Dentro la scuola di Tilda Swinton: niente esami né verifiche, tenendo il banco più lontano possibile

L’attrice Tilda Swinton ha aperto la Drumduan School in Scozia: una scuola con un metodo innovativo basato su esperienza diretta, attività all’aria aperta e nessuna gerarchia tra insegnante e studente

Quando andava a scuola, l’attrice Tilda Swinton non riusciva a sentirsi coinvolta. Era insofferente di fronte alle continue verifiche e ad un metodo di insegnamento tradizionale che non le trasmetteva nulla. Da ragazza ha abbandonato i banchi ed ha cominciato a studiare da sola. Finché non è arrivata all’Università di Cambridge, dove finalmente ha trovato insegnanti che chiedevano di esprimere la sua opinione e di seguire le proprie ispirazioni. Quando è diventata mamma, Swinton si è interrogata sull’istruzione che avrebbero avuto i suoi figli, e si è convinta ad aprire la scuola che lei stessa ha sempre desiderato e che non c’era: la Drumduan Upper School in Scozia. 

tilda1_2101063b

Esperienza diretta

Swinton l’ha co-fondata nel 2013 con Ian Sutherland McCook, ispirandosi al metodo di Moray Steiner, che sostiene un’educazione fuori dagli schemi, senza verifiche e con modalità diverse rispetto alle lezioni tradizionali. La scuola steineriana, però, arrivava fino ai 14 anni: Swinton ha fatto sì che la Drumduan applicasse il metodo fino alla maggiore età. Niente esami, niente verifiche, molto tempo trascorso all’aria aperta, e un apprendimento basato sulle arti e sull’esperienza pratica: benvenuti alla scuola di Tilda Swinton.

Niente esami né gerarchie

L’attrice ha descritto la Drumduan al Guardian: «Nella mia scuola non esistono i test. Per esempio, i ragazzi imparano la scienza realizzando una canoa, o costruendo un coltello o caramellando cipolle. Sono tutti felici e molto ispirati». Tutto si basa, infatti, sull’esperienza diretta.

Le lezioni si muovono da un ambiente interno a uno esterno, cercando di tenere i ragazzi il più possibile lontani dal banco.

Gli studenti possono essere coinvolti, ad esempio, nella fabbricazione di una barca, ma senza l’ausilio delle macchine: questa attività indurrebbe gli studenti a fare uso di nozioni di geometria, fisica e matematica, ma anche di arte ed estetica. Eppure, alla fine, nessuno dovrà sostenere un esame in “fabbricazione di barche”. Nella scuola di Swinton, infatti, non sono previsti esami. Né esistono gerarchie: gli insegnanti vengono chiamati per nome, e la lezione sembra più un dialogo che un monologo.

da764561-9f6e-492d-a083-a47f06664d5a-2060x1236

Foto: The Guardian

Ognuno sulla sua bicicletta

Secondo Tilda Swinton, l’educazione tradizionale è come insegnare a tanti bambini che sono sulla stessa bicicletta. Nella sua scuola, invece, i ragazzi vengono trattati come se fossero ognuno su un mezzo proprio. In questo modo “ognuno va alla sua velocità e secondo il proprio istinto” e nessuno si sente obbligato a seguire un percorso di apprendimento prestabilito. I suoi figli hanno terminato la Drumduan con successo: Havier e Honor, i gemelli di 17 anni di Tilda Swinton, infatti, nel 2016 completeranno il loro ciclo di studi. Se avranno lacune o si troveranno male all’Università è ancora presto per dirlo: la loro classe è la prima che si diplomerà alla Drumduan, e solo il tempo potrà dire se il “metodo Swinton” funziona.

@carlottabalena

Tilda-Swinton-009

Foto: The Guardian

Ti potrebbe interessare anche

Benvenuti alla scuola per Vichinghi (dove a insegnare è un maniscalco)

La Seljord Folkehøgskule, in Norvegia, è la prima scuola superiore finanziata dallo Stato che insegna “abilità vichinghe”. In un anno i ragazzi imparano le attività degli uomini del nord: forgiare asce, creare gioielli o costruire navi

L’educazione 3.0 della AltSchool in Silicon Valley, dove i bambini scelgono cosa studiare

La AltSchool è una scuola innovativa aperta da un ex-Googler. Prevede molta autonomia e un altissimo uso della tecnologia: ogni bambino ha un proprio tablet. Tra i finanziatori anche Zuckerberg e la vedova Jobs

Niente materie, si studia per argomenti. E’ la nuova scuola finlandese

In Finlandia si sta sperimentando un metodo di insegnamento basato non sulle materie tradizionali, ma su macrotemi e argomenti

Al via a Milano la Fashion Week. Cinque startup che vogliono innovare nella moda

Dal 20 al 25 settembre nel capoluogo lombardo eventi e passerelle per mettere in mostra le ultime tendenze in fatto di abiti, scarpe e accessori. Ma non bisogna perdere di vista chi cerca di modernizzare il settore con la tecnologia. Qui qualche esempio

A ottobre debutta Aml bitcoin, la criptovaluta che contrasta i crimini finanziari

Marcus Andrade ha proposto di introdurre questa modalità di pagamento nel porto di San Francisco. La trasparenza e la sicurezza garantite dal sistema hanno attirato l’attenzione delle istituzioni negli Stati Uniti che potrebbero portare alla sua legittimazione

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

Food delivery, cosa ordinano gli studenti | La ricerca

Al vertice delle preferenze svettano i piatti americani seguiti dalla cucina asiatica e da quella italiana. In Italia trionfano pizza, burger e sushi. E il 75% spende oltre 20 euro per un ordine

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo