L’asilo dove ai bimbi si parla inglese e francese (e si cucina, e si suona pure l’ukulele)

The Living School è la scuola d’infanzia dove i bambini sono immersi nell’inglese e nel francese, coltivano l’orto, imparano a suonare gli strumenti e ad apprezzare l’arte. Tutto prima dei 6 anni

Un tempo c’erano le suore, oggi nel monastero delle Clarisse di Santa Chiara in San Martino d’Albano (Genova) c’è una scuola fondata da mamme e papà, dove dai tre mesi ai 6 anni si impara l’inglese e il francese in maniera naturale, si pranza con alimenti biologici e biodinamici, si coltivano ortaggi, frutti e fiori, si impara a 4 anni a cantare, suonare il pianoforte, il violoncello e l’ukulele ma anche a fare video. A fondare questa struttura privata ma non profit sono stati Gabriella Maviglia, 37 anni, laureata in discipline economiche e in scienze della formazione primaria con specializzazione nell’opera di Maria Montessori, e Andrea, laureato in ingegneria, papà e responsabile tecnico di “The Living School”, ovvero idraulico, muratore, elettricista, falegname. A Chieti la prima “aula verde” dove i bambini coltivano i frutti dimenticati (premiata Slow Food)

Leggi anche: A Chieti la prima “aula verde” dove i bambini coltivano i frutti dimenticati (premiata Slow Food)

asilo

“Fare da solo”

Con loro ci sono Daniela; Marzia che oltre a fare la paracadutista è insegnante di danza e madrelingua; Giorgia; Francesca, appassionata di pedagogia attiva e mamma; Fiona; Marilyne, parigina e chiaramente madrelingua francese; Tina, jazzista; Pietro che si occupa dell’atelier di botonica della scuola; Alessandra, responsabile dell’atelier di cucina di “The Living School” e Francesca, ideatrice di un nuovo progetto sull’equilibrio “Corpo-Mente” e specializzata in costellazioni familiari e medicina orientale. Una “squadra” variegata e ben assortita che è stata capace di lanciare una scuola di vita che ha un solo obiettivo nato dalla condivisione delle parole di Maria Montessori: “Aiutami a fare da solo. Se faccio capisco”.

I fondatori della scuola

I fondatori della scuola

L’importanza dei genitori

Dall’asilo nido alla scuola dell’infanzia i bambini che frequentano questa scuola imparano da soli. Il compito degli educatori non è quello di sovrapporsi al percorso del bambino ma quello di essere pazienti, di aiutarlo ad organizzare il sapere e l’apprendimento. Alla “The living school” il supporto dei genitori è essenziale: sono mamme e papà a mettere a disposizione le loro conoscenze e le loro competenze. La scuola si fa insieme.

E così può capitare che grazie ad un padre di un alunno si possa fare un corso di videomaking, unico in Italia per i bambini di quell’età.

Nell’ex convento è nata un’esperienza interessante che è entrata a far parte del programma internazionale della Fondazione per l’educazione ambientale per diventare “Eco-School”.

La scuola ecologica

Questa scuola è orientata molto all’ecologia: nell’orto ci sono 500 unità di erbe aromatiche. La scuola dell’infanzia fa spesso lezione in giardino sotto un gazebo all’aperto e fa parte del progetto “Slow Food” di “Orti in condotta”. Mamme e papà non si sono fatti mancare nulla così hanno fondato anche un centro culturale che organizza mostre d’arte che parlano d’infanzia all’infanzia, corsi di educazione alimentare, di massaggio infantile per mamme e bambini, yoga, e “winter camp”. “Noi crediamo – spiegano i fondatori – che la scuola non riesca a raggiungere i suoi obiettivi se non viene inserita in un contesto sociale con il quale possa strettamente interagire”.

Ti potrebbe interessare anche

A Orvieto un campus modello Google: tra robot e baby park

Vetrya ha aperto un corporate campus all’avanguardia, dove il lavoro incontra la formazione e dove le mamme possono portare i figli in ufficio grazie all’area dedicata all’infanzia

Che cos’è il Reggio Emilia Approach, il metodo italiano che il mondo ci ammira

La filosofia del Reggio Emilia Approach è un metodo educativo nato negli anni ’90 che si incentra sul bambino e si basa sulla partecipazione, sull’importanza dell’ambiente educativo e sulla presenza dell’atelier

Dall’orto alla mensa a km0: ecco il primo asilo di Lidl, a Verona

Ad Arcole (Verona) c’è il centro per l’infanzia per i dipendenti di Lidl: una struttura coinvolgente che potrebbe fare da modello per le scuole d’infanzia pubbliche

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti