5 comuni piemontesi si sono uniti per creare aule verdi e lezioni all’aria aperta

Orti didattici, percorsi botanici e lezioni all’aperto: in Piemonte 5 comuni hanno dato il via al progetto “Officine Verdi” per insegnare l’ecologia ai bambini

Tutte le scuole hanno un cortile. Molte anche un giardino. Secondo il rapporto di Legambiente sulla qualità dell’edilizia scolastica, delle strutture e dei servizi, il 72,7% degli edifici scolastici ha un’area verde. Il problema è come viene utilizzato questo spazio. Cinque comuni del Piemonte, Predosa, Frugarolo, Bosco, Marengo, Sezzadio e Castellazzo si sono alleati per creare orti didattici e percorsi botanici per fare lezioni all’aria aperta. Addio ai posti macchina per i professori e il preside; ai fastidiosi e inutili sassolini: gli alunni di queste scuole trasformeranno giardini e cortili in aule “green” per fare, ai ragazzi, lezioni di biodiversità. Il progetto si chiama “Officine Verdi” ed è stato finanziato attraverso il bando “Lasciamo la scuola accogliente” indetto dal ministero dell’Istruzione con un contributo di 50 mila euro.

Leggi anche: A Chieti la prima “aula verde” dove i bambini coltivano i frutti dimenticati

Picture 6

I cortili saranno totalmente trasformati: ci saranno aiuole con piante autoctone, piante officinali, essenze locali, piante in grado di attirare insetti e bioindicatori della qualità dell’ambiente. E’ stato progettato un giardino botanico con percorsi verdi che serviranno agli alunni e ai docenti per i laboratori. Obiettivo: insegnare ai bambini fin dalla tenera età a riconoscere la natura, ad individuare le diverse piante, a imparare l’Abc dell’ecologia. A Castellazzo Bormida, poi, sarà allestito un salone con funzioni di laboratorio scientifico con una sala proiezione che sarà usata come luogo d’incontro per manifestazioni e per rispondere alle esigenze scolastiche ed extrascolastiche: uno spazio a disposizione di tutte le associazioni ed enti locali per promuovere iniziative con la scuola.

Una proposta che si inserisce in un percorso di riqualificazione delle strutture scolastiche e che punta a dare un volto diverso anche alle aree degli edifici più vecchi. Una mission che vede in prima linea il ministero ma anche le amministrazioni comunali, gli insegnanti e i ragazzi che diventano protagonisti di questo nuovo modo di fare didattica. Dall’altro canto è da anni che si parla di orti didattici. A metà degli anni Novanta nasce a Berkeley, in California, il primo School Garden di Slow Food, pensato e “coltivato” da Alice Waters, vice-presidente Slow Food Internazionale. In Italia l’Orto in Condotta, progetto di Slow Food Italia, prende avvio nel 2004 divenendo lo strumento principale delle attività di educazione alimentare e ambientale nelle scuole.

Insieme agli studenti, gli insegnanti, i genitori, i nonni e i produttori locali sono gli attori del progetto, costituendo la comunità dell’apprendimento per la trasmissione alle giovani generazioni dei saperi legati alla cultura del cibo e alla salvaguardia dell’ambiente. L’Orto in Condotta prevede percorsi formativi per gli insegnanti, attività di educazione alimentare e del gusto e di educazione ambientale per gli studenti.

Ti potrebbe interessare anche

A Bari gli scarti della mensa diventano compost (e gli insegnanti ‘green’ hanno un bonus)

In Puglia è stato avviato un progetto nelle scuole per trasformare gli scarti alimentari in compost da dare alle famiglie. Gli insegnanti che aderiranno all’iniziativa avranno un aumento di stipendio

A Chieti la prima “aula verde” dove i bambini coltivano i frutti dimenticati (premiata Slow Food)

All’istituto Comprensivo 3 di Chieti hanno creato un’aula all’aperto dove i bambini possono diventare piccoli agricoltori e studiare le scienze con un approccio pratico e diretto

Serra, bosco verticale e un parco sul tetto: la scuola più green d’Europa è a Parigi

L’istituto primario di Boulogne-Billancourt, alla periferia di Parigi, è interamente dedicato all’ecologia e alla biodiversità. I ragazzi studiano circondati dalla natura

Al via a Milano la Fashion Week. Cinque startup che vogliono innovare nella moda

Dal 20 al 25 settembre nel capoluogo lombardo eventi e passerelle per mettere in mostra le ultime tendenze in fatto di abiti, scarpe e accessori. Ma non bisogna perdere di vista chi cerca di modernizzare il settore con la tecnologia. Qui qualche esempio

A ottobre debutta Aml bitcoin, la criptovaluta che contrasta i crimini finanziari

Marcus Andrade ha proposto di introdurre questa modalità di pagamento nel porto di San Francisco. La trasparenza e la sicurezza garantite dal sistema hanno attirato l’attenzione delle istituzioni negli Stati Uniti che potrebbero portare alla sua legittimazione

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

Food delivery, cosa ordinano gli studenti | La ricerca

Al vertice delle preferenze svettano i piatti americani seguiti dalla cucina asiatica e da quella italiana. In Italia trionfano pizza, burger e sushi. E il 75% spende oltre 20 euro per un ordine

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo