energia pulita e filtrano l’acqua piovana. Possono essere posizionati dovunque e offrono una soluzione a chi non vuole rinunciare né alla comodità né all’avventura dell’esplorazione