33 competenze del buon insegnante 2.0

Cosa deve fare un docente per coinvolgere gli studenti e motivarli allo studio? La ricerca dell’Educational Technology and Mobile Learning, diffusa in un’infografica dal blog TuttoProf, definisce le caratteristiche chiave che deve possedere un professore 2.0

Nell’era del digitale, degli smartphone e dei tablet, un insegnate deve sapersi adattare ai tempi che cambiano e sviluppare tutte quelle competenze utili a formare gli studenti in modo completo e vicino alla realtà del mondo esterno. In questa infografica sono raccolte in 33 punti le abilità richieste nel 21° secolo ad un insegnante moderno.

insegnante

Leggi: In classe, oltre alla matematica, si studiano anche i social network

insegnante

Leggi: Sicurezza online: ecco il programma di tutela per i bambini su internet

insegnante

Leggi: Agcom contro la pirateria in rete: colpiti Sumeri e scuole elementari

insegnante

Leggi: Con i tablet si studia meglio. Una ricerca spiega perché

insegnante

Leggi: Da Youtube a YouTeach: un premio per il miglior video sull’uso dei social a scuola

insegnante

 

Credits: Tuttoprof.blogspot.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup