Pannelli solari, lampadine smart e zero impatto sull’ambiente: a Caltagirone la scuola sostenibile

L’Istituto Gobetti di Caltagirone è diventato completamente autosufficiente per l’energia grazie a un nuovo impianto fotovoltaico e una serie di tecnologie che l’hanno trasformato nella scuola più green della Sicilia

E’ la prima scuola in Sicilia nata grazie ai fondi del POI Energie del Ministero dell’Ambiente energeticamente autosufficiente. L’Istituto Gobetti di Caltagirone è una scuola a consumo zero, un esempio da seguire, grazie all’innovativo binomio di eco-sostenibilità e risparmio energetico da fonti rinnovabili. Il 12 febbraio è stato inaugurato il nuovo impianto fotovoltaico di ultima generazione che la rende completamente autosufficiente da un punto di vista energetico. La scuola in via Piersanti Mattarella occupa una superficie di 2.582,61 metri quadrati; composta da 11 classi, con una popolazione scolastica, fra studenti e docenti, di circa 300 persone, è stata da poco dotata di un impianto geotermico realizzato dal Comune di Caltagirone grazie al Programma Operativo Interregionale “Energie rinnovabili e risparmio energetico” (importo complessivo 1.339.550,26 euro). L’impianto geotermico, con cappotto termico, illuminazione intelligente e a basso consumo, è uno degli otto avviati sperimentalmente dal ministero dell’Ambiente in Italia e uno dei due presenti in Sicilia (l’altro sarà costruito a Siracusa).

Leggi anche: A Bari gli scarti della mensa diventano compost (e gli insegnanti ‘green’ hanno un bonus)

204-10-33-53-2796

La scuola green

La realizzazione del progetto “scuola a impatto zero” ha consentito all’interno del Gobetti i seguenti interventi di efficientamento energetico: un decisivo miglioramento delle caratteristiche di isolamento termico delle pareti e delle coperture mediante un cappotto termico; l’installazione di pannelli radianti a soffitto; la realizzazione di un nuovo impianto di produzione caldo/freddo e acqua calda sanitaria, con pompe di calore terreno-acqua e sonde geotermiche. Inoltre è stato realizzato un nuovo sistema di regolazione per il controllo della temperatura in ogni singolo ambiente ed un impianto di illuminazione con controllo e monitoraggio dei punti luce mediante un sistema centralizzato gestibile da Pc e pali a Led per l’illuminazione esterna.

Educazione ambientale

Tutte le undici classi sono pensate per essere in rapporto diretto con l’esterno, con ampie aperture sul verde e con un’adeguata illuminazione solare. Non ha l’allacciamento alla rete del metano dato che è un sistema fotovoltaico quello che garantisce il fabbisogno di energia elettrica. E grazie ad un sistema che prevede il recupero delle acque meteoritiche, anche il consumo di acqua viene sensibilmente ridotto. Il progetto ha inoltre portato ad un coinvolgimento di tutti, insegnanti e studenti, che hanno dato vita a iniziative green a scuola con un’attenzione rivolta non solo al risparmio energetico, ma anche all’educazione ambientale e al riciclo consapevole.

Ripensare le scuole

Negli ultimi anni, l’obiettivo di rivedere le strutture delle nostre scuole con un particolare sguardo a criteri eco-sostenibili è prioritario, se si pensa che il 30% della popolazione italiana trascorre almeno 1/4 della propria giornata (corpo docente, alunni, impiegati) e che spesso si tratta di immobili adattati a tali funzioni, si comprendono i bisogni di una ricognizione al fine di riqualificare il patrimonio immobiliare scolastico italiano. In questo ambito si colloca il programma #scuolesostenibili del Ministero dell’Ambiente: una scuola moderna ed efficiente è anche una scuola sostenibile ed ecoefficiente, che produce energia da fonti rinnovabili. E’ una scuola in cui si fa innovazione non solo attraverso la didattica ma che si inserisce nel territorio rispettandone le caratteristiche e valorizzandole. Impianti fotovoltaici, impianti solari termici, impianti di minicogenerazione: sono solo alcuni esempi dell’ “obiettivo efficientamento energetico” racchiuso nel programma #scuolesostenibili.

@grocco4

Ti potrebbe interessare anche

A Bari gli scarti della mensa diventano compost (e gli insegnanti ‘green’ hanno un bonus)

In Puglia è stato avviato un progetto nelle scuole per trasformare gli scarti alimentari in compost da dare alle famiglie. Gli insegnanti che aderiranno all’iniziativa avranno un aumento di stipendio

5 comuni piemontesi si sono uniti per creare aule verdi e lezioni all’aria aperta

Orti didattici, percorsi botanici e lezioni all’aperto: in Piemonte 5 comuni hanno dato il via al progetto “Officine Verdi” per insegnare l’ecologia ai bambini

Lego cerca un’alternativa alla plastica (e investe 100 milioni di euro)

L’azienda sta per investire 1 miliardo di corone danesi nella ricerca. Obiettivo? Trovare un materiale più sostenibile della plastica col quale produrre i famosi mattoncini

Al via a Milano la Fashion Week. Cinque startup che vogliono innovare nella moda

Dal 20 al 25 settembre nel capoluogo lombardo eventi e passerelle per mettere in mostra le ultime tendenze in fatto di abiti, scarpe e accessori. Ma non bisogna perdere di vista chi cerca di modernizzare il settore con la tecnologia. Qui qualche esempio

A ottobre debutta Aml bitcoin, la criptovaluta che contrasta i crimini finanziari

Marcus Andrade ha proposto di introdurre questa modalità di pagamento nel porto di San Francisco. La trasparenza e la sicurezza garantite dal sistema hanno attirato l’attenzione delle istituzioni negli Stati Uniti che potrebbero portare alla sua legittimazione

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

Food delivery, cosa ordinano gli studenti | La ricerca

Al vertice delle preferenze svettano i piatti americani seguiti dalla cucina asiatica e da quella italiana. In Italia trionfano pizza, burger e sushi. E il 75% spende oltre 20 euro per un ordine

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo