Al “Tosi” di Busto gli studenti imparano 6 lingue, fanno prove d’impresa e si diplomano in 4 anni

L’Istituto Tecnico Economico “Enrico Tosi” di Busto Arsizio è una scuola innovativa e sperimentale: ce la siamo fatta raccontare direttamente dagli studenti

Nell’Istituto Tecnico Economico Enrico Tosi di Busto Arsizio il motore del cambiamento sono gli studenti. Ragazzi giovanissimi, non convenzionali, dalla mente creativa che vogliono innovare la scuola da dentro. “Da noi non è mai così definitivo chi apprende e chi insegna, chi è docente e chi è discente. Da noi gli studenti si sentono davvero protagonisti perché costruiscono, con i docenti, curricola innovativi e personalizzabili attraverso percorsi d’apprendimento mirati” dicono dall’istituto. Una scuola pubblica che sperimenta un percorso di quattro anni per il conseguimento del diploma (invece dei 5 anni convenzionali) con una metodologia di matrice anglosassone, in cui si studiano sei lingue (inglese, francese, tedesco, cinese, russo e spagnolo) e con una didattica profondamente innovativa. Le aule del “Tosi” sono flessibili, si adattano a metodi di apprendimento diversi. Anche il tempo scuola varia, e dalle 27-30 ore settimanali si passa a moduli flessibili per far spazio a esperienze di alternanza scuola-lavoro, stage, scambi con l’estero.

Leggi anche: Cloud, flipped classroom e tablet agli studenti: è l’aula 3.0 dell’Istituto “Giusti” di Milano

image2

Il progetto sperimentale

Aderendo al Progetto Generazione Web l’ITE Tosi ha potuto accedere ai finanziamenti della Regione Lombardia e dotarsi di tecnologia avanzata, mentre per gli insegnanti è stato predisposto un piano di formazione adeguato. Questo progetto ha consentito di potenziare al massimo le tecnologie presenti, tanto da fare delle tradizionali aule, concepite secondo il modello della frontalità dell’insegnamento, dei nuovi ambienti di apprendimento. Rispetto alla scelta della LIM tradizionale si è optato, pertanto, per dei videoproiettori interattivi che consentissero un collegamento ai tablet degli studenti. Ma a raccontare tutta l’innovazione dell’Istituto Tosi sono gli stessi studenti, che abbiamo intervistato (assieme alla Preside) e che con molto entusiasmo e una lucida visione del  futuro ci hanno descritto le loro “giornate a scuola fuori dall’aula”.

La simulazione d’impresa

Filippo Fumagalli, 15 anni, afferma: “Ho scelto l’Istituto Tosi principalmente per l’opportunità della sperimentazione in 4 anni e per le sue certificazioni linguistiche internazionali (CLIL, Content and Language Integrated Learning), ma molto presto mi sono appassionato alle attività di flipped classroom, team working e public speaking. Nella nostra scuola siamo noi che facciamo lezione e spesso in lingua inglese parlando di storia, biologia, chimica, diritto”. Filippo e la dirigente scolastica Nadia Cattaneo ci parlano del Progetto Impresa formativa simulata, una particolare modalità di alternanza scuola lavoro, che consente agli studenti, in forma simulata, di costituire la propria azienda secondo il modello e la tipologia dell’azienda reale di riferimento che svolge la funzione di tutor esterno. Gli studenti assumono i diversi ruoli sociali e imprenditoriali presenti nell’azienda tutor e curano una comunicazione adeguata al contesto e tecnologicamente avanzata. Nei primi giorni di dicembre hanno preso avvio, nelle classi terze del Tosi, alcune Imprese Simulate, incontrando i responsabili d’azienda e professionisti per avviare le attività del progetto e riflettere su alcuni temi cruciali. In particolare il dott. Giuseppe Brugnone, ex alunno del Tosi (attualmente responsabile Digital Marketing di LEGO Italia), di recente ha incontrato la classe 3DF  impegnata nella creazione della propria azienda simulata nel mondo Lego. Esperienza che ha tracciato nei ragazzi una gran voglia di fare impresa.

Progetti all’estero ed esperienze di lavoro

Ilaria Magnoni, 18 anni, racconta: “Oggi sono all’ultimo anno, tra qualche mese mi aspetta la maturità. Il mio percorso al Tosi mi ha trasferito una serie di competenze significative, ma l’esperienza che più mi ha segnata è stata senz’altro far parte dello staff del World School International Forum, che nel 2015 ha visto la nostra scuola, come istituto ospitante e quindi protagonista dell’evento”. Il World School è una manifestazione nata nel 1997 in Giappone: ogni anno studenti provenienti da 21 paesi da tutto il mondo in qualità di rappresentanti delle loro nazioni si ritrovano insieme per un forum con lo scopo di creare un network di studenti e docenti e sviluppare nei giovani una prospettiva globale”Thomas Barberi, 17 anni, spiega la sua esperienza al Progetto Alternanza Lavoro: “Faccio parte del gruppo dei 36 allievi delle classi di terza che sono stati di recente a Bolzano per un tirocinio di 2 settimane in realtà economiche dell’Alto Adige. Ho consolidato la lingua tedesca e ho visto realmente come si lavora in un’impresa. Oggi sono stato scelto dalla mia scuola per frequentare uno stage presso un’azienda nel mondo dell’informatica che durerà fino alla fine dell’anno”.

IMG_1506

La scuola fuori dall’aula

La preside Nadia Cattaneo parla del metodo di didattica innovativa che lei e i suoi allievi definiscono “Fare scuola, Fuori la scuola”: il concetto di scuola fuori dall’aula che consente di affacciarsi al mondo del lavoro in modo pragmatico. Si tratta di una iniziativa partita circa 10 anni fa e che oggi si è consolidata nel tempo consentendo a oltre 400 studenti di conoscere realtà diverse sia economicamente che culturalmente.

A lezione di dibattito

Mara Pegoraro,18 anni e Anna Lisa Dal Zotto 18 anni: “Imparare a parlare, a esprimersi, a dialogare non significa solo sviluppare capacità di argomentazione, ma anche la capacità di trovare idee, la flessibilità nel sostenere una posizione che non sia quella propria quando si svolge un ruolo di rappresentanza. L’apertura mentale che permette di accettare la posizione degli altri, l’ironia e l’eloquenza che contribuiscono a rendere il dialogo piacevole. Competenze trasversali che formano la personalità e che sono utili soprattutto al di fuori della scuola, per affrontare un colloquio di lavoro, per sostenere un esame, per dare voce, con garbo e determinazione, alle proprie idee. Questo è ciò che ho imparato grazie a Debate, una disciplina di confronto (di origine anglosassone) che oggi mi consente di essere una persona che non ha paura di parlare e dibattere in pubblico” afferma Mara. Le ragioni del successo del Debate tra i ragazzi sono numerose, secondo la Preside Cattaneo: “L’arte del dibattere sviluppa il pensiero critico e le competenze comunicative; promuove l’autostima e la consapevolezza culturale; abitua a saper strutturare un discorso e sostenere le proprie argomentazioni, a ricercare e selezionare le fonti; ad essere cittadini consapevoli ed informati”.

Un’app per le comunicazioni scuola-studente

Andrea Basili, 17 anni, ci parla di ITE Tosi App, la app che insieme Daniele Oliva – suo coetaneo – ha ideato e sviluppato per facilitare la vita di docenti, studenti e famiglie del Tosi. La app è ancora in fase beta e al momento è stata sviluppata per il sistema android e sarà rilasciata entro fine anno scolastico. Gli studenti avranno in un’unica app tutte le informazioni, personalizzabili, ottimizzando significativamente il tempo. Le famiglie potranno accedere in tempo reale alle informazioni sull’andamento scolastico dei figli: voti, assenze, orari delle lezioni, giorni di ricevimento dei professori, circolari. Nonostante sia un istituto professionale, il 60%  degli studenti del Tosi sceglie di proseguire i suoi studi all’università, ma un terzo di chi sceglie di fermarsi e di cercare lavoro, lo trova entro due mesi dal diploma: probabilmente il motivo va cercato negli strumenti che questa scuola mette a disposizione.

@grocco4

  • Daniele

    Sono Daniele Oliva, l’altro sviluppatore dell’app. Il link che è stato messo per l’app è sbagliato in quanto la nostra non è stata ancora rilasciata a tutti ma è ancora in beta! Bell’articolo comunque

  • Andrea

    Confermo quello che dice Daniele! La nostra applicazione è completamente diversa.

  • Davide Pagliarin

    Sono uno dei beta tester dell’applicazione, l’applicazione è del tutto diversa da quella del link dell’articolo e soprattutto l’applicazione non è ancora stata rilasciata.

  • Andrea

    Bellissimo articolo 😀 Grazie anche per l’introduzione al progetto mio e di Daniele che spero possa incoraggiare i ragazzi ad appassionarsi all’informatica! 🙂

Ti potrebbe interessare anche

Banco interattivo, wireless e stampanti 3D: all’IC9 di Bologna la classe 3.0

L’Istituto Comprensivo 9 di Bologna ha innovato la didattica e inserito videoproiettori, aule digitali e wi-fi in tutte le classi. «Per prima cosa, però, abbiamo pensato a formare i docenti»

Classe 3.0 di Bari, il preside: «Già dai banchi è partita la nostra innovazione»

Al liceo scientifico statale “Arcangelo Scacchi” di Bari si è andati oltre la didattica 2.0. La prima campanella per ventotto studenti del primo anno è suonata in una classe 3.0

Come si fa una lezione con un iPad? Lo hanno spiegato, e ci siamo stati

E’ cominciato da Roma un ciclo di  seminari per raccontare agli insegnanti i vantaggi della didattica interattiva, e avviarli all’uso di strumenti multimediali, unendo insegnamento, creatività e tecnologie

Con Muzo puoi creare il silenzio (e riprodurre oltre 1000 ambienti sonori)

Questo device promette di aiutarci a creare una bolla di silenzio perfetta. Grazie al suo campionario di suoni è in grado di riprodurre oltre 1000 ambienti sonori. In più è dotato di Anti-Vibration Technology per eliminare ogni disturbo proveniente dall’esterno

Cryptodrop blocca i ransomware di Windows (ma ha imparato da Linux)

Un sistema elaborato da quattro ricercatori americani è riuscito a individuare 492 tipi di ransomware sulla stessa piattaforma bloccandoli. È un nuovo approccio alla sicurezza informatica