Arriva l’animatore digitale nelle scuole: 1.000 euro a ogni istituto, i nomi entro il 10 dicembre

E’ una figura prevista dal Piano Nazionale Scuola Digitale: si occuperà della formazione e del coinvolgimento della comunità scolastica nelle attività di digitalizzazione della scuola di appartenenza

Come previsto dal Piano Nazionale Scuole Digitale (PNSD), arriva nelle scuole italiane la figura dell’animatore digitale. In ogni istituto sarà nominato, tra gli insegnanti di ruolo, un “esperto” nel settore del digitale che avrà il compito di gestire attività di formazione interna, coinvolgere la comunità scolastica e trovare soluzioni innovative per la didattica. Il ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha inviato una nota in cui viene chiesto alle scuole di nominare i loro animatori digitali entro il prossimo 10 dicembre. I dirigenti scolastici potranno inserire nome e dati del docente scelto in una piattaforma online, che verrà attivata dal 23 novembre al 10 dicembre. L’attività degli animatori partirà nelle scuole da marzo 2016.

Leggi: Tutto il Piano Nazionale Scuola Digitale spiegato in 35 punti

Digital-Economy1

Identikit dell’animatore digitale

La figura dell’animatore digitale è nuova per la scuola italiana, ed è stata inserita dal PNSD per venire incontro all’esigenza di rinnovamento dell’istruzione. L’animatore sarà un docente di ruolo con particolare predilezione per il mondo dell’innovazione che avrà il compito di seguire, per il prossimo triennio, il processo di digitalizzazione della scuola di appartenenza. In particolare le sue competenze verteranno su:

1. Formazione interna: stimolare la formazione del personale scolastico, organizzando laboratori e coinvolgendo tutti nelle attività di formazione.

2. Coinvolgimento della comunità scolastica: coinvolgere gli studenti nell’organizzazione di workshop e altre attività previste dal PNSD, anche attraverso momenti condivisi dalle famiglie.

3. Creazione di soluzioni innovative: cioè individuare soluzioni per innovare la didattica, da diffondere negli ambienti della scuola (come per esempio l’uso di particolari strumenti in dotazione all’istituto), oppure informare su metodologie e pratiche innovative diffuse in altre scuole, costituire un laboratorio di coding per gli studenti.

In tutto gli animatori digitali saranno circa 8.500, uno per ogni istituto, che in definitiva lavoreranno per la diffusione della cultura digitale nel mondo dell’istruzione, stimolando soprattutto la partecipazione e la creatività degli studenti.

Selezione e formazione dell’animatore

Per la formazione degli animatori è stato firmato un decreto che prevede lo stanziamento di 850 mila euro, da ripartire a livello regionale: ad ogni scuola, inoltre, come primo intervento di supporto, verranno assegnati 1.000 euro per la realizzazione delle attività e dei progetti dell’animatore digitale.

3 Commenti a “Arriva l’animatore digitale nelle scuole: 1.000 euro a ogni istituto, i nomi entro il 10 dicembre”

  1. Gianio Manfioletti

    Ottima idea ma non si parla di compensi e di monte ore… esonero, semi esonero o altra attività da aggiungere a tutte le altre ?

    Rispondi
    • Giuseppe Joe Castronuovo

      Son d’accordo con te ed è per questo motivo che non ho ancora dato il mio consenso definitivo a tale progetto. Spero non si mettano in testa che lavoreremo gratis

      Rispondi
  2. Giorgia Stopazzola

    Perchè tra il personale in ruolo? svolgo queste funzioni da almeno 10 anni nel mio istituto ma non sono in ruolo bensì un’IDR stabilizzata.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

#buonascuola | Due prof high-tech: “Ecco secondo noi cosa funziona”

I docenti 2.0 Mimmo Aprile e Paola Lisimberti commentano i punti più favorevoli della riforma scolastica che sta cambiando tutto

140 milioni dal Miur per ambienti digitali, aule aumentate e laboratori mobili

Fino al 18 novembre le scuole possono presentare al ministero dell’Istruzione dei progetti per il potenziamento degli ambienti digitali dei propri istituti. Il Miur ha stanziato, per i progetti, 140 milioni: l’operazione si inserisce nell’ambito del PON – Programma Operativo Nazionale (2014-2020)

Tutto il Piano Nazionale Scuola Digitale spiegato in 35 punti

Guida pratica e riassuntiva del Piano Nazionale Scuola Digitale: 35 punti e 9 aree per spiegare i tempi e l’entità dei finanziamenti e per capire cosa cambia nella scuola italiana

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale