7 consigli per insegnare bene l’inglese

Kaplan International Colleges ha raccolto in un’infografica le tecniche più efficaci per l’insegnamento dell’inglese a scuola, interrogando più di 500 insegnanti di lingue

Conoscere l’inglese è essenziale, una elemento fondamentale nel curriculum di qualsiasi ragazzo (e non) per cercare lavoro, accedere all’università o viaggiare all’estero. Nelle scuole italiane c’è chi ancora prende con troppa leggerezza la conoscenza delle lingue, mentre lo studio dell’inglese per certi versi potrebbe risultare anche divertente, oltre che utile. L’insegnante in questo senso ha un ruolo ancora più importante: deve riuscire a catturare l’attenzione dello studente, motivandolo e coinvolgendolo nel processo di apprendimento.
Ecco alcuni consigli per insegnare l’inglese in modo efficace, divertente ed interattivo.

#1. Ascoltare la musica

Un ritornello che entra in testa può aiutare ad imparare le frasi più comuni e la corretta pronuncia delle parole. Nella top 5 dei cantanti preferiti dai ragazzi ci sono i Beatles, Micheal Jackson, Bob Marley, Elvis e gli One Direction (per il pubblico più giovane 😉 )

#2. Usare i VIP

Riprendere in classe le storie, la vita e gli interventi più importanti dei personaggi famosi rende interessante lo studio di una cultura diversa, a partire dalla lingua di riferimento.

#3. Guarda i film in lingua originale

Ci sono moltissime piattaforme web che rendono disponibili film e cortometraggi in lingua originali, spesso sottotitolati per rendere più fluente la comprensione delle parole e dei dialoghi.

#4. Leggere i giornali e i fumetti

Il 75% degli intervistati preferisce far esercitare i propri studenti leggendo giornali e fumetti. Al primo posto il New York Times, seguito dal Times e il Guardian, mentre i fumetti preferiti sono Spiderman, Superman e Batman.

#5. Ascoltare la radio

Come per l’ascolto della musica anche la radio, con programmi di critica o le hit parade, sono utili per familiarizzare con la lingua inglese.

#6. Seguire le serie tv

Affezionarsi ad una serie tv e seguirla tutta fino alla fine in lingua inglese è uno dei modi migliori per imparare l’inglese, lo preferisci il 60% del campione. Tra i programmi più amati Mr. Bean, Friends e i Simpson.

#7. Giocare online

All’ultimo posto, con il 24% di preferenze, troviamo il gioco online in lingua originale. Tra i games più usati troviamo i Sims, Sin City e Second Life.
inglese

Ti potrebbe interessare anche

ABA English lancia l’app per imparare l’inglese guardando i film

ABA English, accademia online per l’insegnamento dell’ inglese, ha lanciato un’app innovativa per studiare le lingue attraverso i film

Cos’è Duolingo, l’app che ti insegna 20 lingue (e ha preso 45 milioni da Google)

La startup per imparare le lingue è arrivata a 100 milioni di utenti in tutto il mondo, ed ha ricevuto un finanziamento dal fondo Google Capital di 45 milioni di dollari

Ecco 7 siti utili per imparare l’inglese con la tecnologia

Laura Linzitto torna a parlare dell’importanza dell’inclusione delle nuove tecnologia con la didattica, in particolare per lo studio della lingua inglese

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti