A Chieti la prima “aula verde” dove i bambini coltivano i frutti dimenticati (premiata Slow Food)

All’istituto Comprensivo 3 di Chieti hanno creato un’aula all’aperto dove i bambini possono diventare piccoli agricoltori e studiare le scienze con un approccio pratico e diretto

L’agricoltura entra in classe. Anzi gli alunni vanno fuori classe, nell’aula “verde”. Non stiamo parlando di un’aula dipinta del colore della speranza, ma di una classe all’aria aperta. L’idea è di Paola Di Renzo, la dirigente del Comprensivo 3 della scuola di via Pescara allo Scalo a Chieti: non solo un orto didattico, bensì un’isola eco-didattica. Per la prima volta la preside dal pollice verde ha rivoluzionato il modo di fare scuola e il concetto di orto didattico che in questi anni ha preso sempre più piede nelle scuole italiane. All’istituto di via Pescara, gli ortaggi, la terra, i frutti non sono solo un’occasione per imparare a diventare dei piccoli agricoltori, ma un luogo di osservazione scientifica, un modo per fare lezione non solo sul libro di testo ma fuori dai banchi, in mezzo alla natura.

Everearth-Kids-Garden-Tools

Il riconoscimento Slow Food

Si tratta di un fiore all’occhiello per l’Abruzzo dal momento che questa scuola è stata riconosciuta ad alta qualità ambientale oltre ad avere ottenuto il plauso e il logo da “Slow Food”. Tutto ruota attorno all’aula verde dove si fanno esperimenti, dove i bambini provano a comprendere qualcosa in più dell’ambiente. Nello spazio didattico all’aperto, concepito dalla preside e dai suoi insegnanti, vengono coltivati gli ortaggi nell’ottica della stagionalità e della tipicità così da insegnare ai ragazzi il rispetto del ciclo naturale delle stagioni.

Nell’orto anche i frutti dimenticati

Ma non solo. C’è l’angolo dei frutti dimenticati: giuggiole, uva spina. I ragazzi non sanno nemmeno di cosa si tratti ma attraverso l’isola didattica ambientale nascono curiosità che altrimenti restavano sopite. Un ritorno alle origini, ma anche una sorta di “guida” al riconoscimento della propria identità rurale: spesso i bambini non conoscono le piante che li circondano, non sanno il loro nome, non riescono a distinguere un pioppo da una quercia. Nella scuola di Chieti possono toccare le piante tipiche della regione, vedere una castagna roscetta della Val Rovereto.

L’insegnamento verde

Un progetto che fornisce ai bambini anche l’abc del cittadino rispetto a queste tematiche: nell’aula verde sono piantate, infatti, delle rose inglesi indispensabili per la lotta integrata e l’eliminazione dell’uso dei pesticidi e l’orto viene fertilizzato dagli scarti vegetali crudi della mensa scolastica, raccolti nella compostiera dagli stessi bambini. C’è di più: con il ricavato dei prodotti del raccolto, messi in vendita dai genitori, la scuola è riuscita a finanziare alcune piccole attività e ad incrementare le piante nel giardino della scuola. L’aula verde è la prova di quanto si possa fare tra i banchi riuscendo a usare le mani sia su una tastiera del personal computer sia mettendole nella terra, tra i fiori e gli ortaggi. E’ proprio quello che oggi hanno bisogno i nostri ragazzi: sperimentare, avere occhi per uno schermo e mani per sporcarsi. A Chieti sono riusciti grazie alla sinergia nata tra la scuola e i genitori che vivono lo spazio verde come un luogo dove poter fare scuola insieme di là del suono della campanella.

Ti potrebbe interessare anche

Da Eataly laboratori bio per baby assaggiatori

Dal consumo consapevole al significato di biologico: i laboratori didattici Eataly sono stati creati per avvicinare i bambini delle scuole materne e primarie al mondo del food

La sfida di Lady Slowfood: «Insegniamo ai bimbi i valori del km 0 con l’orto a scuola»

Alice Waters è una chef attivista: intervenendo a Terra Madre Giovani ad Expo Milano 2015, ha ribadito l’importanza delle “edible education”. Nell’anno in cui gli orti scolastici compiono vent’anni

Una classe di Parma ha inventato il ketchup ecosostenibile: sbarcherà a Expo

Il progetto sarà presentato il 2 luglio al Padiglione Italia nell’ambito del programma “Vivaio Scuole”

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia