Cloud, flipped classroom e tablet agli studenti: è l’aula 3.0 dell’Istituto “Giusti” di Milano

Dalla collaborazione tra il Comune di Milano e British Telecom è nata “l’aula del futuro” dell’Istituto comprensivo “Giusti”. Dove, due volte a settimana, tutti gli studenti possono sperimentare la didattica innovativa

Dal 2.0 siamo ormai sbarcati al 3.0. La rivoluzione delle scuole digitali è arrivata all’istituto comprensivo “Giusti” di Milano dove nei giorni scorsi è stata inaugurata l’aula del futuro. Niente più banchi e sedie di legno, libri e quaderni, lavagna d’ardesia; niente più vecchi personal computer e lezioni frontali. L’aula del futuro va di pari passo con una didattica 3.0 capace di mettere in gioco gli insegnanti e i dirigenti delle scuole. All’istituto milanese l’hanno capito subito sia i ragazzi sia i docenti.

aula 3.0

Sedie mobili, tablet, videoproiettore

Basta dare un’occhiata alla classe: al posto delle sedie ci sono delle comode poltroncine mobili e girevoli che permettono ai ragazzi di passare in maniera agevole da una situazione all’altra, da una lezione frontale ad un lavoro di gruppo. La lavagna multimediale fa bella mostra alla parete e i libri sono stati sostituiti dai tablet. Ma non basta questo. La strumentazione ha bisogno di infrastrutture digitali che consentano di fare lezioni all’avanguardia: l’aula 3.0 è dotata della copertura Wi-Fi ed è collegata alla Rete in fibra ottica del Comune del capoluogo lombardo. C’è di più: l’aula ha anche un videoproiettore HD in 16/9, una lavagna multimediale dotata di applicazione per la produzione, distribuzione e condivisione in aula dei contenuti didattici fino a 35 device e una piattaforma di Content Delivery in “cloud” accessibile sia in aula sia all’esterno attraverso la Rete.

Un tablet per ogni bambino nell’aula

Il tutto è stato pensato mettendo al centro l’alunno e i suoi bisogni d’apprendimento digitale: non è un caso che l’accesso a Internet sia controllato attraverso una protezione centralizzata che garantisce un sicuro e corretto uso della navigazione in ogni momento. Il progetto, nato dalla collaborazione tra il Comune di Milano e British Telecom che ha finanziato l’opera, ha permesso l’acquisto di trenta tablet con apposito armadio di ricarica. Una dotazione preziosa per la scuola che (essendo un istituto comprensivo) ha pensato di sperimentare l’apprendimento digitale con tutti i suoi utenti: dai bambini di sei anni a quelli di tredici. Ogni classe, dalla prima elementare alla terza media, farà lezione almeno due volte la settimana, nell’aula 3.0.

f3_0_milano-tablet-e-sedie-girevoli-al-posto-di-quaderni-e-banchi

Tutto archiviato nella “nuvola”

Un’esperienza nuova per gli alunni visto che potranno toccare con mano la “Didattica per scenari”, la “Flipped Classroom” e la tecnologia a supporto dell’Active Learning. Il cloud, accessibile sia in aula sia all’esterno, permetterà l’archiviazione in sicurezza di documenti, compiti, ricerche oltre alla loro condivisione in qualsiasi momento sia per gli studenti che per gli insegnanti. In tutto questo c’è un elemento non di poco conto da tenere in considerazione: l’aula 3.0 arriva in un istituto dove quasi il 30 per cento degli iscritti ha origini cinesi. Una sfida che guarda agli alunni con cittadinanza non italiana come una “risorsa” preziosa, capace di dare un contributo importante all’interno del sistema d’istruzione.

schermata-2016-01-20-alle-15-52-46-09a0b39d8677b74f069751d394eaf6594

Ti potrebbe interessare anche

Classe 3.0 di Bari, il preside: «Già dai banchi è partita la nostra innovazione»

Al liceo scientifico statale “Arcangelo Scacchi” di Bari si è andati oltre la didattica 2.0. La prima campanella per ventotto studenti del primo anno è suonata in una classe 3.0

Da Minecraft al coding: all’Edu Day la scuola 3.0 secondo Microsoft

Microsoft e il Miur hanno organizzato l’Edu Day, una giornata di formazione sulla scuola digitale dedicata a ragazzi e insegnanti, per parlare delle ultime frontiere di didattica innovativa

L’educazione 3.0 della AltSchool in Silicon Valley, dove i bambini scelgono cosa studiare

La AltSchool è una scuola innovativa aperta da un ex-Googler. Prevede molta autonomia e un altissimo uso della tecnologia: ogni bambino ha un proprio tablet. Tra i finanziatori anche Zuckerberg e la vedova Jobs

Twitter è in vendita. Google è in pole tra i 10 acquirenti possibili

Secondo indiscrezioni rilanciate dalla Cnbc, Twitter sarebbe ad un passo dalla vendita. Tra i possibili acquirenti Google e Salesforce. Il dossier, scrive il Financial Times, è stato affidato a Goldman Sachs.

I tassi di interesse negativi delle banche, spiegati

Che senso ha mettere soldi in banca con la certezza che varranno di meno? Figuriamoci se è la Bce a chiedere alle banche di farlo. Coi loro soldi. Eppure un senso ce l’hanno, questi tassi d’interesse a margine negativo. Vi spieghiamo perché

Toronto, la città multiculturale che consuma poco e innova tanto

Sistemi per il controllo dei consumi nelle case, produzione di energia dal gas ricavato dai rifiuti, stampa in 3D alla portata di tutti: la capitale economica del Canada entra così a pieno titolo tra le smart city più importanti del mondo

Gioia e cibo a cielo e (cuore) aperto. Vi racconto il mio Salone del Gusto

È la prima edizione che si svolge a cielo aperto e senza biglietto d’ingresso. In tutta Torino. Con sapori, sorrisi ed eccellenze enogastronomiche da tutto il mondo. Ma soprattutto è la possibilità di scacciare via la paura e capire quanto è bello, insieme, voler bene alla Terra.