Nominati 8 mila Animatori digitali: in prevalenza donne, da area scientifica

Da domani diventano operativi in tutte le scuole gli animatori digitali: Lombardia e Campania le regioni che ne hanno il numero più alto. Si potranno formare in una rete di oltre 50 scuole

Cominceranno a operare ufficialmente nelle scuole domani 7 gennaio gli animatori digitali, le nuove figure previste dal Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD), lanciato a fine ottobre dal Miur. Saranno in tutto 8.303 gli insegnanti di ruolo che avranno il compito di aiutare gli istituti nella digitalizzazione e di promuovere progetti innovativi nelle aule. Nel mese di dicembre, in ogni istituto è stato individuato un docente particolarmente appassionato ed esperto nel digitale che ricoprirà la figura di animatore: da domani tutti gli animatori cominceranno ad operare per tutto il prossimo triennio. Il Ministero ha individuato anche una serie di scuole che faranno da snodo per la formazione degli animatori digitali: sono oltre 50, dislocate sul territorio nazionale.

Leggi: Tutto quello che c’è da sapere sull’animatore digitale, spiegato da chi l’ha introdotto

 learing_results_page_image

Sui 45 anni e in prevalenza donne

Degli 8.303 animatori, ci sono 4.594 donne e 3.709 uomini, di età media 45 anni. La Lombardia e la Campania sono le regioni che hanno il più alto numero di animatori, con rispettivamente 1.123 e 1.008 docenti scelti. Tra gli animatori ci sono 5.443 docenti del I ciclo d’istruzione, 2.860 del II ciclo, e 2 su 4 provengono dall’area scientifica. Gli animatori organizzeranno attività e laboratori: per la loro formazione il PNSD ha stanziato 850 mila euro a livello nazionale,  e verranno assegnati mille euro ad ogni istituto per facilitare la realizzazione dei progetti di digitalizzazione. Qui l’elenco delle scuole individuate come polo per la formazione degli animatori.

Leggi: Tutto il Piano Nazionale Scuola Digitale spiegato in 35 punti

Schermata 2016-01-05 alle 20.29.27 Schermata 2016-01-05 alle 20.30.14

Concorso #IlmioPNSD: i vincitori

Nel mese di dicembre sono stati avviati i primi eventi di promozione del Piano Scuola Digitale: tra questi c’era anche il concorso #ilmioPNSD, nel quale gli studenti dovevano raccontare in 180 secondi le attività realizzate dalle loro scuole sul digitale. Queste le scuole vincitrici:

I premio, Istituto Comprensivo “Carlo Alberto Dalla Chiesa” di Roma;

II premio, Istituto Tecnico Statale per il Turismo “Artemisia Gentileschi” di Milano;

III premio, Scuola Statale Secondaria di I grado “Dante Alighieri” di Caserta;

IV premio, Istituto Comprensivo “Filippo Traina” di Vittoria (Ragusa);

V premio, Scuola Secondaria di I Grado “Alessandro Manzoni” e Scuola Primaria “Via Verdi” di San Cesario di Lecce.

Qui i video premiati. Alla scuola prima classificata è stato assegnato un premio di 7.170 euro, mentre 6.000 euro sono assegnati a ciascuna delle istituzioni scolastiche classificate dal II al V posto. I fondi potranno essere utilizzati per l’acquisto di hardware e strumenti informatici per il proprio istituto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Tutto il Piano Nazionale Scuola Digitale spiegato in 35 punti

Guida pratica e riassuntiva del Piano Nazionale Scuola Digitale: 35 punti e 9 aree per spiegare i tempi e l’entità dei finanziamenti e per capire cosa cambia nella scuola italiana

Tutto quello che c’è da sapere sull’animatore digitale, spiegato da chi l’ha introdotto

Intervista a Damien Lanfrey e Donatella Solda, gli esperti del ministero dell’Istruzione che hanno redatto il Piano Nazionale Scuola Digitale dove si introduce la figura dell’animatore digitale

Arriva l’animatore digitale nelle scuole: 1.000 euro a ogni istituto, i nomi entro il 10 dicembre

E’ una figura prevista dal Piano Nazionale Scuola Digitale: si occuperà della formazione e del coinvolgimento della comunità scolastica nelle attività di digitalizzazione della scuola di appartenenza

Arriva dal vino la pelle naturale che non sfrutta gli animali

WineLeather è vegetale al cento per cento ed è ricavata dalla vinaccia. L’idea sviluppata da Gianpiero Tessitore e Francesco Merlino rappresenta un’occasione di rilancio per il settore conciario italiano all’insegna della sostenibilità e del cruelty-free

Più bike sharing, meno stazioni di parcheggio. Shike, il progetto di MugStudio (SocialFare)

Andrea Tommei e Andrea Cantore hanno sviluppato un progetto di bike sharing innovativo, che permette ai cittadini di non servirsi delle classiche stazioni. Shike è tra le 5 aziende selezionate per Foundamenta#3, il programma di accelerazione per startup a impatto sociale