A Cagliari una scuola innovativa con baby fablab, banchi interattivi e lezioni in inglese

Inaugurata a settembre, l’Up School è una scuola elementare estremamente innovativa dove i bambini imparano “facendo” e possono usare una serie di dispositivi hi-tech, dalle stampanti 3D ai proiettori

A Cagliari esiste un nuovo modello didattico versione 2.0, dotato anche di un vero e proprio baby Fab Lab, che pone al centro i bambini e la tecnologia con un sguardo al futuro. Up School, aperta a settembre 2015, è una scuola elementare al centro di Cagliari situata in una villa dei primi del ‘900 immersa nel verde, e completamente a misura di bambino.

13406_650_320_dy_Da_villa_a_scuola_elementare_speciale_A_Cagliari_si_studia_tra_tavoli_interattivi_e_yoga

Il modello educativo di UpSchool

Quando arrivano a scuola, i bimbi vengono subito accolti in ambienti confortevoli e spaziosi che puntano a rompere il paradigma tradizionale classe-aula. Si parte infatti da un ambiente flessibile e polivalente dove i gruppi di piccoli studenti si compongono e si scompongono a seconda degli interessi e delle competenze. Nei programmi didattici viene rafforzato l’uso del digitale e delle nuove tecnologie in tutte le attività quotidiane. Stampanti e schermi 3D sono al servizio di un vero baby Fab Lab dentro la scuola che viene usato per l’insegnamento delle scienze. Proiettori e tavoli interattivi, poi, sono destinati agli ambienti per le lezioni frontali e il lavoro in team.

1438554701_Up-School-La-stampante-3D-catalizza-lattenzione-dei-bambini-600x335

Inglese, orto e stanza dell’acqua

La scuola è circondata da un grande parco per le attività sportive: basket, tennis, calcio, yoga e cura dell’orto. Esiste poi un sottolivello in cui si trova la “stanza d’acqua” dedicata ad attività di acquaticità. L’orario va dal lunedì al venerdì dalle 7:30 alle 17:30, durante il quale le prime ore sono dedicate al relax, mentre dalle 9:00 iniziano le attività didattiche. I percorsi didattici sono personalizzati per fasce d’età: in questo modo la didattica tradizionale viene sostituita da un laboratorio della conoscenza. Le materie, infatti, si basano sull’apprendimento per mezzo dell’esperienza: “Mettere al centro dell’apprendimento il saper fare, perché dall’esperienza si arriva all’apprendimento” dicono dalla Up School. Più della metà delle lezioni sono in inglese e a pranzo i bimbi mangiano le verdure che coltivano (loro stessi) nell’orto della scuola. Il modello Up School, inoltre, struttura il suo progetto con contributi scientifici che prevedono attività di collaborazione con l’Università di Sassari per assicurare un miglioramento continuo dell’esperienza educativa dei piccoli  studenti.

ikuqHzb

Le 5 parole chiave di Up School

Esperienza. Solo tramite l’esperienza, il fare, è possibile produrre conoscenza, accrescere le proprie competenze e abilità, sviluppare progetti creativi, avere consapevolezza dei propri mezzi, acquisire gli strumenti per potersi confrontare con il mondo.

Autonomia. Intesa come la capacità di ragionareagire, prendere decisioni in maniera consapevole e spontanea. Individuare problemi complessi ed elaborare soluzioni semplici e creative.

Condivisione. Nell’apprendimento degli strumenti necessari per confrontarsi con gli altri, scambiare e selezionare informazioni, imparare, copiare, in una realtà multiculturale, plurilingue e digitale.

Benessere.  Acquisire familiarità con il proprio corpo, il senso dell’equilibrio e del movimento, un‘alimentazione sana e bilanciata, le attività all’aperto (sportiva e non) come parte integrante del progetto formativo, la sostenibilità ambientale e l’ecocompatibilità come valore insito in tutte le attività della scuola.

Innovazione. Un progetto pedagogico aperto e calibrato su percorsi personalizzati di crescita delle competenze, all’interno di uno spazio capace di accogliere ed integrare nuove tecnologie per l’implementazione delle attività didattiche, il monitoraggio e la sicurezza dei bambini, il controllo microclimatico, il recupero e riciclo dell’energia.

“Designed in Italy, inspired by the world”: questo lo slogan di Up school per l’istruzione del futuro.

mcGTy09

Ti potrebbe interessare anche

L’educazione 3.0 della AltSchool in Silicon Valley, dove i bambini scelgono cosa studiare

La AltSchool è una scuola innovativa aperta da un ex-Googler. Prevede molta autonomia e un altissimo uso della tecnologia: ogni bambino ha un proprio tablet. Tra i finanziatori anche Zuckerberg e la vedova Jobs

3 dodicenni sardi hanno creato una LIM fai-da-te

Con una consolle di gioco, un proiettore e un pc, Davide, Fabio e Marco di un Istituto di Sestu (Cagliari) hanno creato una LIM autoprodotta e low cost. La dirigente scolastica Alessandra Patti ci racconta come hanno fatto

Aule nuove, wifi e più scuolabus: il progetto Iscol@ che vuole cambiare la Sardegna

La Regione sta varando un programma triennale di interventi per riqualificare gli istituti sardi, costruire nuove scuole e portare le tecnologie in tutte le aule. I fondi a disposizione, da qui al 2017, sono oltre 700 milioni

Altro caso nel food delivery: Take Eat Easy ha chiuso

A settembre avevano ottenuto un round da 10 milioni. Tra gli investitori Rocket Internet che però non ha più investito nella società che adesso ha chiuso: dopo Pizzabo, la strategia della holding rimane poco chiara

Con Aguawell fai la doccia senza sprecare acqua

Ogni volta che facciamo la doccia sprechiamo fino 12 litri d’acqua in attesa che essa raggiunga la giusta temperatura. Con Aguawell possiamo evitare questa dispersione e riutilizzare l’acqua per altri fini: dal lavare i piatti a innaffiare i fiori.

Terna: «Con Next Energy cerchiamo la tensione innovativa dei giovani»

Il gestore della Rete Elettrica Nazionale spiega perché è alla ricerca di talenti che sappiano portare nuove idee e una nuova mentalità nell’azienda. Con Cariplo Factory e PoliHub, ha dato vita a Next Energy, bando aperto fino al 31 luglio