La sfida di Lady Slowfood: «Insegniamo ai bimbi i valori del km 0 con l’orto a scuola»

Alice Waters è una chef attivista: intervenendo a Terra Madre Giovani ad Expo Milano 2015, ha ribadito l’importanza delle “edible education”. Nell’anno in cui gli orti scolastici compiono vent’anni

Insegnare a scuola come e cosa mangiare, e perché «quando mangiamo un hamburger proveniente da un fast food, interiorizziamo con esso anche i valori che porta con sé: impariamo che l’origine degli alimenti non ha importanza, che devono essere standardizzati e sempre uguali. Perciò il cibo industriale e il fast food sono un affronto alla democrazia». A dirlo, l’attivista americana vice presidente di Slow Food Internazionale e fondatrice del ristorante Chez PanisseAlice Waters, che ha tenuto il 5 ottobre una masterclass a Terra Madre Giovani – We feed the Planet, la quattro giorni di dibattiti e confronti sui temi dell’alimentazione organizzata da Slow Food. «Dobbiamo cambiare il modo che le persone hanno di concepire il cibo e il modo migliore per farlo è educare fin da subito le nuove generazioni. Noi intanto dobbiamo farci valere e dare segnali importanti con proteste costruttive: questo bellissimo evento è un ottimo modo per farlo», ha detto la numero due di Slow Food.

Leggi: La birra biologica del “Majorana” di Bari conquista l’Expo

Alice-Waters-Gilles-Mingasson

Chi è Alice Waters

Dopo l’apertura del ristorante negli Anni ’70, nel 1995 Waters ha dato vita a Edible Schoolyard, un grande orto aperto alla Martin Luther King Jr. Middle School di Berkley. Il 10 settembre scorso, Waters è stata premiata dal Presidente degli Stati Uniti Barack Obama con la “National Humanities Medal” per il suo impegno nell’educazione alimentare. A Chez Panisse, ha spiegato Waters, «cuciniamo solo con verdure di stagione prodotte dagli agricoltori locali che conosciamo di persona e di cui condividiamo la filosofia di vita. Ogni giorno andiamo a prendere le cassette con i loro prodotti e in base alla disponibilità decidiamo il menu: ciò è di grande stimolo perché io sono molto più creativa in cucina se non ho tutti gli ingredienti che vorrei, ma devo cucinare con quello che ho». E ancora, la chef attivista ha raccontato che «la cucina e i campi sono l’una l’estensione degli altri e viceversa, perciò dobbiamo essere coproduttori, per citare Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, perché l’85% del risultato in cucina è legato all’agricoltura. Avere ingredienti saporiti e nutrienti è fondamentale perché il gusto è ciò che rende il lavoro del cuoco davvero irresistibile per i clienti». Per questo, a Chez Paniss hanno deciso di inserire nel menu anche i produttori: «L’abbiamo fatto per festeggiarli, perché avessero un riconoscimento non solo economico del loro lavoro, e perché i clienti li potessero conoscere», ha detto Waters. 

Con la famiglia Obama

Come ha detto la stessa Waters, Obama e sua moglie Michelle sono grandi sostenitori della sua filosofia, e «quando saranno liberi dai loro ruoli, lo saranno ancora di più». E in effetti, a sostenere la necessità di una vita più sana, con tanto sport e cibo salutare, è proprio la First Lady, che il 9 febbraio 2010 lanciò “Let’s Move”, il programma che vuole ridurre drasticamente l’obesità infantile nell’arco di una generazione: in quell’occasione, Michelle Obama disse che «la salute fisica ed emotiva di un’intera generazione, e la salute economica e la sicurezza della nostra nazione, sono in gioco» e che per lei «non è solo una questione politica. È una passione. Questa è la mia missione. Io sono determinata a lavorare con la gente in tutto il Paese, per cambiare il modo in cui una generazione di bambini pensa al cibo e all’alimentazione». Nel dicembre 2010, poi, Barack Obama firmò il Healthy, Hunger-Free Kids Act”, una legge per far sì che le scuole pubbliche americane offrissero pasti più salutari nelle mense a decine di milioni di bambini. Altre iniziative della Casa Bianca sono il Let’s Move! Child Care”per far sì che i gestori degli asili offrano ambienti più salutari per la prima infanzia e il “Women, Infants and Children” (WIC), un programma federale che provvede all’alimentazione supplementare alle donne con basso reddito, ai loro bambini e ai neonati.

Da ex educatrice a cuoca

Prima di scoprirsi cuoca, Waters ha avuto un passato da educatrice fan del metodo Montessori: 

Mi affascinava l’idea di insegnare ai bambini a essere in contatto con i loro sensi e le loro percezioni abbinando spezie con aromi diversi oppure riconoscendo la frutta solo al tatto

ha raccontato. Ed è stato grazie al suo ristorante che è riuscita a unire le due passioni: è nata così la edible education, un termine che, come ha spiegato la stessa Waters, «dovrebbe essere una materia da studiare a scuola. I bambini devono imparare la storia del territorio e le migliori pratiche agricole, devono sapere cosa si può piantare e quando, chiedersi davvero cosa stiamo mangiando».

Gli edible garden

Proprio dalla edible education è nato il progetto degli orti scolastici, che nel 2015 festeggiano i 20 anni di vita: oltre a Slow Food, sono coinvolte centinaia di scuole americane. Gli edible garden servono ad educare i consumatori e produttori di domani: «i ragazzi delle medie, dopo tre anni di scuola a stretto contatto con la cucina e l’orto, sanno cos’è l’agricoltura sostenibile, come si pianta un seme, come si fa il compost, e così via. Conoscono bene tutto il sistema e sanno come nutrirsi nel modo più semplice e salutare per loro», ha raccontato Waters. Ma importante è stata la riscoperta della convivialità del cibo: «Vi sembrerà strano, ma questi ragazzi durante i pasti rimanevano in silenzio dato che in famiglia non erano abituati a mangiare insieme. Vederli incontrarsi a chiacchierare durante un pasto per me è stata una grande conquista!», ha rivelato la cuoca. 

L’educazione alimentare in Italia

In Italia l’educazione alimentare non è una materia curriculare, quanto più che altro un tema che affiancherà altre tematiche, come quella degli orti scolastici. A maggio 2015, la Camera dei Deputati aveva approvato alcune mozioni in materia di educazione alimentare nelle scuole e nello specifico il Governo si era impegnato a «proseguire iniziative volte alla promozione presso le istituzioni scolastiche di stili di vita attivi, attraverso il movimento e l’attività fisica quotidiana, nonché di percorsi mirati all’educazione ad una alimentazione sana, corretta, sostenibile per l’ambiente e altresì favorire la sensibilizzazione al corretto equilibrio tra consumo e rispetto del cibo, per rendere il consumatore consapevole degli sprechi alimentari di acqua, energia e dei loro impatti ambientali ed economico-sociali, ferma restando l’autonomia delle istituzioni scolastiche nella definizione dei piani dell’offerta formativa» (qui il resoconto completo). Insomma, nonostante gli appelli ad inserire l’educazione alimentare come materia di insegnamento nelle scuole di personaggi come l’agroeconomista e fondatore di Last Minute Market Andrea Segrè, la strada sembra ancora molto lunga.

missgarden

Ti potrebbe interessare anche

La birra biologica del “Majorana” di Bari conquista l’Expo

Gli studenti dell’istituto tecnico sono stati capaci di unire il locale e l’internazionalizzazione per parlare di un prodotto di qualità

Piatti riciclabili a mensa: la svolta green delle scuole di Milano

Il Comune distribuisce in 150 scuole primarie piatti e ciotole completamente biodegradabili che si buttano nell’umido e che diventano concimi: evitando gli sprechi e rispettando l’ambiente

Da Eataly laboratori bio per baby assaggiatori

Dal consumo consapevole al significato di biologico: i laboratori didattici Eataly sono stati creati per avvicinare i bambini delle scuole materne e primarie al mondo del food

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)