Zuckerberg su Fb: «120 milioni alle scuole della Valley, ecco i miei obiettivi per il futuro dell’istruzione»

Il fondatore di Facebook scrive un post in cui elenca gli obiettivi delle sue attività filantropiche nel campo dell’istruzione: 120 milioni di investimenti per “dare a ognuno la possibilità di esprimere il proprio potenziale”

Una riflessione sulle sue attività filantropiche, un bilancio di quello che ha fatto con la moglie Priscilla, e di quello che intende fare nel futuro. Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, affida proprio ad un post sul suo profilo social una lunga nota sugli obiettivi futuri, prevalentemente volti al futuro dell’istruzione. Già da diverso tempo Zuckerberg ha rivolto l’attenzione del settore educativo, supportando esperienze innovative e finanziando progetti nei paesi in via di sviluppo (come le Bridge Academies in Kenya). Nel post sul suo profilo il Ceo del social network più grande al mondo calcola un investimento di 120 milioni di dollari nelle scuole dell’area della San Francisco Bay ed elenca i “goals” principali da lasciare alle prossime generazioni, in primis rendere l’apprendimento sempre più personalizzato e dare a ogni essere umano l’opportunità di esprimere a pieno il suo potenziale. Di seguito la traduzione integrale della nota di Mark Zuckerberg.

1003_zuckerberg_630x420

Liberare il potenziale umano

«Abbiamo due obiettivi: il primo è liberare il potenziale umano. I nostri bambini e l’intera futura generazione hanno le potenzialità per vivere molto meglio rispetto a come viviamo noi oggi – sempre se riusciamo a fare degli investimenti di lungo termine nella tecnologia e nel progresso come società. Possiamo personalizzare il modo in cui apprendiamo. Curare i malanni, creare energia pulita, dare alle persone gli strumenti per inventare e costruire nuovi lavori. Mettere in connessione persone e idee.

Promuovere l’uguaglianza

Il secondo è promuovere l’uguaglianza. Viviamo in tempi di crescente disuguaglianza, e abbiamo molta più responsabilità, morale come individui e come società, di investire di più nel dare a ognuno l’opportunità di realizzare a pieno il suo potenziale. Possiamo costruire comunità più forti, aiutare le persone a restare in salute, ridurre la povertà. Promuovere l’uguaglianza dei diritti e costruire il dialogo tra le nazioni. Questi sono obiettivi a lungo termine per la nostra generazione, ma se cominciamo ora durante il corso della vita dei nostri figli, credo che riusciremo a raggiungerli.

Apprendimento personalizzato

Nell’ultima riunione del Cda della nostra fondazione per l’istruzione, Startup:Education, abbiamo discusso dove siamo arrivati con alcuni dei nostri progetti. Il nostro focus più grande è su un apprendimento personalizzato. Questo significa supportare lo sviluppo di scuole, insegnanti e tecnologia.

Quando gli studenti possono apprendere nel modo in cui vogliono, personalizzando il proprio percorso di studio, i risultati sono impressionanti.

Stiamo concentrando il nostro sforzo per un apprendimento personalizzato nell’area di San Francisco Bay, così da restare pienamente coinvolti nella comunità. Stiamo investendo 120 milioni di dollari qui, per supportare le nuove scuole e migliorare quelle che già ci sono. Stiamo finanziando le scuole pubbliche locali e nuove scuole come le Summit Public Schools, KIPP e le AltSchool. Stiamo anche investendo nelle infrastrutture come Education Super Highway per essere sicuri che gli studenti abbiano gli strumenti di cui hanno bisogno per imparare, come la rete internet.

Nell’area di San Francisco, Priscilla sta anche guidando una scuola, The Primary School combinando ciò che ha imparato come insegnante e come dottore, trasmettendo ai bambini uno stile di vita sano, così che possano apprendere meglio.

Presto saremo genitori e teniamo molto a fare tutto quello che possiamo perché tutti i bambini – e non solo i nostri – abbiano l’opportunità di crescere e realizzare a pieno il loro potenziale. Abbiamo molto lavoro da fare». Firmato Mark Zuckerberg.

Ti potrebbe interessare anche

Facebook regala agli insegnanti un nuovo software per l’e-learning

«Vogliamo avere un forte impatto sull’istruzione con quello che sappiamo fare meglio: software». Così il social di Palo Alto rinnova il suo impegno nei confronti della scuola e lavora insieme al Summit Public Schools

Facebook apre il suo club di lettura e sfida a leggere almeno 2 libri al mese

Mark Zuckerberg ha aperto il più grande club di lettura al mondo: “Year of Books”. La scommessa è quella di aprire mente e cuore degli utenti alla lettura

Ahmed, maker di 14 anni, arrestato per un orologio fai-da-te. Ma Obama e Zuckerberg lo difendono

Si è costruito, da solo, un orologio e l’ha portato a scuola. La polizia di Dallas lo scambia per una bomba e arresta il ragazzo mentre si trovava in classe. La storia di Ahmed ha fatto il giro del web in poche ore e il piccolo maker ha ricevuto messaggi di solidarietà anche dalla Casa Bianca e da Mr. Facebook

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia