I bimbi di pochi mesi imparano l’inglese senza accorgersene grazie all’idea di due mamme

A Bari, Eleonora e Maryann hanno dato vita al progetto “Lesson#1”, il primo corso per imparare “involontariamente” l’inglese tra musica e giochi. Per bimbi da 0 a 6 anni

Eleonora ha una laurea in lingue e letterature straniere. Maryann è madrelingua americana. Socie, amiche, ma, prima di tutto mamme con la passione per l’inglese e il pallino di poter far avvicinare a questa nuova lingua i bimbi in età prescolare. “Perchè bilingue non si nasce, lo si diventa!”, spiegano le due mamme. Una convinzione che si è tradotta in progetto: “Lesson#1”, il primo corso per imparare “involontariamente” l’inglese tra filastrocche, canzoncine, giochi.

Union-Jack-Rug

Imparare l’inglese già a 0 anni

Le lezioni sono aperte a tutti i bambini da zero a sei anni. Proprio così: anche i più piccoli, anche quelli che ancora non sanno parlare e camminare inizieranno a prendere dimestichezza con l’inglese. Il loro metodo, risultato di studi e corsi didattici specifici, è basato sull’imparare divertendosi con diversi strumenti quali il gioco, la musica e il canto. “I bambini – spiegano le due mamme che tengono i corsi in via Celentano a Bari – si appassionano senza alcuna difficoltà alla lingua Inglese portando con sé un bel ricordo ma, soprattutto, un ricco vocabolario di uso quotidiano”.

L’apprendimento inconsapevole

Eleonora e Maryann hanno lavorato a lungo a questo interessante progetto. La loro filosofia, dettata soprattutto dall’esperienza materna trova le basi nell’apprendimento inconsapevole. Hanno creato quattro personaggi: una scimmia, un gatto, un cane e un orso. Ognuno di questi fantasiosi animali racconta il quotidiano ovvero il momento del risveglio, la pappa, il gioco, la nanna e altre avventure. Il tutto in inglese, chiaramente. Un modo divertente per imparare delle parole chiave essenziali per l’Abc dell’apprendimento di una lingua. I libri durante queste lezioni sono banditi: le due mamme usano solo il canto, il gioco e la musica. Un’organizzazione perfetta: i bambini sono divisi in due fasce d’età con piccolissimi gruppi. Il primo comprende i bimbi da zero a tre anni; l’altro i più “grandi”. Il tutto ha una durata di 45-60 minuti.

L’importanza dei genitori

Nessuno pensi ad una sorta di baby sitter moderna: mamme e papà non possono lasciare i bimbi ma diventano partecipi della lezione, imparano anche loro e dialogano con i figli. Anche questo è un processo nuovo ed interessante: quando i bambini, infatti, vedono un parente, un amico leggere, parlare un’altra lingua, scrivere o altro ancora hanno la tendenza ad emularlo. Maryann ed Eleonora possono essere considerate pioniere di questa esperienza che dovrebbe essere adottata da ogni scuola pubblica mettendo in gioco i metodi usati fino ad oggi. L’idea di fondo delle due mamme, cioè imparare divertendosi e apprendere “involontariamente”, permette di far crescere i bambini bilingui e dare loro gli strumenti per affrontare nel migliore dei modi tutto il percorso d’istruzione. Tra l’altro tutti sanno che in tenera età è molto più facile apprendere le lingue straniere. Una sfida significativa che parte da Bari ma che ben presto potrebbe arrivare in altre città italiane grazie a queste due mamme che hanno saputo coniugare la loro esperienza con la loro competenza.

Ti potrebbe interessare anche

7 consigli per insegnare bene l’inglese

Kaplan International Colleges ha raccolto in un’infografica le tecniche più efficaci per l’insegnamento dell’inglese a scuola, interrogando più di 500 insegnanti di lingue

ABA English lancia l’app per imparare l’inglese guardando i film

ABA English, accademia online per l’insegnamento dell’ inglese, ha lanciato un’app innovativa per studiare le lingue attraverso i film

Alla primaria di Coazzolo scommettono sull’inglese con il progetto “Code switching”

Nel nuovo “Istituto delle Quattro Valli” in provincia di Asti è stato lanciato il progetto Clil, per insegnare ai bambini alternando lezioni in italiano e inglese

Il senso del round di MoneyFarm con Allianz, secondo Paolo Galvani

A quasi un anno dal primo grande round da 16 milioni e all’indomani dell’annuncio di un altro round con il gruppo Allianz, abbiamo intervistato il presidente di MoneyFarm Paolo Galvani. Consigli alle startup fintech? «sfatiamo il mito delle banche che cercano startup, bisogna puntare tutto sul team per impressionare gli investitori».