ABA English lancia l’app per imparare l’inglese guardando i film

ABA English, accademia online per l’insegnamento dell’ inglese, ha lanciato un’app innovativa per studiare le lingue attraverso i film

Come studiare l’inglese in modo efficace? Se non è possibile soggiornare all’estero, sicuramente un metodo alternativo è la visione dei film in lingua originale. In questo modo si possono apprezzare le diverse sfumature di accento e la giusta pronuncia delle parole, diventando più fluenti nell’ascolto e nel parlato. Proprio in questo senso l’accademia ABA English, specializzata nel cosiddetto “metodo naturale” di insegnamento della lingua, che in questi giorni ha lanciato la nuova app per imparare l’inglese attraverso la visione di film su smartphone: ABA Film.

corso-inglese-online

Cos’è il “metodo naturale”

La formula ABA consiste nel ricreare online il modo intuitivo e naturale in cui si impara la lingua materna attraverso l’uso di cortometraggi e altri materiali audiovisivi sviluppati per l’insegnamento dell’inglese. Questo sistema stimola ed incoraggia la conoscenza delle lingue in modo istintivo e conseguente come accade ai bambini che imparano a parlare in modo intuitivo, attraverso la continua scoperta del mondo che li circonda. Il metodo ABA simula questo processo grazie all’immersione completa nella lingua straniera: rapidamente l’utente inizierà a pensare in inglese. È un processo che si verifica in modo naturale, senza rendersene conto e senza sforzo. In questo modo si comincia a parlare in inglese con sicurezza e sviluppando le proprie abilità nella conversazione.

Imparare l’inglese con un app

La nuova app, disponibile per iOS con il nome Imparare l’inglese con film – ABA English, trasferisce al mobile tutti i vantaggi educativi del metodo naturale. Così, grazie a cortometraggi esclusivi, gli studenti realizzano un “viaggio didattico” di immersione linguistica, come se si trovassero all’estero a studiare inglese. L’app è stata progettata per imparare l’inglese senza troppo sforzo. Questo risultato è stato ottenuto attraverso la metodologia unica sviluppata dall’accademia: prima si ascolta e si capisce, poi si impara a parlare e scrivere.

Come funziona ABA Film

L’app contiene ben 144 unità didattiche e si basa su un cortometraggio intitolato ABA Film. Ogni lezione inizia con la visione di un film con situazioni reali di vita ambientate in Inghilterra o negli Stati Uniti, si tratta di video girati a Londra e a New York. Gli esercizi di ogni unità ruotano attorno all’ABA Film: ci si esercita con i dialoghi, imparando a pronunciare e a scrivere, si interpretano i personaggi del copione, doppiando i dialoghi e pronunciando in inglese come un nativo. La sensazione dello studente è quello di vivere un’autentica esperienza di vita reale, impreziosita dall’utilizzo di uno strumento quotidiano come il cellulare o il tablet.

I vantaggi

Si progredisce con l’inglese senza rendersene conto, attraverso un processo di apprendimento divertente il subconscio gradualmente incorpora nuovi vocaboli ed espressioni. La grammatica, necessaria per consolidare le conoscenze, si esercita anche in formato audiovisivo alla fine dell’unità, con esercizi pratici. Ad ogni alunno di ABA English viene assegnato un insegnante che lo segue, guida e motiva nello studio. Questa è l’unica app per imparare l’inglese dove si può usufruire della guida di un professore, anche in mobilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

7 app indispensabili per gli studenti internazionali

Che siate in partenza per un corso di lingua estivo, o che stiate preparando un trasferimento più lungo, come l’Erasmus, queste app vi saranno di grande aiuto

Cos’è Duolingo, l’app che ti insegna 20 lingue (e ha preso 45 milioni da Google)

La startup per imparare le lingue è arrivata a 100 milioni di utenti in tutto il mondo, ed ha ricevuto un finanziamento dal fondo Google Capital di 45 milioni di dollari

Ecco 7 siti utili per imparare l’inglese con la tecnologia

Laura Linzitto torna a parlare dell’importanza dell’inclusione delle nuove tecnologia con la didattica, in particolare per lo studio della lingua inglese

La startup di Firenze che aiuta chi affitta camere, appartamenti e B&B. Keesy

Patrizio Donnini ha sviluppato un servizio di check-in e check-out automatizzato per chi fa home sharing. I Keesy Point, localizzati in punti strategici di arrivo come stazioni e aeroporti, sono aperti 24 ore su 24, per garantire la massima libertà di host e guest. Si parte da Firenze, poi sarà la volta di Roma, Milano e Venezia

L’ecommerce di cibo e vino Made in Basilicata, con le ricette degli chef del posto. Godebo

Il progetto di tre lucani per valorizzare i prodotti enogastronomici del territorio e portarli sul mercato nazionale e internazionale. Si possono acquistare ingredienti singoli e anche menu. E ci sono anche i video tutorial per le ricette