Una mamma crea una battaglia navale con la tavola periodica per insegnare ai figli la chimica

Karyn Tripp è una homeschool mom, cioè una mamma che fa scuola ai suoi figli in casa. Per insegnare la chimica ha trovato un modo creativo e divertente: giocare a battaglia navale

Se mentre studi ti diverti, impari di più. Questo è vero per tutti ed ancora di più per i bambini. Trovare modi creativi per insegnare materie un po’ ostiche è una sfida per insegnanti e genitori: e mentre per la matematica si possono usare i Lego, per la genetica c’è chi usa le M&M’s, per la chimica c’è chi ha pensato alla vecchia battaglia navale. Ridisegnata usando la tavola periodica degli elementi. 

IF

Una mamma creativa

L’idea è venuta a Karyn Tripp, una mamma di 4 bambini. Karyn è una “homeschool mom”, cioè una mamma che fa lezione a casa. Negli ultimi 7 anni, infatti, Karyn ha insegnato lei tutte le materie scolastiche ai suoi figli. “In casa giochiamo tantissimo a battaglia navale – ha detto – Eravamo lì a studiare chimica tutti insieme e stavamo cercando un modo divertente per memorizzare gli elementi. Mi si è accesa una lampadina!”.  Così hanno creato uno schema di battaglia navale usando i simboli degli elementi chimici ed ora suo figlio maggiore, 11 anni, è un grande appassionato di chimica. “Si è anche appeso un poster con tutti gli elementi nella sua stanza: il suo elemento preferito è l’Einsteinio perché pensa che abbia un bel nome” ha detto la signora Tripp.

Come si fa

Per realizzare la battaglia navale “scientifica” Karyn ha stampato 4 copie della tavola periodica. Dal momento che i numeri della tavola vanno già in ordine orizzontale sulla tavola, la mamma-insegnante ha cominciato dall’angolo sinistro a segnare le righe con le lettere dell’alfabeto. Ha plastificato i fogli affinché non si rovinino con l’usura ed ha incollato le due coppie di tavole in maniera simmetrica in modo che i bambini possano giocare l’uno di fronte all’altro.

Materiali scaricabili e blog

Le regole sono semplici, e si può giocare anche se ancora non si conoscono gli elementi: i bambini possono segnare i punti dove vogliono posizionare le loro navi cerchiando 2,3 o 5 elementi sulla tavola bassa, e giocano chiamando le coordinate. Insomma, proprio come la classica battaglia navale. Tripp ha raccolto questo e altri giochi educativi nel suo sito Teach Beside Me, dove raccoglie come un diario la sua esperienza di “homeschool mom” e dove pubblica periodicamente materiali didattici che si possono scaricare e usare per creare giochi educativi e divertenti.

IF

Ti potrebbe interessare anche

Sei modi creativi per insegnare la genetica ai bambini

Il 18 settembre sarà il Jeans for Genes Day, un giorno interamente dedicato a geni, clonazioni e DNA. Ecco come insegnare la genetica ai più piccoli

Spiegare la matematica con i Lego: il metodo di Alycia Zimmermann

A New York c’è un’insegnante che ha trovato un modo divertente per far amare la matematica ai bambini: usando i famosi mattoncini danesi

«La mia guida per insegnare la chimica alle scuole medie usando i Lego»

Un professore dell’Istituto Comprensivo di Siziano, in provincia di Pavia, racconta la sua esperienza: per insegnare ai suoi studenti la chimica usa i Lego (e una tavola degli elementi “aumentata”)

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi