Dal bosone alle onde gravitazionali: i dati del Cern diventano open per gli studenti italiani

Parte oggi l’iniziativa Masterclass, coordinata dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare: un viaggio nelle ricerche del Cern dedicato agli studenti delle scuole superiori. Potranno utilizzare i dati veri e rifare gli esperimenti che hanno portato alla scoperta del bosone di Higgs

Sembra quasi un regalo, la rilevazione per la prima volta nella storia delle onde gravitazionali, in occasione dei 100 anni della Teoria della relatività appena compiuti. Un regalo che emozionerà e spingerà un numero ancora maggiore di studenti ad avvicinarsi alla fisica e, perché no, ad aggiungersi a quei tanti italiani che spiccano nella ricerca aerospaziale, come abbiamo avuto modo di vedere proprio in occasione dell’annuncio della rilevazione delle onde, per la quale l’antenna Virgo di Cascina, in provincia di Pisa, ha avuto ruolo essenziale. La scoperta è arrivata in un ottimo momento per gli studenti che vogliono appassionarsi alla fisica: proprio oggi, infatti, parte la dodicesima edizione di Masterclass, iniziativa internazionale coordinata dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) che porta i ragazzi delle scuole superiori di tutta Italia in un viaggio dentro le ricerche del CERN.

Leggi anche: Il Miur manderà nello spazio le migliori idee degli studenti. Qui come partecipare

masterclass1_INFN

Un viaggio internazionale

Tra l’11 febbraio e il 23 marzo, quasi 300 studenti avranno l’opportunità di visitare centri di ricerca dentro le Università italiane per conoscere dal vivo come funzionano le ricerche dei fisici del Centro di Ginevra: la prima tappa del calendario è oggi, 12 febbraio, nell’Università di Udine. I ragazzi saranno accompagnati dai ricercatori in un viaggio nell’infinitamente piccolo, ed esploreranno le caratteristiche della grande macchina LHC (Large Hadron Collider), dove nel luglio 2012 è stato scoperto il bosone di Higgs.

L’accesso ai dati del CERN

Ogni università organizza una giornata di lezioni e seminari sugli argomenti fondamentali della fisica delle particelle: gli studenti avranno l’opportunità di esercitarsi al computer su uno degli esperimenti dell’acceleratore di particelle LHC (ATLAS, CMS, ALICE o LHCb). I ragazzi potranno usare i veri dati provenienti dall’acceleratore per simulare negli esercizi l’epocale scoperta dell’Higgs, ma anche quella dei bosoni W e Z, che nel 1984 valsero il premio Nobel a Carlo Rubbia. L’iniziativa fa parte delle Masterclass internazionali organizzate da IPPOG (International Particle Physics Outreach Group), che si svolgono contemporaneamente in 42 paesi, coinvolgendo 210 tra enti di ricerca e università in Europa, Stati Uniti, Cile, Ecuador, e altre nazioni. Alla fine di ogni giornata gli studenti potranno collegarsi in una videoconferenza con i coetanei di tutto il mondo che hanno svolto gli stessi esercizi in altre università.

@carlottabalena

Il calendario Masterclass

BARI (22 febbraio e 15 marzo): Dipartimento di Fisica

BOLOGNA (17, 18 febbraio): CNAF-INFN (aula Asinelli-Garisenda)

CAGLIARI (18, 19, 26 febbraio): Dipartimento di Fisica dell’Università

CATANIA (18 marzo): Cittadella Universitaria, Dipartimento di Fisica e Astronomia

COSENZA (18 febbraio): Dip. di Fisica Università della Calabria Ponte Bucci

FERRARA (2, 17 marzo): Polo Scientifico Tecnologico

FIRENZE (17, 18, 26 febbraio e 16 marzo): Dipartimento di Fisica ed Astronomia

FRASCATI (14-17 marzo): Laboratori Nazionali di Frascati

GENOVA (19, 26 febbraio e 7, 11, 14, 21 marzo): Dipartimento di Fisica

LECCE (1 marzo): Università del Salento, Campus Ekotekne

MILANO (15 febbraio e 2 marzo): INFN – Sezione di Milano

MILANO-BICOCCA (9 marzo): Università degli Studi di Milano Bicocca

NAPOLI (23, 24 febbraio): Complesso Universitario di Monte S. Angelo dell’Università “Federico II”

PADOVA (15, 16, 17 marzo): Dipartimento di Matematica

PAVIA (15, 16, 17 febbraio): Dipartimento di Fisica dell’Università di Pavia

PERUGIA (1, 17 marzo): ex-Dipartimento di Fisica, Università di Perugia

PISA (18, 24 febbraio e 1, 2 marzo): INFN Sezione di Pisa

ROMA “La Sapienza” (23 febbraio): Dipartimento di Fisica della Sapienza di Roma, ROMA “TOR VERGATA” (16 marzo): Dipartimento di Fisica dell’Università di Roma Tor Vergata

ROMA Tre (3, 31 marzo e 7 aprile): Università Roma Tre, Dipartimento di Matematica e Fisica “Edoardo Amaldi”

TORINO (16 marzo): Dipartimento di Fisica

TRIESTE (19 febbraio): Dipartimento di Fisica dell’Università degli Studi di Trieste

UDINE (12 febbraio): Università di Udine, Dipartimento di Chimica, Fisica e Ambiente

Ti potrebbe interessare anche

“Quel puntino nero è un pianeta”: l’ha scoperto Tom, 15 anni

Durante uno stage con un professore di Astrofisica, Tom Wagg si è accorto di un punto nero nel fascio di luce di una stella. Due anni dopo ha avuto la conferma: ha scoperto un nuovo pianeta

Da Mantova al Majorana di Brindisi (sognando AstroSamantha)

La storia di Elisa, 14 anni: si è trasferita da sola per frequentare una delle scuole più innovative d’Italia, l’Ettore Majorana di Brindisi. L’ha aiutata il dirigente scolastico Salvatore Giuliano, fondatore del progetto Book in Progress

Al summer camp della Nasa i bambini sognano di camminare su Marte

Centinaia di ragazzi questa estate saranno coinvolti nei summer camp che la Nasa organizza per crescere una nuova generazione di astronauti

Streetfood, l’Apecar di Gustavo sbarca (con la sua polenta) a New York

L’Apecar gialla dedicata alla polenta di Gustavo adesso viaggia on the road anche a New York. Ma è solo l’ultimo evento che riguarda VS Veicoli Speciali, specialista nello stare accanto ai protagonisti dello streetfood…