Ecco le migliori università europee del 2016: solo un’italiana nella top 50

Times Higher Education ha pubblicato la classifica mondiale delle migliori università al mondo. In Europa i paesi che hanno gli atenei migliori sono Regno Unito e Germania

E’ stata pubblicata la classifica delle migliori università del mondo secondo Times Higher Education, che ogni anno si occupa di valutare gli atenei sulla base di vari criteri: ambiente di apprendimento, ricerca, l’influenza nel mondo accademico, la prospettiva internazionale, trasferimento di saperi sul mondo del lavoro. Ai primi dieci posti figurano per la maggior parte università americane, ma ci sono anche le inglesi e l’Istituto di Tecnologia di Zurigo. L’Europa è rappresentata in classifica soprattutto dal Regno Unito, che è il paese europeo che conta il maggior numero di atenei in classifica (sono 46). 

Leggi anche: Le 12 migliori università tech del mondo

università

Normale di Pisa: la sola nella top 50

L’unica università italiana a piazzarsi tra le prime 50 posizioni tra le migliori università europee è la Scuola Normale Superiore di Pisa che, nel ranking globale, è al numero 112. Tutte le altre università nostrane si posizionano oltre il posto 180. Il Regno Unito, invece, è il paese europeo dove, a quanto pare, si studia meglio: la seconda migliore università del mondo è l’University of Oxford, la quarta è l’ateneo di Cambridge, l’ottava è l’Imperial College di Londra (e sono nei primi 3 posti della top 10 europea).

In Regno Unito e Germania si studia meglio

La Germania è il secondo paese più rappresentato nella classifica delle migliori atenei europei: ha 36 università in classifica, un terzo delle quali nella top 50. La LMU di Monaco è al 10 posto nella classifica europea e al numero 29 di quella mondiale. Gli altri paesi che riescono meglio in Europa sono gli scandinavi, con Svezia e Finlandia in testa: il Karolinska Institute svedese è al nono posto europeo, mentre l’Università di Helsinki è nella top 30.

TOP 10 europea

1. Università di Oxford

2. University di Cambridge

3. Imperial College di Londra

4. ETH Zurich – Swiss Federal Institute of Technology Zurich

5. University College di Londra

6. London School of Economics

7. Università di Edimburgo

8. King’s College di Londra

9. Karolinska Institute di Svezia

10. LMU Monaco

TOP 10 mondiale

1. California Institute of Technology

2. Università di Oxford

3. Stanford University

4. University di Cambridge

5. Massachusetts Institute of Technology

6. Harvard University

7. Princeton University

8.  Imperial College di Londra

9. ETH Zurich – Swiss Federal Institute of Technology Zurich

10. University of Chicago

  • Luca Willie Colombo

    Università londinesi ne abbiamo?

Ti potrebbe interessare anche

“Alzate la voce, cambiate il mondo”: i 5 punti chiave del discorso di Tim Cook alla Bocconi

Tim Cook, Ceo Apple, è intervenuto all’apertura dell’anno accademico dell’università Bocconi di Milano. I suoi consigli agli studenti: dare peso alle differenze, consolidare il lavoro di squadra, e applicare i propri valori sul lavoro. Con un’attenzione particolare al cambiamento climatico

Fare business vero con i rifugiati: perché Soros investirà 500 milioni nelle loro startup

L’imprenditore di origine ungherese, fondatore delle Open Society Foundation, ha deciso di promuovere le idee di business di chi scappa da guerra e povertà. E stimola il settore privato a impegnarsi per dare loro accesso a tutti servizi e favorirne così l’autonomia nelle comunità che li ospitano

Il senso del round di MoneyFarm con Allianz, secondo Paolo Galvani

A quasi un anno dal primo grande round da 16 milioni e all’indomani dell’annuncio di un altro round con il gruppo Allianz, abbiamo intervistato il presidente di MoneyFarm Paolo Galvani. Consigli alle startup fintech? «sfatiamo il mito delle banche che cercano startup, bisogna puntare tutto sul team per impressionare gli investitori».

Questa batteria si autodistruggerà in 30 minuti. Transient Technologies

I ricercatori della Iowa State University hanno realizzato una batteria da 2,5 Volt a base di alcool polivinilico che si dissolve in acqua in 30 minuti. In futuro potrà essere utilizzata per dispositivi medici da impiantare nel corpo umano, per sensori ambientali temporanei e per dispositivi militari che non devono cadere nelle mani del nemico.